Glyph è un platform 3D – sviluppato da Bolverk Games – nel quale giocherete nei panni di Glyph, un piccolo scarabeo meccanico che è stato risvegliato in quello che, appare, come un deserto abbandonato. Non appena aperti gli occhi, vi verrà presentato il vostro principe azzurro di nome Anobi, che agirà da narratore. Egli vi spiega come, per ripulire la terra dalla sabbia corrotta, dobbiate trovare il Tempio perduto di Aaru. Il vostro compagno di avventure funge anche da guida, offrendo una voce sia tra che durante i livelli e guidandovi al meglio nell’utilizzo delle abilità di Glyph.

tempio aaru

La desolazione nella quale ci ritroviamo è ben diversa da ciò che ci viene narrato da Anobi. Infatti, una civiltà chiamata The Elders ha creato una macchina (The Guardian) per difendere il tempio. Purtroppo per loro, qualcosa è andato terribilmente storto, rendendo colui che avrebbe dovuto agire da guardiano, corrotto. Rotolando verso monete, gemme e artefatti, l’obbiettivo generale di Glyph è di ricostruire il Tempio perduto di Aaru. Per farlo, il protagonista dovrà trovare un modo per purificare la corruzione che ha avuto inizio all’interno proprio di quelle mura. Il Santuario funge da fulcro del gioco, donandogli uno stile non lineare nel quale potrete completare i livelli in qualsiasi ordine, e rivisitare quelli più vecchi con facilità.

Glyph e la dinamicità

Nel momento in cui mi approccio a giochi di ruolo open world, soffro del problema di voler portare a termine ogni singola missione che incontro. Ma, come il ragazzino di cinque anni che sono, nel momento in cui sono costretto dal titolo a svolgere quest’azione, mi ribello ed evito. Un po’ come accade in Dragon AgeInquisition, nel quale le missioni principali sono spesso inaccessibili senza possedere una certa risorsa, la quale potrà essere ottenuta solo completando le quest secondarie. Dunque, nel primo approccio a Glyph, temevo che una filosofia simile finisse col manifestarsi in me, con chissà quali conseguenze. Per fortuna, Bolverk Games è riuscita a trovare un equilibrio armonioso tra raccolta di monete, gemme e artefatti, che andavano perfettamente a cavallo con l’intenzione di incoraggiare l’esplorazione, senza scoraggiare la progressione.

tempio aaru dall'alto

Uno dei punti principali che convince del gioco, è la dinamicità che gli sviluppatori sono stati in grado di donargli. Approcciarsi in breve raffiche di tempo di 10 o 15 minuti, o sedersi per disputare delle sessioni più lunghe non renderà l’esperienza complessiva inferiore, scegliendo una o l’altra via. La trama non è raccontata in prima linea, ma Anobi offre sempre delle piccole informazioni durante ogni livello. Accorpandole, alla fine, vien fuori un mosaico sorprendentemente profondo e coerente, che potrebbe sfuggirvi pensando sia posto lì, solo come riempitivo. A conferma della dinamicità che investe Glyph, ci sono più percorsi per raggiungere il Tempio di Aaru. Ciò significa più livelli per ottenere le risorse necessarie a sbloccarlo, senza costringervi comunque a completarli tutti, qualora doveste voler terminare la vostra esperienza senza troppi ripensamenti.

Games

Il momentum

A livello di platforming puro, Glyph riesce a difendersi egregiamente. I livelli possono essere dedicati all’esplorazione, dandovi tutto il tempo per guardarvi attorno, o alle prove a tempo. In questo secondo caso, dovrete raccogliere tutte le chiavi e fuggire in fretta, dato che le gemme vi verranno concesse in base al risultato. Per aiutarvi, potrete planare, effettuare doppi salti, e sbattervi al suolo, ma è in aria che il gioco dà il meglio di sé. Infatti, il modo in cui riesce a gestire il momentum è eccezionale, complicato da padroneggiare ma estremamente soddisfacente una volta abituatisi.

Quando sarete persi tra le nuvole, avrete la sensazione costante di guadagnare slancio, fino a quando non cambierete direzione o colpirete un ostacolo. Tutto ciò, oltre a essere molto divertente, si rivelerà fondamentale nei livelli successivi, qualora doveste imbattervi in una torre molto alta. In particolare, una prova a tempo richiede di lanciarsi tra una serie di piccole piattaforme angolate a velocità pazzesche, per essere portata a termine. In questo caso, il momentum sarà necessario per riuscire a rimbalzare quasi a ritmo musicale tra le varie mattonelle, finendo altrimenti per cadere nel vuoto. È un vero e proprio livello di test, per mettere alla prova tutto quello che avrete imparato in quelli spericolati già completati.

