Presentato ad Agosto 2017 e arrivato sugli scaffali di tutto il mondo nel Settembre dello stesso anno, Nokia 8 è il modello di punta della neonata HMD Global, azienda finlandese affiliata con Nokia, che da meno di 2 anni produce smartphone “griffati” con il nome della storica azienda di elettronica. Abbiamo deciso di recensire questo dispositivo a qualche mese dalla sua uscita. Perchè solo adesso? Scopritelo con noi!

Fa strano recensire un prodotto a distanza di mesi, quando siamo abituati ad avere top di gamma che vengono sfornati ogni tre, quattro mesi, creando un interminabile gioco al rialzo continuo in termini di performance e di prezzi, soprattutto per il povero consumatore che si trova in tasca un dispositivo che rischia di mostrare segni di debolezza o obsolescenza dopo pochi mesi dall’acquisto. E’ per questo che abbiamo apprezzato così tanto il Nokia 8, un prodotto, a nostro avviso, in grado di durare nel tempo, grazie ad alcuni accorgimenti adottati dall’azienda produttrice. Prima di parlarvi di questi aspetti, però, partiamo con una bella e completa recensione.

Il telefono nel suo complesso.

Non si può non iniziare con un po’ di dati tecnici sul prodotto: questo dispositivo monta un processore Snapdragon 835 e una Gpu Adreno 540, i canonici (e minimi, per top di gamma) 4 GB di ram e una memoria interna da 64 o 128 GB espandibile grazie allo slot per la micro SD, l’installazione della quale ci costringe però a rinunciare alla seconda sim card. Inoltre, le dimensioni sono in linea con quelle dei diretti concorrenti, ovvero 151,5 mm di lunghezza, 73.7 mm di larghezza e 7.9 mm di spessore, il tutto per un peso di circa 160 grammi per un prodotto che pesa il giusto ma che, grazie al suo design leggermente bombato e dagli angoli tondeggianti, si tiene comodamente in tasca, anzi, spesso ci si dimentica quasi di averlo. Il display non è particolarmente grande, solo 5.3” (ma compensa con la risoluzione e la qualità, come vedremo più avanti. ndr), il che rende le barre nere superiore inferiore leggermente troppo grandi, almeno secondo il nostro gusto, qualche millimetro di schermo effettivo in più non avrebbe guastato al design, a nostro avviso. La scocca in metallo poi è di davvero pregevole fattura, anche se i bordi superiore e inferiore, dove si trovano rispettivamente il jack per le cuffie da una parte e ricarica altoparlante e microfono dall’altra, sono in plastica. Questa scelta non ci è particolarmente piaciuta, e nel complesso il design non brilla per originalità, restituendo una sensazione un po’ retrò, ma non particolarmente elegante. Tornando al lato B, anche se la scocca appare bella da vedere, la presa risulta a tratti un po’ troppo scivolosa, restituendo una sensazione di presa poco salda e di eccessiva fragilità.

La scocca nel suo insieme, notare il jack per il caricatore usb 3.1

Detto così, sembra che il Nokia 8 non parta particolarmente bene ai nostri occhi, vero?! E invece no, perchè a parte il design, è davvero difficile trovare qualcosa che non vada in questo telefono. Superato l’impatto iniziale con il design del prodotto, basta avviare il dispositivbo per rendersi conto di come ci si trova di fronte ad un prodotto solido, stabile e particolarmente funzionale: Il processore e la RAM lavorano davvero bene in maniera sinergica, rendendo le applicazioni particolarmente reattive e funzionali; il display compensa le sue dimensioni con una risoluzione QHD (2560×1440 pixel), vetro Gorilla Glass 5 e una leggera curvatura 2.5D. Ci ha davvero impressionato questo schermo, si vede davvero bene anche all’aperto, inoltre il sensore di luminosità adattiva, pur non essendo reattivissimo, fa molto bene il suo lavoro, garantendo un’ottima visibilità anche in condizioni di forte luminosità.

Notate la stondatura dei bordi e la leggera bombatura del “Lato B”

