Poco fa, attraverso un video pubblicato sul suo sito ufficialeSony ha svelato al pubblico l’interfaccia di PlayStation 5 e tutte le sue caratteristiche principali. Nel video, della durata di circa undici minuti, daremo uno sguardo al centro di controllo, alle attività, la guida ai giochi e molto altro ancora.

Manca meno di un mese al lancio ufficiale di PlayStation 5 in America e il team di Sony è entusiasta di condividere con il pubblico il suo primo sguardo all’UX della nuova console di next-generation. La nuova UX è completamente incentrata sul giocatore, per offrire un’esperienza degna della nuova generazione con un’immersione più profonda  e che possa connetterlo rapidamente a grandi giochi e un’appassionata comunità di gioco.

Sony ritiene che il tempo di ciascun giocatore sia prezioso e significativo: con questo ci rivela che tutte le nuove funzionalità offerte sono ispirate proprio a questo concetto. La nuova UX introduce diverse nuove funzionalità progettate per rendere le esperienze di gioco di ciascun giocatore più divertenti, coinvolgenti, personalizzate e social.

Interfaccia PlayStation 5

Uno degli elementi principali è il nuovo Control Center, che fornisce accesso immediato a quasi tutto ciò di cui i giocatori avranno bisogno dal sistema con un singolo click sul pulsante PlayStation, posto sul controller wireless DualSense. Il tutto senza abbandonare il gioco.

Sony ha anche aggiunto nell’interfaccia di PlayStation 5 una nuova funzionalità chiamata Attività. Questa funzione è stata progettata per permettere ai giocatori di avvicinarsi agli elementi chiave del gioco. Le attività vengono visualizzate tramite schede sullo schermo nel Centro di controllo. Esse poi permettono ai giocatori di scoprire nuove opportunità di gioco, saltare direttamente ai livelli o alle sfide che preferiscono e molto altro ancora. Alcune schede attività possono anche essere messe in modalità picture-in-picture, in modo da poterle visualizzare senza dover lasciare il gioco.

Vi ricordiamo che PlayStation 5 sarà disponibile a partire dal 12 novembre in America e dal 19 novembre nel resto del mondo, tra cui anche in Italia.

Arriva da oltreoceano una notizia che potrebbe condizionare pesantemente il mercato videoludico nei prossimi  anni. EA ha annunciato infatti il raggiungimento di un accordo per l’acquisizione di Respawn Entertainment, lo studio di sviluppatori indipendenti che hanno il franchising Titanfall.

Respawn porta a EA il talento che lo studio ha saputo dimostrare con Titanfall e Titanfall 2, due dei titoli più apprezzati tra gli shooter negli ultimi cinque anni. L’acquisizione si basa su una partnership tra Respawn e EA, con diversi progetti che sarebbero già in fase di sviluppo. In particolare sono stati menzionati: un nuovo titolo nel franchise Titanfall, un gioco creato nell’universo Star Wars ™ e un’esperienza di gioco VR.

“Abbiamo visto in prima persona il calibro di classe mondiale di Respawn come uno studio di sviluppo con incredibile visione, talento profondo e una mentalità creativa ispiratrice”, ha dichiarato Andrew Wilson, CEO di Electronic Arts. “Il nostro partenariato di lunga data è fondato nel desiderio condiviso di spingerci sempre più in là e di offrire nuove esperienze straordinarie e innovative per i giocatori di tutto il mondo. Insieme abbiamo realizzato il franchise Titanfall, e ora con il team Respawn che si unisce a EA, abbiamo piani emozionanti per realizzare cose ancora più sorprendenti in futuro “.

“Quando abbiamo fondato Respawn, avevamo l’obiettivo di creare uno studio con alcuni dei migliori talenti del settore ed arrivare ad essere tra i migliori sviluppatori di giochi innovativi”, ha dichiarato Vince Zampella, CEO di Respawn Entertainment. “Abbiamo sentito che è arrivato il momento di unire le forze con un leader del settore che porta le risorse e il supporto di cui abbiamo bisogno per un successo a lungo termine, pur mantenendo la nostra cultura e la libertà creativa. EA è stato un ottimo partner nel corso degli anni con Titanfall e Titanfall 2 e siamo entusiasti di unire i nostri punti di forza. Questo è un grande passo per Respawn, EA e i nostri giocatori”.

