Runic Games, casa di sviluppo di Torchlight, torna alla ribalta con Hob: un titolo sorprendente in cui poco alla volta, puzzle dopo puzzle, combattimento dopo combattimento, scopririemo qual è il nostro ruolo nel mondo.

Fin dai primi istanti di gioco appare evidente l’ispirazione di Hob ad uno dei “Must Have” degli Indie: Journey (sviluppato da thatgamecompany). Il silenzioso mondo di Hob, in cui natura e tecnologia futuristica coesistono (e spesso si fondono), pare infatti ormai prossimo alla sua fine, oramai consumato da una misteriosa corruzione, violacea ed estremamente velenosa. Persino il nostro protagonista rischierà di caderne vittima, ma il provvidenziale intervento di un golem meccanico gli salverà la vita; al prezzo del nostro braccio sinistro (un riferimento a FMA ? ndr). Dopo avergli donato una delle sue braccia per sostituire quello che ha perso, il golem invierà l’ancora frastornato protagonista verso una misteriosa struttura. Tuttavia il giocatore dovrà scoprire da solo, e poco alla volta, cosa fare e dove dirigersi, spesso girando anche a caso per il mondo di gioco. Hob infatti non presenta alcun dialogo: le indicazioni fornite dal golem  e la mappa di gioco saranno gli unici elementi a disposizione del protagonista. Il mondo di gioco è suddiviso in macro-aree da affrontare in sequenza, e questo sicuramente aiuta ad orientarsi maggiormente senza però dare alcun tipo di ulteriore aiuto.

Il giocatore dovrà quindi muoversi attraverso le complesse strutture abbandonate del gioco alternando sessioni di platforming (a difficoltà sempre crescente) a intensi combattimenti con le pericolose creature nate dalla corruzione che infestano il mondo. Ogni volta che il nostro protagonista andrà ad interagire con i meccanismi che regolano le enormi strutture sparse per il mondo, esso andrà a mutare nella sua conformazione (oltre a trasformazioni delle strutture potremo assistere anche a veri e propri episodi di terraformazione).

Ma in Hob sono presenti anche momenti di combattimento che ricordano molto da vicino i primi capitoli della saga “The Legend of Zelda”. Dalla sua il protagonista avrà a sua disposizione una spada (che funziona anche da chiave per alcune zone di gioco), il braccio meccanico donato dal Golem (usato per interagire con vari meccanismi e all’occorrenza potente scudo, ma anche arma) e il proprio mantello (che influisce su salute, energia e/o altre statistiche). Ma le somiglianze con le celebri avventure di Link si riscontrano anche per la possibilità di recuperare salute raccogliendo alcuni frutti reperibili soltanto in due modi: o sconfiggendo mostri vari o falciando l’erba alta con la nostra spada.

Dopo averlo giocato a lungo siamo quindi giunti alla conclusione che Hob è riuscito a fare quello che, onestamente, non pensavamo fosse possibile: unire l’atmosfera di giochi come Journey all’azione di saghe epiche come le avventure di Link. Se siete alla ricerca di un’avventura non incentrata solo sul combattimento, oppure se siete alla ricerca di un gioco “riflessivo” ma che non risulti pesante, allora Hob fa decisamente al caso vostro.

[embedyt] https://www.youtube.com/watch?v=M5t2FZc1fEA[/embedyt]

ASUS ZenBeam Go E1Z è il nuovissimo videoproiettore palmare in grado di proiettare immagini di dimensioni pari a quelle dei più ampi schermi TV sul mercato, raggiungendo una diagonale fino a 120 pollici. Risulta perfetto per l’utilizzo con un’ampia gamma di dispositivi, sia fissi che portatili, grazie alla presenza di una porta USB. ASUS ZenBeam Go E1Z  integra una batteria da 6400mAh che è in grado di garantire fino a cinque ore di proiezione. Può anche essere utilizzato come power bank per ricaricare altri dispositivi portatili.

Con ZenBeam Go E1Z proiezioni  sempre nitide e brillanti.

ZenBeam Go E1Z assicura proiezioni accurate con risoluzione WVGA (854 x 480), supportando anche video in formato Full HD 1080p. L’obiettivo di tipo short-throw con rapporto 1.4:1 consente di proiettare da distanze ravvicinate immagini con diagonale da 15 fino a 120 pollici, risultando perfetto anche per un utilizzo in ambienti aperti. La pratica porta USB integrata offre invece compatibilità con tablet e smartphone Android oltre che notebook e PC Windows.

