Eccoci a parlare di Far Cry 5, nuovo titolo dell’omonima serie in uscita nel prossimo febbraio 2018 dopo averne provato la versione giocabile in occasione della Milano Games Week 2017.

Far Cry è un titolo che, da sempre, riesce a riscuotere un grande successo tra l’utenza sia per le meccaniche di gameplay in stile survival-RPG, sia per una trama di grande qualità (non in ogni caso) e per degli antagonisti a dir poco memorabili (specialmente negli ultimi capitoli). Questo Far Cry 5 ci porta nel selvaggio Montana, in un luogo chiamato Hope County n cui di “speranza” ce ne sarà davvero poca: una setta religiosa è riuscita a coinvolgere o sottomettere l’intera popolazione e noi, assieme ad un manipolo di compagni, dovremo riuscire a riportare la serenità nella contea. La premesse su cui si fonda la trama ed il nuovo antagonista principale sono davvero promettenti.

Abbiamo avuto modo di testare sia una fase di esplorazione libera, sia una a bordo di aeroplano armato fino ai denti. Gli aiutanti saranno parte integrante del gameplay, a partire dal cane (Boomer) che potrà trovare munizioni ed armi per noi quando non azzanna alla gola i nostri nemici, fino ad arrivare ad un pilota di aerei che ci assisterà nelle missioni volanti.

Molti elementi del gameplay sono identici ai precedenti titoli della serie: ci sarà un albero delle abilità con nuove capacità acquisibili attraverso l’ottenimento di esperienza, sarà possibile cacciare animali selvatici e craftare oggetti ed anche scegliere se giocare tramite scontro diretto con i nemici oppure tramite eliminazioni silenziose senza farsi vedere.

Purtroppo, la versione della demo di Far Cry 5 che abbiamo provato alla Milano Games Week 2017 era in una delle primissime fasi di sviluppo e, pertanto, afflitta da bug e glitch anche abbastanza fastidiosi: per citarne alcuni abbiamo riscontrato un input lag dei comandi abbastanza pesante (1-2 secondi), così come un pop up di elementi dell’ambiente (da semplici cespugli ad interi alberi), oltre che dei caricamenti davvero molto lunghi.

Comunque siamo sicuri che per la data di uscita il tutto sarà corretto e sistemato; per cui restiamo in attesa del Day One per poter conoscere ed esplorare il selvaggio stato del Montana e la nuova tematica del fanatismo religioso.