Respawn si unirà all’organizzazione WorldAway Studios di EA, un collettivo creativo globale. In base all’accordo, EA pagherà 151 milioni di dollari in contanti e fino a 164 milioni di dollari in azioni, in forma di azioni riservate ai dipendenti. Inoltre, EA potrà essere tenuta a pagare un corrispettivo in denaro variabile aggiuntivo in funzione del raggiungimento di determinati obiettivi di performance relativi allo sviluppo dei futuri titoli, fino alla fine del  2022. L’importo supplementare è fissato ad un massimo di 140 milioni di dollari.

Si prevede che la transazione si chiuderà entro la fine del 2017 o subito dopo.

Lucca Comics è sempre stata, senza ombra di dubbio, uno dei più attesi (se non IL più atteso) appuntamenti italiani dedicati al fumetto e al gaming, capace di attirare migliaia di visitatori anche da oltreconfine, ed ha sempre ospitato importanti sviluppatori ed editori di videogiochi, operatori del settore, artisti, media, creativi. Alla ormai imminente edizione di quest’anno, sarà presente anche Bigben Interactive con postazioni gaming, prodotti, accessori ed altro, sparse per tutta la città.

Per i nostalgici, ma anche per gli appassionati del genere action Bigben, presso il proprio stand situato nell’Area Cavallerizza, offrirà l’opportunità di provare in anteprima Outcast – Second Contact, remake di Outcast, primo open world in 3D e vero e proprio antesignano degli action-adventure a mondo aperto. Ma non è tutto: presso lo stesso spazio sarà anche possibile acquistare diversi prodotti pernsati per il gaming su PC, PS4 e Nintendo grazie a numerose offerte definite dalla stessa Bigben “eccezionali”.

Lungo le mura della città invece, saranno predisposte diverse postazioni ove sarà possibile cimentarsi con WRC7, settima edizione del ormai affermato gioco di Rally. Qui tutti i visitatori e gli aspiranti piloti potranno mettere alla prova le proprie abilità da pilota di rally provando allo stesso tempo Revolution Pro Controller 2 di Nacon™, un controller gaming  innovativo, sviluppato con licenza ufficiale Sony Interactive Entertainment Europe per poter essere utilizzato sia su PlayStation 4 che su PC.

Infine un’ultima chicca in serbo per i visitatori della fiera (per l’intera durata della stessa): tutti i punti di ristoro della città offriranno speciali sottobicchieri in edizione limitata. Questi sottobbicchieri, oltre a essere oggetti da collezione, permetteranno a tutti coloro che li porteranno allo stand Bigben di ricevere in regalo un poster autografato dell’illustratore fantasy Michael Wheelan (fino ad esaurimento scorte), e di usufruire di ulteriori sconti esclusivi sui prodotti Bigben, interagendo con il QR code riportato.

Runic Games, casa di sviluppo di Torchlight, torna alla ribalta con Hob: un titolo sorprendente in cui poco alla volta, puzzle dopo puzzle, combattimento dopo combattimento, scopririemo qual è il nostro ruolo nel mondo.