 

ASUS ZenBeam Go E1Z, non solo è luminosissimo, ma anche a risparmio energetico. Impiega infatti una luminosa lampada Eco-LED con un output da 150 lumen e durata di oltre 30.000 ore, con conseguente drastica riduzione dei costi di manutenzione, oltre che accensione e spegnimento pressoché istantanei. ZenBeam Go E1Z  copre una gamma cromatica pari al 100% NTSC e utilizza la tecnologia DLP® IntelliBright per incrementare ed ottimizzare in modo intelligente luminosità e contrasto fino al 30% e ridurre i consumi energetici del 50%. La batteria integrata (e ricaricabile) da 6400mAh permette l’utilizzo anche in assenza di corrente elettrica (cinque ore di autonomia). Inoltre può essere utilizzato come power bank per ricaricare altri dispositivi portatili. Può essere esso stesso ricaricato utilizzando altri power bank.

ASUS ZenBeam Go E1Z offre anche la funzione di correzione automatica della distorsione a trapezio, rilevando automaticamente l’orientamento del videoproiettore rispetto alla superficie di proiezione e correggendo l’immagine in modo da offrire proiezioni sempre perfette. A completamento della dotazione, l’altoparlante integrato con tecnologia ASUS SonicMaster genera un audio eccezionalmente potente e ben definito.

Design compatto, elegante e pluripremiato.

ASUS ZenBeam Go E1Z pesa solo 307 grammi ed è incredibilmente compatto, con un ingombro ridotto in soli 110 x 83 x 29 mm. Il suo elegante design è valso ad Asus prestigiosi riconoscimenti quali iF Design, Red Dot Design e Good Design. Il design, però, non è solo nelle forme. Il chassis unibody è stato infatti realizzato in lega di alluminio, con la copertura dell’obiettivo con finitura in metallo satinato e bordi tagliati al diamante leggermente smerigliati.

ASUS ZenBeam Go E1Z è attualmente disponibile al prezzo di 319,00 Euro.

Qui di seguito le caratteristiche tecniche:

SPECIFICHE TECNICHE[3]

 

Tecnologia display 0.2” DLP®
Sorgente luminosa R/G/B LED, durata di 30.000 ore
Risoluzione nativa WVGA 854 x 480
Luminosità max 150 lumens
Contrasto 3500:1 DCR
Saturazione colore 16,7 milioni di colori
Rapporto di proiezione (@ 16:9) 1.4:1 (32” immagini diagonali @ 1m)
Distanza proiezione/Dimensione schermo 0.5 – 3.7m / 15 – 120” immagini diagonali
Offset proiezione 100%
Rapporto Zoom Fisso
Modalità immagine 6 modalità (Presentation/ Standard / Theater /Eco/ Flashlight / SOS)
Aspetto 16:9
Keystone automatico Sì, ±40°
Input/ Output Porta USB

Jack cuffie

Altoparlante

 incorporato

Altoparlante 2W con tecnologia ASUS SonicMaster
Consumi <24W
Batteria interna 6400mAh (5V @ 1A)
Dimensioni 110 x 83 x 29 mm
Peso 307 grammi

 

 

Windows Defender, l’antivirus gratuito che tutti hanno, ma nessuno conosce. E’ leggero e non appesantisce il sistema, funziona bene ed è totalmente gratuito, non siete soddisfatti?

Windows Defender è una delle rilevanti novità introdotte da Windows 10, il nuovo sistema operativo di casa Microsoft, é veloce, efficiente e sopratutto completamente gratuito.

Veloce: è sempre presente e attivo sul nostro pc Windows Defenderma, nonostante ciò, il sistema non rallenta o viene appesantito in avvio. La riprova è che, qualsiasi computer con un altro antivirus rallenta in accensione mentre con questo i tempi di partenza del sistema restano invariati. Efficiente: può tranquillamente essere paragonato a qualsiasi altro antivirus a pagamento nelle sue prestazioni base.

Ovviamente le funzioni messe a disposizione non sono come quelle di un altro software completo ma, per la navigazione e il normale utilizzo del pc, questo programma va più che bene; fermo restando che in caso di azioni a rischio (download di giochi non originali, video da fonti sconosciute, etc.) nessun antivirus può garantire risultati ottimali di protezione.

Per noi che scriviamo articoli e navighiamo molto sul web per cercare notizie succulente, la protezione non solo è necessaria ma diviene in alcuni casi indispensabile. Come tutti, quindi, abbiamo utilizzato per anni antivirus a pagamento ma, sin dall’inizio, ci siamo fidati di Windows Defender e dobbiamo dire di non essercene mai pentiti, sia per quanto riguarda le prestazioni, sia per quanto attiene ai costi.Windows Defender

Quindi, a meno di non lavorare in un sistema che necessita protezioni elevate (come quelle dell’ambito lavorativo), il nostro suggerimento è quello di non snobbare Windows Defender e di procedere all’acquisto di un antivirus solo se la necessità lo imponga davvero. Viste e considerate le elevate prestazioni difensive che il gioiellino della casa Redmond mette in campo per proteggervi.

In sostanza noi di Geexmg lo approviamo. E voi invece quale usate? Usate già il defender? Scrivete nei commenti eventuali dubbi sul software e faremo del nostro meglio per rispondervi.