Maps

In termini visivi, Glyph vira verso il lato più semplice, ma ciò non significa che non sia di bell’aspetto, anzi, Lo stile di design scelto è delizioso e ricco di fascino. I dettagli sullo sfondo sono realizzati quasi seguendo una tavolozza monotona, con l’ambientazione desertica che riporta ai vecchi fasti di Journey. Ma è nel comparto audio che Glyph brilla davvero. Gli effetti sonori generati sono sottili, confondendosi spesso con una colonna sonora di accompagnamento capace di scorrere in maniera lucida. Grazie a ciò, sarete trascinati ulteriormente all’interno del mondo di gioco, ergo vi consigliamo con forza l’utilizzo delle cuffie, per vivere un’esperienza completa.

Le nostre considerazioni su Glyph

Com’era semplice presupporre, Glyph culmina in una lotta nel Tempio Aaru proprio contro The Guardian, coadiuvata da un level design che mi ha rattristito, dato che non avrete la chance di vederlo più spesso. Sebbene criticare un gioco in base alle mie aspettative su ciò che non aveva nemmeno intenzione di essere non è un’opzione valida, ritengo che la presenza di più sezioni dedicate a battaglie complesse avrebbero offerto un cambio di ritmo rinfrescante. Questo vale soprattutto per le fasi più avanzate del titolo, completabili in tempi brevi, anche aumentando la difficoltà, dato che avrete ormai appreso le meccaniche. Nel complesso, comunque, Glyph è un platform divertente e ben fatto, capace di far divertire i giocatori più accaniti e quelli cosiddetti casual. Nonostante possa risultare stantio verso la fine, vista una certa ripetitività nei livelli, vale comunque il prezzo del biglietto.

16th August, 2018 – Hannover, Germania – Oggi il team di sviluppo com8com1 ha annunciato il lancio del suo primo titolo, Rigid Force Alpha, un action game in stile retro shoot ‘em up che sarà disponibile su Steam dal 31 Agosto 2018 al prezzo di €19.99.

Rigid Force Alpha porta nuova vita al genere di shooting a scorrimento verticale grazie alla sua grafica “handmade”, stupende ambientazione, ed effetti visivi dettagliati. I giocatori potranno equipaggiare i loro personaggi con numerose armi, aumentare la loro potenza di fuoco grazie a “Schegge di potere” e acquisendo globi di energia per sprigionare poteri devastanti contro un’armata di nemici e tanti boss.

Marcel Rebenstorf, capo design e produzione, ha commentato:

Rigid Force Alpha è stato un lavoro ricco di amore per il team com8com1 dal 2011 e rappresenta il nostro primo titolo. Siamo immensamente fieri di annunciare Rigid Force Alpha e rilasciarlo nel mondo. In ogni stadio di sviluppo, ci siamo chiesti, possiamo farlo meglio o più divertente?; e siamo estremamente contenti del risultato.

Rigid Force Alpha unisce una modalità storia coinvolgente ad una modalità arcade ricca di sfida con tanti elementi di Gameplay come:

  • Armi e sistema di potenziamento unici
  • Una grande varietà di nemici, inclusi boss e miniboss
  • Modalità Arcade e Boss Rush
  • Sei diversi livelli 3D ricchi di azione
  • Vari livelli di difficoltà per ogni tipo di giocatore
  • Leaderboards e 40 achievements da sbloccare
  • Una colonna sonora synthwave originale da DREAMTIME featuring Michael Chait

 

Microsoft ha finalmente annunciato che a partire dall’11 Aprile inizierà il roll out del progetto “Creators Update” per Windows 10. Il nuovo aggiornamento promette di rendere chiunque in grado di dare libero sfogo alla propria creatività.

Avevamo già parlato del progetto “Creators Update” in due precedenti articoli che parlavano delle novità (Hardware e Software) annunciate da Microsoft per i primi mesi del 2017 . Già allora avevamo parlato del perché Microsoft avesse deciso di dar vita a tale progetto. Microsoft aveva deciso di creare una serie di device e software dedicati ai creativi, ritenendo la creatività il motore del progresso umano.

