Pochi giorni fa tramite comunicato stampa Microsoft ha annunciato per i primi mesi del 2017 l’arrivo di una “nuova ondata di creatività grazie ad un importante aggiornamento“. Per tutti i creativi stanno per essere rilasciati nuovi device, accessori e software per migliorare ulteriormente l’esperienza di Windows 10 Creators, grazie all’introduzione di Surface Studio, Surface Dial e un ancora più potente Surface Book.

Il perché di quest’ondata di nuove releases dedicate ai creativi è spiegata dallo stesso Ceo di Microsoft, Satya Nadella che dichiara “lo scopo di Microsoft è quello di permettere ad ogni persona ed ogni organizzazione del pianeta di fare di più. Con Windows 10, Microsoft Surface e lo strumento della Mixed Reality ci proponiamo di permettere ai creativi, grazie ai nuovi strumenti di collaborare ed esprimersi in nuove maniere“.

il nuovo Surface Studio
Surface Studio

Surface Studio trasforma la tua scrivania in un vero e proprio studio creativo.

Surface Studio  è un vero e proprio strumento di ultima generazione, capace di trasformarsi (a detta di Microsoft) in una vera e propria tela su cui poter creare in modi finora inimmaginabili. Lo schermo si propone di offrire fino al 63% di pixels (Microsoft parla di 13, 5 milioni di pixel) in più dei televisori 4k attualmente sul mercato, regalando all’utenza l’esperienza unica del 4.5k UHD, mentre il perno “Zero Gravity Hinge” permetterà allo schermo di adattarsi ad ogni fase dei processi creativi, riuscendo persino a raggiungere l’angolazione di 20°, la stessa angolazione utilizzata dalle tavolette grafiche.

A potenziare ulteriormente questo dispositivo sono presenti il processore di sesta generazione Intel Core e la GPU NVIDIA GeForce, che promettono una grafica immersiva permettendo dunque di utilizzare anche programmi professionali nella maniera più fluida possibile. Essendo (ovviamente) dotato di touchscreen Surface Studio può sfruttare dunque a meraviglia le potenzialità del nuovo accessorio di casa Microsoft : Surface Dial.

Al momento il prezzo di partenza di Surface Studio è fissato a 2,999 $, pre-ordinabile solamente negli States attraverso i Microsoft Stores, il sito MicrosofStore.com e BestBuy.com. Per gli acquisti fuori dagli U.S.A. sarà invece obbligatorio aspettare i primi mesi del 2017.

en-intl-pdp0-surface-campo-2wr-00001-f1-desktop
Surface Dial

Surface Dial una nuova spinta alla creatività.

Surface Dial è la nuova periferica di casa Microsoft concepita per permettere l’utilizzo di entrambe le mani sullo schermo e permettere così a chiunque di scoprire nuovi modi per sviluppare la propria creatività. Appoggiando Surface Dial direttamente sullo schermo si avrà infatti a disposizione un set di strumenti esclusivi per l’applicazione utilizzata: ad esempio se si utilizza un programma di disegno sarà possibile cambiare manualmente colore e dimensione del pennello digitale, senza dover staccare il pennino dallo schermo, creando la più immersiva esperienza di creazione digitale di contenuti. Numerosi partner di Microsoft (es. BlueBeam, Mental Canvas, e numerosi altri) stanno già provvedendo ad ottimizzare i loro programmi per sfruttare al meglio le possibilità offerte da Surface Dial.

Anche Dial al momento è preordinabile solamente in USA al prezzo di partenza di 99$ e sarà disponile a partire dal 10 novembre.

Surface Book con Performance Base
Surface Book con Performance Base

Un nuovo e più potente Surface Book 

Microsoft ha anche annunciato il lancio di tre nuovi modelli di Surface Book, dotati di processori Intel Core i7 di sesta generazione, Performing Base, e schede grafiche più di due volte superiori rispetto i modelli originari, mentre per tutti coloro preoccupati per il consumo della batteria, è stato assicurato che i nuovi Surface Book dureranno più di 16 ore in più.

