Superhot, un gioco  che, nonostante le meccaniche “basic” e una grafica non elaborata, offre un’epserienza davvero interessante e divertente.

Superhot è il gioco che vuole far fare una nuova esperienza al videogiocatore. Pur basato su un’idea che può apparire banale, regala invece grandi soddisfazioni. Quello che in sostanza si potrebbe definire un FPS è, in realtà, un’innovativo mix di tattica e balistica. Un titolo indie che sta riscuotendo un discreto successo tra critica e pubblico ed è già pronto per i visori Vr.

Gameplay.

ISuperhotl gioco si basa su un concetto semplice: lo scorrere del tempo è vincolato dalla progressione dell’agire del giocatore. In poche parole? Tutto si muove quando il giocatore si muove. Il tempo intorno al giocatore, perciò, rallenta sin quasi a divenire impercettibile nel momento in cui non viene compiuta alcuna azione, salvo riprendere a scorrere non appena si effettua un’operazione di controllo, fosse anche solo muovere la visuale. Oltre al gioco principale sono presenti dei mini-game simpatici e ottimi come passatempo. Non è possibile operare alcuna scelta della difficoltà che, comunque, risulta ben calibrata con l’avanzare dei livelli. Quello che stupisce, infatti, è l’aumento esponenziale di difficoltà delle mappe dopo il tutorial iniziale, che ci mette di fronte ad un numero sempre maggiore di nemici e di imprevisti. Molto bella la possibilità dopo ogni livello di rivedere il replay di ciò che si è fatto a velocità normale e, magari, godere del colpo d’occhio.

Narrazione.

Superhot non è particolare solo nel gameplay ma anche per la tipologia di storia narrata nel gioco: ultimabile in appena 2 ore di gioco è counque dotato di una storia breve ma intensa. Ci troveremo infatti Superhota trattare temi interessanti e impegnativi pur non dando quella sensazione di pesantezza che di solito si associa a tematiche di questo genere. In game verrete sbeffeggiati, derisi e alcune volte umiliati. Il tutto però per uno scopo che noi non vogliamo assolutamente rivelarvi  per non rovinarvi la sorpresa. Dunque un giudizio pressoché positivo sulla story-line, il cui unico vulnus risulta essere proprio l’eccessiva brevità.

Grafica

SuperhotSfruttando il motore “Unity” il comparto grafico non delude. I modelli scarni di qualsiasi tipo di dettaglio, sono molto interessanti e sembrano fatti da tasselli di vetro che si sbriciolano quando vengono colpiti dai nostri colpi. Le ambientazioni sono asettiche, bianche e anch’esse prive di qualsiasi dettaglio ma se ne si riconosce subito l’identità (vicolo, stazione, uffici).

 

In definitiva il gioco è breve ma dotato di meccaniche nuove e interessanti. Attualmente è disponibile su steam a 22 euro (un prezzo forse un po’ troppo alto) e lo consigliamo caldamente in caso di sconti o promozioni sul titolo.