Parlando ancora di hardware e di dati tecnici poi, non possiamo non menzionare la fotocamera: questo dispositivo è dotato di doppia fotocamera posteriore da 13 mp, con la seconda destinata solo al bianco e al nero, che possono essere combinate insieme per granatire una maggiore luminosità alle foto. Da notare come siano ottiche Zeiss, che rendono questa fotocamera davvero pregevole. Infatti, l’ottima sinergia tra le due fotocamere (che possono comunque essere usate singolarmente), rende il dispositivo in grado di catturare in maniera ottimale la luce, con un bilanciamento delle foto davvero notevole. Se vogliamo trovare un difetto, le fotocamere posteriori di questo Nokia 8 non sono particolarmente reattive, rendendo difficile quindi scattare una foto “al volo” e pretendere il massimo della qualità (qualche sfocatura di troppo e, in condizioni di scarsa luminosità, troppo rumore). Però, anche grazie all’ottima modalità manuale, è possibile scattare foto davvero dettagliate e particolarmente pulite, con un minimo di pazienza. La fotocamera anteriore poi, è davvero ottima, probabilmente una delle migliori che ci siano in circolazione. Non solo è di 13 megapixel, come quelle posteriori, ma testata in diverse condizioni restituisce un’immagine davvero precisa e pulita. Le tre fotocamere, poi, possono essere attivate insieme grazie alla funzione Bothie, che permette di scattare divertenti selfie-reaction (la vostra faccia, e quello che avete di fronte). Niente di rivioluzionario, sia chiaro, ma si tratta di una funzione davvero divertente. Il video, purtroppo, perde qualcosina. In questo la scarsa reattività delle lenti non aiuta, e il fatto che abbiano provato a metterci una pezza cappando a 30 fps i video non fa che peggiorare la situazione. Nel complesso non sono brutti video, ma mancano di quel qualcosa in più che avrebbe potuto far risaltare l’intero comparto. In ultimo, dobbiamo menzionare lo zoom ottico, che davvero non riesce a fare il suo lavoro, aumentando il rumore in maniera esponenziale. Peccato.

Il design un po’ retrò può piacere o non piacere, ma non lascia sicuramente indifferenti…

Spostandoci invece sul lato software, poi, troviamo Android 8, praticamente stock e praticamente aggiornato in tempo reale con i dispositivi Nexus. Questo ci sembra uno degli aspetti più interessanti del Nokia 8: la sua capacità di rimanere pulito e il più attaccato possibile alle versioni stock di Android permette di ottimizzare i consumi in maniera incredibile (ci torniamo quando parliamo della batteria), ma soprattutto garantisce la facilità di gestire un long term support che potrebbe andare avanti per moltissimo tempo. In parole povere, l’impressione che abbiamo avuto usando questo telefono è che possa essere un dispositivo destinato a durare nelle mani del consumatore, in controtendenza con quanto avviene per molti dispositivi oggigiorno sul mercato, costretti a rincorrere i modelli più recenti dopo qualche mese per via di interfacce utente soddisfacenti dal punto di vista della user experience, ma sempre più invadenti e pesanti. Il rovescio della medaglia è l’essere costretti ad utilizzare un maggior numero di applicazioni di terze parti anche per le funzioni più banali come il reghistratore vocale, ma lo store di Google è in grado di fornire risposte ottime ad ogni esigenza.

Infine, batteria e consumi. Da questo lato la casa finlandese dimostra di aver compiuto un lavoro egregio, e, anche se la batteria non è tra le più capaci presentate sul mercato (“solo” 3090 mAh), la durata e l’ottimizzazione sono davvero perfette. Anche con un utilizzo davvero intenso, sarà difficile arrivare a fine giornata con meno del 10% di batteria rimasta. Per farvi un esempio, noi l’abbiamo stressato portandolo in fiera e, tra video, foto, telefonate e quant’altro a fine giornata aveva ancora più del 20% di carica residua.

Dopo la nostra giornata in fiera al Cartoomics. Su Youtube e Facebook potete trovare i nostri video e le nostre dirette che abbiamo fatto quel giorno!

Come vi avevamo premesso, perchè fare adesso la recensione di un prodotto uscito sul mercato diversi mesi fa? Perchè l’impressione è che, nonostante il design e la fotocamera non siano il top del top, questo Nokia 8 sia un prodotto in grado di durare nel tempo, come, passatemi il paragone, i telefonini di una volta, che quando comprati (pagando un sacco di soldi, tra l’altro, in proporzione molto di più di quanto costano ora ndr) potevano durare molti anni prima di dover essere sostituiti per evidente obsolescenza. Ovviamente molto dipenderà dal supporto che l’azienda vorrà dare a questo prodotto, ma se le nostre speranze dovessero essere confermate, ci troveremmo di fronte un prodotto che, sfruttando il calo fisiologico di prezzo dovuto al mercato, potrebbe davvero diventare un best buy. Già adesso, che dai 599€ dei lancio è possibile trovare sotto i 400€ in alcuni store online, ci sembra possa essere un dispositivo che valga la pensa acquistare.

81%

In breve

Nokia torna con un prodotto di punta che si dimostra solido e brillante, adatto per un uso quotidiano fatto di giochi e lavoro anche intenso, peccando però sui video e sulla fotocamera. Quello che ci ha colpito di più, però, è che si tratti di un prodotto destinato a durare a lungo, capace di reggere il confronto anche con le fasce di prezzo intermedie più nuove, nelle quali si troverà una volta che il prodotto sarà fisiologicamente sceso di prezzo.

Commenti