 

 

Tra le nuove feature di “Creators Update” compaiono:

  • 3D per tutti e nuove funzionalità per la Mixed Reality
  • Semplicità e interattività di Game Broadcasting grazie a Beam
  • Più sicurezza e velocità per Microsoft Edge, ma anche un’esperienza di navigazione ottimizzata
  • nuovi sistemi di protezione per la Privacy e sicurezza per Windows10

 3D PER TUTTI E MIXED REALITY

Anche Paint, grazie alla nuova app “Paint 3D”, entra nel mondo della creazione tridimensionale. D’ora in avanti infatti consentirà di creare modelli 3D e trasformare creazioni bidimensionali in tridimensionali. Attraverso la piattaforma Remix3D.com  sarà invece possibile accedere ad una libreria online in continua crescita su cui condividere le proprie opere.

Il proposito di Microsoft  è quello di “Consentire a tutti di creare e condividere in 3D“. Nello specifico attraverso l’evoluzione del 3D: la Mixed Reality. L’aggiornamento di Creators Update infatti  promette esperienze immersive capaci di rendere labile il confine tra mondo reale e virtuale. Nel corso del 2017, inoltre, Acer, ASUS, Dell, HP e Lenovo offriranno visori abilitati alla Mixed Reality a partire da 299 dollari. Questi nuovi device saranno dotati di sensori integrati “inside-out” a sei gradi di libertà,  setup semplificato e libertà di movimento. I nuovi device potranno avvalersi anche delle esperienze immersive realizzate grazie al  kit di sviluppo Windows Mixed Reality recentemente rilasciato.

BEAM E IL BROADCASTING INTERATTIVO

L’aggiornamento di Creators Upadate promette anche di rendere più facile lo streaming online delle sessioni di gioco, anche su Xbox. Microsoft ha deciso di offrire a tutti i gamer la possibilità di diventare broadcaster e condividere le proprie partite tramite Xbox Live grazie al sistema BEAM. Utilizzando BEAM sarà quindi possibile seguire streaming di partite online interagendo con lo streamer in tempo reale senza dover ricorrere a software o periferiche aggiuntivi. Inoltre è previsto l’arrivo anche su Xbox della funzionalità “family timer” per limitare il tempo trascorso davanti allo schermo, impostando il tempo limite concesso attraverso account Microsoft.

MICROSOFT EDGE: MAGGIORE SICUREZZA E MIGLIORE ESPERIENZA DI NAVIGAZIONE ED INTRATTENIMENTO

L’aggiornamento di Creators Update assicura inoltre di migliorare l’esperienza di navigazione su Internet degli utenti di Microsoft Edge. È stata infatti implementata la gestione avanzata delle
schede, che d’ora in poi si apriranno a destra della pagina e potranno più facilmente essere individuate, organizzate e aperte.

Per gli amanti della lettura sarà invece possibile leggere i propri ebook direttamente dalla sezione Books del Windows Store. Ma non solo agli amanti della lettura è rivolto il nuovo aggiornamento Microsoft. Per coloro che preferiscono film o serie Tv, garantisce di poter visualizzare serie TV e film in 4K UHD solamente su Edge.

In tema di velocità e sicurezza di navigazione, Microsoft assicura di poter offrire un’esperienza migliore rispetto alla concorrenza. Particolare attenzione viene posta sulla maggior durata della batteria dei portatili (fino a 1,5h di durata in più), protezione contro i malware (13% in più) e siti di phising (9% in più).

MAGGIORE PROTEZIONE DELLA PRIVACY

La sicurezza della propria privacy online è, non a torto, una tra le prime preoccupazioni degli utenti. Negli ultimi tempi è stata infatti constatata un’intensificazione dei tentativi di
diffusione di malware e ransomware difficili da tracciare e contro cui difendersi è molto difficile. Microsoft ha quindi pensato di venire incontro agli user di Edge. Con il nuovo aggiornamento di Creators Update, verrà implementata in Microsoft Edge la nuova dashboard “Windows Defender Security Center” che permetterà di avere una panoramica dello stato di salute e della protezione online del proprio dispositivo.

La nuova dashboard però non dovrebbe “limitarsi” a offrire una panoramica sempre aggiornata sulla salute dei propri dispositivi. Vi saranno infatti alcune altre funzioni particolarmente interessanti. Come ad esempio “Device Health Advisor”, che fornirà informazioni sui segni vitali del dispositivo; oppure “Remote Lock” che all’allontanarsi del proprietario bloccherà il dispositivo in maniera automatica, offrendo inoltre maggiore controllo sull’installazione delle app.