Fin dai primi istanti di gioco appare evidente l’ispirazione di Hob ad uno dei “Must Have” degli Indie: Journey (sviluppato da thatgamecompany). Il silenzioso mondo di Hob, in cui natura e tecnologia futuristica coesistono (e spesso si fondono), pare infatti ormai prossimo alla sua fine, oramai consumato da una misteriosa corruzione, violacea ed estremamente velenosa. Persino il nostro protagonista rischierà di caderne vittima, ma il provvidenziale intervento di un golem meccanico gli salverà la vita; al prezzo del nostro braccio sinistro (un riferimento a FMA ? ndr). Dopo avergli donato una delle sue braccia per sostituire quello che ha perso, il golem invierà l’ancora frastornato protagonista verso una misteriosa struttura. Tuttavia il giocatore dovrà scoprire da solo, e poco alla volta, cosa fare e dove dirigersi, spesso girando anche a caso per il mondo di gioco. Hob infatti non presenta alcun dialogo: le indicazioni fornite dal golem  e la mappa di gioco saranno gli unici elementi a disposizione del protagonista. Il mondo di gioco è suddiviso in macro-aree da affrontare in sequenza, e questo sicuramente aiuta ad orientarsi maggiormente senza però dare alcun tipo di ulteriore aiuto.

Il giocatore dovrà quindi muoversi attraverso le complesse strutture abbandonate del gioco alternando sessioni di platforming (a difficoltà sempre crescente) a intensi combattimenti con le pericolose creature nate dalla corruzione che infestano il mondo. Ogni volta che il nostro protagonista andrà ad interagire con i meccanismi che regolano le enormi strutture sparse per il mondo, esso andrà a mutare nella sua conformazione (oltre a trasformazioni delle strutture potremo assistere anche a veri e propri episodi di terraformazione).

Ma in Hob sono presenti anche momenti di combattimento che ricordano molto da vicino i primi capitoli della saga “The Legend of Zelda”. Dalla sua il protagonista avrà a sua disposizione una spada (che funziona anche da chiave per alcune zone di gioco), il braccio meccanico donato dal Golem (usato per interagire con vari meccanismi e all’occorrenza potente scudo, ma anche arma) e il proprio mantello (che influisce su salute, energia e/o altre statistiche). Ma le somiglianze con le celebri avventure di Link si riscontrano anche per la possibilità di recuperare salute raccogliendo alcuni frutti reperibili soltanto in due modi: o sconfiggendo mostri vari o falciando l’erba alta con la nostra spada.

Dopo averlo giocato a lungo siamo quindi giunti alla conclusione che Hob è riuscito a fare quello che, onestamente, non pensavamo fosse possibile: unire l’atmosfera di giochi come Journey all’azione di saghe epiche come le avventure di Link. Se siete alla ricerca di un’avventura non incentrata solo sul combattimento, oppure se siete alla ricerca di un gioco “riflessivo” ma che non risulti pesante, allora Hob fa decisamente al caso vostro.

[embedyt] https://www.youtube.com/watch?v=M5t2FZc1fEA[/embedyt]

Abbiamo avuto modo di provare in anteprima The Last Wind Monk, sequel di The Inner World, che uscirà tra pochissimi giorni (20 ottobre 2017). Ne siamo rimasti piacevolmente colpiti, e vogliamo spiegarvi perché.

L’Ambientazione

 

l mondo di Asposia è costituito da un enorme spazio vuoto circondato da un’infinita distesa di terra. L’aria del mondo è fornita attraverso le fontane del vento, custodite dai Monaci del Vento. Tali fontane erano ritenute essere un collegamento diretto con gli Dei del vento, vera e propria espressione del loro respiro. Purtroppo però un giorno dalle fontane uscirono i Basiliani, terribili mostri capaci di pietrificare le proprie vittime con lo sguardo. Questi temibili mostri, però, non erano altro che complesse macchine robotiche costruite dal vile Conroy il quale, fingendo di sconfiggere i mostri, ne aveva approfittato per assumere il controllo del mondo. Ma sulla sua strada aveva trovato Peck, Laura e Robert che, dopo un ardua battaglia, lo avevano sconfitto tramutandolo in pietra.

