Nonostante la crescita esponenziale del mercato console ed il progressivo cambiamento (sigh!) delle strategie di sviluppo di molte case produttrici per farvi fronte. Arriva da CD Projekt RED una ferma smentita alle voci che vogliono in crisi il settore dei videogiochi per Personal Computer.

In una recente intervista, rilasciata allo YouTuber Maciej Pius, il CEO di CD Projekt RED Marcin Iwinski ha riconosciuto che non vi è dubbio alcuno sulla predominanza del mercato PC su quello Xbox One o PlayStation 4 per quanto attiene alle vendite di “The Witcher”.

The Witcher_DICEQueste le sue parole:”Il mercato PC va ancora forte. La maggior parte delle vendite di The Witcher arriva dai Personal Computer, ma anche le console hanno fatto bene“.

Iwinski, quindi, ha implicitamente confermato i dati rilasciati negli scorsi mesi da CD Projekt RED, in cui si evidenziava come “The Witcher 3:Wild Hunt” avesse venduto, solamente su PC, ben il 30% delle copie totali mentre PlayStation 4 e Xbox One si fossero spartite il restante 70%. Per spiegare il significato della frase del CEO di CD Projekt RED, a questi dati vanno aggiunti i risultati dei capitoli precedenti: infatti, se il primo capitolo della serie era disponibile esclusivamente su PC il secondo era compatibile solamente con Xbox 360, escludendo del tutto il mercato PlayStation sino al terzo capitolo della saga.The-Witcher-Marcin

Nonostante questo, però, Iwinski ritiene che il successo di vendite di “The Witcher” su PC sia da ricercare principalmente nella storia della compagnia polacca che, nata dal connubio di due amici dediti all’importazione ed alla commercializzazione di giochi per PC su supporto CD-ROM, è diventata solo in tempi recenti il colosso multipiattaforma che noi tutti ben conosciamo, e che tanto bene ha fatto con “The Witcher 3:Wild Hunt”. E’ stata dunque anche la storia di CD Projekt RED che ha influenzato il mercato di riferimento, dopotutto, lo stesso Iwinski ha candidamente affermato di essere uno di quelli che, pur avendo a disposizioni console di ogni tipo, predilige passare il suo tempo dinanzi ad un PC.

Interessante anche la disamina che il CEO di CD Projekt RED fa dei giochi usciti negli ultimi tempi: Iwinski ritiene, infatti, che il successo di critica e di vendite di “The Witcher 3:Wild Hunt” vada ricercato sopratutto nella grande mole di contenuti e di novità presenti nel gioco. A fronte di questo, registra invece una sempre maggiore assenza di novità nel mercato videoludico attuale ed egli stesso si dice sempre più attratto dalle produzioni Indie che dai giochi AAA, per i quali non riesce più a provare interesse, complice anche il ricorrere di formule trite e ritrite.The-Witcher-3

In definitiva, dunque, se non vi sono dubbi sullo strapotere del mercato console nel mondo dei videogiochi, parimenti si deve riconoscere una lenta ripresa anche del settore gaming per PC. Rinascita favorita anche da case produttrici come CD Projekt RED che, grazie ad una saga di qualità come quella di “The Witcher”, ha contribuito alla fioritura di un mercato nuovo, incentrato su una capacità di calcolo e di elaborazione in grado di esprimere al massimo le potenzialità di un videogioco sia inerenti al comparto grafico sia riguardanti i contenuti.

Vi lasciamo alla visione dell’intervista che consigliamo caldamente a tutti gli appassionati di videogiochi.