 

Qui di seguito sono disponibili i link ai nostri precedenti articoli su Creators Update :

Da Microsoft un aiuto alla creatività- Parte 1 Hardware

Da Microsoft un aiuto alla creatività – Parte 2 Software

Dopo aver annunciato nuovi devices finalizzati a rivoluzionare il mercato, Microsoft si impegna ora ad aiutare le persone dotate di creatività con Windows 10 Creators Update ed una serie di release software attese per i primi mesi del 2017.

Microsoft promette di offrire, grazie a Creators Update, nuove esperienze creative di gaming e non solo. Avendo infatti annunciato molte novità in ambito Hardware, Microsoft non vuole essere da meno in campo Software proponendosi di stupire il mercato grazie a innovazioni significative.

windows_10_creators_update_3d_capture-100689632-origPermettere a chiunque di creare, condividere e provare il 3D

Tramite Windows 10 Creators Update, Microsoft promette di rendere disponibile l’esperienza del 3D ad ognuno. Nello specifico il nuovo Paint 3D dovrebbe consentire a ciascuno di poter realizzare le proprie idee: Paint 3D, costruito partendo dal famosissimo programma di disegno, si presenta infatti come un vero e proprio studio d’arte 3D accessibile e usufruibile da parte di tutti. Tuttavia MS non intende fermarsi qui, è stata contestualmente presentata anche la nuova community online Remix3D.com, la quale si ripropone di garantire nuovi scenari non soltanto agli artisti del 3D (permettendo di connettersi tra loro in tutto il mondo), ma anche a coloro che non usano il 3D per lavoro, come ad esempio i giocatori di Minecraft desiderosi di condividere le proprie creazioni 3D . Per fare in modo che Remix3D possa crescere Microsoft ha già cominciato una partnerhip con Trimble, così da portare il programma di modeling 3D Sketchup all’interno di questa nuova community.

Inoltre, per dimostrare ancora di più quali siano le potenzialità del 3D all’interno di Windows 10, è stato annunciato che entro il prossimo anno (2017 ndr) Office supporterà il 3D, permettendo quindi di poter avere modelli 3D all’interno di documenti Word, Excel, Power Point, etc. Questa nuova feature, chiamata Windows Capture 3D, permetterà ad esempio di poter ricavare dei modelli 3D di oggetti reali partendo anche da semplici foto scattate col cellulare durante le vacanze.

mixed-realityLa Mixed Reality a portata di tutti 

Quello della Mixed Reality è un progetto veramente ambizioso, attraverso cui Microsoft si prefigge di fondere il mondo reale a quello virtuale, cambiando il modo in cui le persone comunicano, condividono, imparano, creano e giocano. Per poter dimostrare la bontà del progetto, MS ha presentato il prototipo di un nuovo device (Hololens) insieme ad Houzz (leader nel settore del design e rinnovamento casa ndr): utilizzando il browser Microsoft Edge sulle Hololens, i clienti Houzz avranno a disposizione un’anteprima dei prodotti prima che venga effettuato l’acquisto. Lo scopo è quello di rendere Edge il primo browser in grado di sfruttare appieno le possibilità del 3D.

Creators Update quindi si ripropone di diventare il metodo più affidabile e potente per poter sperimentare la Mixed Reality: Microsoft ha infatti reso noto che HP, Lenovo, Dell, Asus e Acer lavoreranno ai primi Visori VR capaci di elaborare la Mixed Reality proprio grazie al nuovo Windows 10 Creators Update.  In arrivo nel 2017, questi nuovi dispositivi saranno dotati di sensori interni per potersi muovere liberamente per case mentre si esplorano mondi virtuali. La Mixed Reality sarà accessibile a tutti anche nel prezzo : i nuovi visori saranno disponibili a partire dal prezzo di 299$ e saranno in grado di lavorare anche su pc e laptop di fascia bassa.

forza-3-xbl-streaming-100689617-largeGiocare e trasmettere live interattive.