E qui si concludeva The Inner World,

Con The Last Wind Monk, però, veniamo a sapere che le cose non sono migliorate per Asposia. Dopo la sconfitta di Conroy, infatti, Robert è rimasto pietrificato per 3 anni a causa di un incidente occorsogli mentre cercava di scappare dalla sua incoronazione. Nel frattempo è sorto un nuovo dittatore: Emil. Questi altri non è che un ex-commerciante di cianfrusaglie convinto di essere destinato a restaurare Conroy e salvare Asposia dai Basiliani. Emil, a capo del Movimento dei Lealisti di Conroy, ha instaurato una vera e propria dittature simil-nazista: e, ritenendo la tribù dei nasi a flauto responsabili della morte di Conroy nonché della comparsa dei Basiliani,  ha dato il via ad una serie di rastrellamenti, in modo da poter sacrificare tutti i nasi a flauto per poter far rinascere Conroy. Ma non è tutto: il vento (e quindi l’aria) sta cominciando ad esaurirsi e l’unica speranza per il mondo è che venga trovato l’ultimo monaco del vento. Qui comincia la nostra avventura per salvare il mondo.

Il Gioco

Il sistema di gioco è quello tipico di ogni punta e clicca: abbiamo a disposizione tre personaggi (Peck il piccione, Laura la ribelle e Robert l’imbranato) che si muovo tra gli scenari 2D in cui sono presenti diversi punti di interesse con cui è possibile interagire per osservare, raccogliere oggetti e simili. Per proseguire nella storia dovremo risolvere vari enigmi sfruttando gli oggetti del nostro inventario e quelli presenti nello scenario. Il livello dei puzzle è decisamente ben bilanciato, risultando non troppo semplice ma neanche ostico al punto da bloccarci per troppo tempo. Ma non ci limiteremo a risolvere enigmi: potremo anche suonare canzoni col naso di Robert, giocare partite a freccette, e a toc-toc per vincere della fantastica carta igienica!

Se il gameplay è rimasto sostanzialmente identico al primo capitolo, la grafica ha invece subito delle migliorie, pur rimanendo fedele allo stile di The Inner World. Gli scenari appaiono infatti ben realizzati, stravaganti e pregni di personaggi simpatici esattamente come in The Inner World. Ma sono risultati degni di nota anche il doppiaggio e le musiche di gioco, per cui è stato fatto veramente un ottimo lavoro.

Le Nostre Conclusioni

The Last Wind Monk è un’avventura grafica indie assolutamente degna di nota, con un’ambientazione pregna di umorismo pur trattando tra le righe temi delicatissimi (come quello della discriminazione razziale), capace di regalare ore di divertimento agli appassionati del genere e non solo, in quanto il livello degli enigmi è più che alla portata di chiunque. Inoltre la breve sequenza introduttiva, riassumendo le vicende del primo capitolo, renderanno The Last Wind Monk pienamente fruibile anche a quei giocatori che non hanno giocato allo sfortunato The Inner World. The Last Wind Monk sarà rilasciato su tutte le piattaforme tra pochissimi giorni, precisamente il 20 ottobre 2017, e noi vi consigliamo caldamente di non farvelo sfuggire.

[embedyt] https://www.youtube.com/watch?v=WfwxpdX6mwY[/embedyt]

Durante il nostro tour tra gli stand della #MGW2017 abbiamo avuto l’occasione di provare su PS4 il nuovo capitolo della saga Ace Combat, ovvero Ace Combat 7: Skies Unknown la cui uscita è prevista per il 2018.

Durante la nostra prova siamo stati subito catapultati nel mezzo dello scontro, e abbiamo quindi avuto pochissimo tempo a disposizione per poter prendere confidenza con i comandi. Nonostante il nostro combattimento sia durato veramente poco abbiamo potuto constatare come questo nuovo Ace Combat abbia una grafica decisamente di ottimo livello, in particolare per quanto riguarda gli effetti atmosferici e le condizioni di visibilità ridotte in caso di incontro ravvicinato con eventuali nuvole.