Il prezzo di lancio dei nuovi laptop è di 2,399 $, al momento sono disponibili per il pre-order solamente in USA,Canada, Australia e Nuova Zelanda e saranno disponibili a partire dal 10 novembre.

È finalmente arrivato il videogioco adatto a tutti gli amanti dei GDR da Tavolo (D&D su tutti): Eon Altar che con un innovativo sistema di controllo riesce a riportare (con successo) le meccaniche del capostipite dei giochi di ruolo nel mondo videoludico. Sono sempre più gli Indie che tentano di sfondare in un mercato dove (forse troppo spesso ndr) le case “tripla A” rimangono impantanate. Il gruppo Flying Helmet Games è riuscito a ribadire ancora una volta questo concetto, realizzando uno dei più innovativi giochi gdr del mercato.

07In Eon Altar  le meccaniche dei GDR cartacei sono state fuse con quelle dei tradizionali videogiochi, e da questa fusione è nato un sistema di controllo davvero inusuale. Per controllare i propri personaggi i giocatori (max 4 in coop locale) non dovranno utilizzare i classici tastiera/pad bensì il loro smartphone/tablet, che funziona anche come la scheda personaggio dei GDR tradizionali, tutto questo grazie ad una controller app, scaricabile gratuitamente. Grazie a questo sistema non solo è possibile giocare insieme agli amici seduti comodamente sul divano, ma in questo modo lo schermo di ogni giocatore permette a ciascuno di visualizzare privatamente il background del proprio pg, i rami abilità, i suoi ideali, pensieri intimi, etc. Ma non è tutto ! Grazie alla App si potrà anche (secondo la miglior tradizione dei Gdr classici) recitare ad alta voce le linee di dialogo che appariranno sullo schermo, con l’intonazione che più si preferisce (oppure rimanere muti e limitarsi a tappare sullo schermo la battuta che più ci aggrada) .

screenshot2Il gameplay offre una modalità campagna, suddivisa in tre episodi (i primi due già usciti, il terzo ancora in lavorazione) a loro volta suddivisi in capitoli, affrontabile in diversi livelli di difficoltà. Il giocatore potrà quindi scegliere tra i cinque pg a disposizione, e affrontare i nemici in epiche battaglie tattiche a turni di squadra (eroi e nemici). In questo modo ognuno potrà ragionare al meglio sulla mossa migliore da fare senza interrompere i compagni avendo anche la libertà di muoversi come meglio si crede per la mappa. Notevole la componente ruolistica anche a livello di gameplay: ogni giocatore avrà infatti la possibilità di scegliere se collaborare con gli altri (condividendo informazioni segrete, quest, ed altro) oppure scegliere di “lavorare da solo” o addirittura mettere i bastoni tra le ruote agli altri per avvantaggiarsi. Per chi invece è alla ricerca di sfide avvincenti è disponibile anche la modalità arena, dove si dovranno affrontare orde infinite di nemici.

01Un ottimo lavoro è stato fatto sia del comparto sonoro, sopratutto nelle musiche realizzate da Tom Salta (lo stesso della leggendaria serie Halo), che di quello grafico, i cui lavori combinati riescono ad offrire un’ambientazione “Spada e Magia” veramente coinvolgente.

Per concludere si può dire che Eon Altar è uno dei videogiochi veramente più innovativi degli ultimi tempi, non soltanto perché è riuscito ad unire le classiche meccaniche GDR con il mondo dei videogiochi, ma anche perchè , come dichiarato dagli stessi sviluppatori, il suo scopo principale è quello di riportare un po’ di aggregazione (essendo pensato principalmente per la coop locale) “costringendo”  i giocatori a ritrovarsi in gruppo per poter giocare insieme, magari davanti ad una pizza….

PRO

Gameplay veramente innovativo e divertente

Musiche eccezionali

Divertimento con gli amici assicurato

CONTRO

La modalità campagna è veramente molto breve