Negli ultimi anni si è assistito ad un vero e proprio boom del gaming sia come sport, ma soprattutto come forma di intrattenimento. Microsoft l’ha capito e con Creators Update si propone di rendere più facile per i gamers creare (o godersi in qualità di spettatore)  live delle proprie partite, oppure personalizzare i propri tornei online, grazie alla piattaforma Xbox Live. Creators Update infatti integrerà Beam system sia su Xbox One che su Windows 10, permettendo agli utilizzatori di Xbox Live di realizzare live interattive permettendo sia a chi gioca, sia a chi assiste di poter interagire in diretta. Sarà inoltre possibile realizzare tornei generati dagli utenti tramite la feature Arena (sempre su Xbox Live) dove ognuno sarà in grado di realizzare il proprio torneo, definirne le regole, invitare gli amici e seguire i progressi sia da Xbox One che da dispositivi Windows 10.

microsoft-unisce-la-messaggistica-in-una-nuova-app-my-peopleUn modo più veloce per connettersi e condividere 

Con Creators Update Microsoft offre a ciascuno la possibilità di rendere immediatamente accessibili dal pc i contatti più importanti di ognuno(familiari, colleghi e/o amici) , grazie ad una nuova feature: MyPeople. MyPeople infatti permetterà di  aggiungere alla Task Bar i contatti preferiti e poter facilmente condividere con loro documenti, foto o video grazie al sistema “drag and drop”. Inoltre, tramite un innovativo sistema di notifiche denominate “Shoulder taps”, sarà possibile avere una visuale integrata (all in one ndr) delle mail, documenti condivisi ed altro scambiate con i contatti MyPeople. MyPeople sarà  integrata con le app UWP (Universal Windows Platform) per facilitare ulteriormente le condivisioni.

L’ articolo dedicato agli annunci sui nuovi dispositivi Microsoft attesi per il 2017 lo trovate qui: http://geexmag.com/technology/da-microsoft-un-aiuto-alla-creativita-parte-1-hardware/

Superhot, un gioco  che, nonostante le meccaniche “basic” e una grafica non elaborata, offre un’epserienza davvero interessante e divertente.

Superhot è il gioco che vuole far fare una nuova esperienza al videogiocatore. Pur basato su un’idea che può apparire banale, regala invece grandi soddisfazioni. Quello che in sostanza si potrebbe definire un FPS è, in realtà, un’innovativo mix di tattica e balistica. Un titolo indie che sta riscuotendo un discreto successo tra critica e pubblico ed è già pronto per i visori Vr.

Gameplay.

ISuperhotl gioco si basa su un concetto semplice: lo scorrere del tempo è vincolato dalla progressione dell’agire del giocatore. In poche parole? Tutto si muove quando il giocatore si muove. Il tempo intorno al giocatore, perciò, rallenta sin quasi a divenire impercettibile nel momento in cui non viene compiuta alcuna azione, salvo riprendere a scorrere non appena si effettua un’operazione di controllo, fosse anche solo muovere la visuale. Oltre al gioco principale sono presenti dei mini-game simpatici e ottimi come passatempo. Non è possibile operare alcuna scelta della difficoltà che, comunque, risulta ben calibrata con l’avanzare dei livelli. Quello che stupisce, infatti, è l’aumento esponenziale di difficoltà delle mappe dopo il tutorial iniziale, che ci mette di fronte ad un numero sempre maggiore di nemici e di imprevisti. Molto bella la possibilità dopo ogni livello di rivedere il replay di ciò che si è fatto a velocità normale e, magari, godere del colpo d’occhio.

Narrazione.

Superhot non è particolare solo nel gameplay ma anche per la tipologia di storia narrata nel gioco: ultimabile in appena 2 ore di gioco è counque dotato di una storia breve ma intensa. Ci troveremo infatti Superhota trattare temi interessanti e impegnativi pur non dando quella sensazione di pesantezza che di solito si associa a tematiche di questo genere. In game verrete sbeffeggiati, derisi e alcune volte umiliati. Il tutto però per uno scopo che noi non vogliamo assolutamente rivelarvi  per non rovinarvi la sorpresa. Dunque un giudizio pressoché positivo sulla story-line, il cui unico vulnus risulta essere proprio l’eccessiva brevità.

Grafica

SuperhotSfruttando il motore “Unity” il comparto grafico non delude. I modelli scarni di qualsiasi tipo di dettaglio, sono molto interessanti e sembrano fatti da tasselli di vetro che si sbriciolano quando vengono colpiti dai nostri colpi. Le ambientazioni sono asettiche, bianche e anch’esse prive di qualsiasi dettaglio ma se ne si riconosce subito l’identità (vicolo, stazione, uffici).

 

In definitiva il gioco è breve ma dotato di meccaniche nuove e interessanti. Attualmente è disponibile su steam a 22 euro (un prezzo forse un po’ troppo alto) e lo consigliamo caldamente in caso di sconti o promozioni sul titolo.