World of Final Fantasy: il coloratissimo e “coccoloso” spin-off della rinomata saga di prossima uscita. Ecco le nostre prime impressioni.

yuna3In World of Final Fantasy accompagneremo due gemelli nel corso della loro avventura per recuperare i propri ricordi perduti, affrontando le insidie di un mondo in cui impilarsi creature sulla testa è del tutto normale…

World of Final Fantasy, infatti, è sicuramente un titolo molto particolare, sia perchè si tratta di uno spin-off di una delle saghe Square Enix più longeve ed apprezzate di sempre, sia perchè gli sviluppatori hanno compiuto scelte decisamente coraggiose nella sua realizzazione.

Quello che più colpisce il giocatore è senza dubbio l’ambientazione che raccoglie in un unico calderone tutti i personaggi (ed i nemici) più amati dei precedenti capitoli oltre allo stile grafico c.d. “super deformed”. Stile utilizzato in maniera forse troppo estesa (sarà praticamente presente in tutti i filmati, e  anche tutti i champions evocabili saranno raffigurati in questa maniera) nonostante la concreta possibilità che questa scelta grafica possa far storcere il naso ad alcuni affezionati della serie (sebbene sia già stato utilizzato in passato da altri FF, sopratutto nelle fasi di esplorazione della mappa).

about_keys_01Se da un lato lo stile grafico e l’ambientazione sono decisamente discordanti dai canonici “Final Fantasy”, il sistema di combattimento si riavvicina al classico sistema a turni dei vecchi GDR, pur non mancando le novità anche in questo campo: vi sarà infatti la possibilità di affrontare i nemici (qui chiamati “miraggi”) in combattimenti a turni, regolati dal già collaudato sistema ATP (in cui il tempo che servirà per “ricaricare” il turno di un personaggio dipenderà dalle scelte tattiche fatte in battaglia dal giocatore), col fine di eliminarli o di catturarli attraverso un processo chiamato “armonizzazione” (che richiama molto il lancio delle ormai famosissime pokeball)  per poterli poi letteralmente  impilare sulla testa dei nostri protagonisti al fine di farli diventare sempre più potenti. I miraggi catturati ed utilizzati acquisiranno a loro volta punti esperienza, che li faranno salire di livello, aumentare di potenza ed evolvere in forme più forti (proprio come i pokemon….). Caratteristica apprezzabile dai fan più affezionati alla serie sarà, invece, la possibilità di evocare come “champions” i vari protagonisti dei precedenti capitoli (abbiamo avuto modo di vedere Tidus e Sephirot all’opera), per ricevere un notevole supporto in battaglia.

In conclusione, World of Final Fantasy si presenta come uno spin-off della celebre saga che cerca però di coinvolgere un pubblico più vasto, sopratutto tra i più piccoli, offrendo un’ ambientazione diversa dal solito e “svecchiando” le meccaniche classiche dei gdr old school e affiancandone alcune decisamente nuove.  Le nostre impressioni finali sono dunque più che positive e speriamo che il gioco non tradisca le nostre aspettative riuscendo a divertire al punto giusto.

Scritto a quattro mani da Luca Scotti e Federico Dicandia.