Il combattimento seppur frenetico non è impossibile da affrontare anche per chi prende in mano un Ace Combat per la prima volta (come il sottoscritto). I comandi infatti non sono propriamente intuitivi se non si segue un tutorial, ma è comunque possibile orientarsi sul “terreno” di scontro grazie all’ hud che permette di identificare bene i nemici oltre a mettere in evidenza i vari target di missione. Il gameplay consiste infatti in un combattimento aereo a bordo di caccia militari durante i quali avremo da svolgere alcune missioni, che consistono principalmente (ci sembra di capire) nell’abbattere determinati nemici. Uniche pecche: non abbiamo avuto modo di avere alcun tipo di anticipazione rispetto alla storia, ne alcuna missione per VR, che saranno invece previste su Playstation.

Nel complesso possiamo dire di esserci divertiti nonostante due fattori che avrebbero potuto invece compromettere la nostra esperienza: il pochissimo tempo a disposizione ed il non avere (ahimè) mai preso in mano uno dei precedenti capitoli.  Vogliamo quindi consigliare Ace Combat 7: Skies Unknow non solo agli appassionati della serie (o dei simulativi in genere) ma anche a chiunque sia alla ricerca di un gioco con cui sia possibile svagarsi anche con poco tempo a disposizione.

[embedyt] https://www.youtube.com/watch?v=6KVyY0Su4JY[/embedyt]

Rockstar promette scintille a tutti gli utenti di Gta-V. Con un recente Comunicato ha infatti annunciato l’introduzione di un nuovo mortale veicolo ed una nuova modalità.

La Morte viene dal cielo ed ha un nome: RM-10 BOMBUSHKA 

L’RM-10 Bombushka in tutto il suo distruttivo splendore

Se per voi la potenza di fuoco non è mai sufficiente, Rockstar ha ciò che serve per aiutarvi a cancellare dalla faccia della terra i vostri nemici: l’RM-10 Bombushka, il velivolo d’assalto per eccellenza. Dotato di sei posti a sedere e un arsenale sufficiente a spazzare via un piccolo villaggio, questo gigante farà di sicuro alzare qualche bandiera bianca tra le linee nemiche. Se torretta anteriore, posteriore e superiore per voi non sono abbastanza, potrete sempre potenziare il vostro Bombushka nell’officina dell’hangar per sganciare sui nemici qualche sorpresina in più (come bombe esplosive, a gas, incendiarie e a grappolo). RM-10 Bombushka è acquistabile da Warstock Cache & Carry.

Una nuova modalità.

Caccia a Bombushka, la nuova modalità

Ma Rockstar ha in serbo per voi anche un’altra novità. Contestualmente all’arrivo di RM-10 Bombushka, sarà introdotta anche una nuova mnodalità nella quale i giocatori potranno mettere alla prova le proprie abilità di piloti con Caccia al Bombushka. A sfidarsi saranno due squadre composte da un massimo di quattro giocatori. Una fazione si troverà a bordo del Bombushka, pesantemente armato, l’altra invece dovrà cercare di abbattere il bestione con uno sciame di elicotteri Buzzard d’assalto. Ad ogni round i ruoli saranno invertiti; vince la partita il team che sopravvive più a lungo a bordo del Bombushka. È molto simile al classico gioco del gatto col topo, solo che in questo caso il topo è un enorme bombardiere dotato di torrette calibro .50, mentre i gatti possono contare su elicotteri armati. Inoltre fino al 25 settembre sarà possibile ottenere  GTA$ e RP doppi giocando a Caccia al Bombushka. 

 

News ulteriori

Fino al 24 settembre sarà possibile aggiungere un tocco di creatività ai propri veicoli, livree e potenziamenti avranno infatti sconti incredibili:

  • Officina dell’hangar: 25% di sconto
  • Armi per velivoli: 25% di sconto
  • Livree: 25% di sconto (auto e velivoli)
  • Verniciature: 25% di sconto (auto e velivoli)
  • Motrici per Centro Operativo Mobile: 25% di sconto
  • Uffici: 25% di sconto

Ma sarà anche possibile farei un gran bel malloppo di GTA$ con la gara premium e la prova a tempo di questa settimana, disponibili fino al 25 settembre:

  • Gara stunt premium – “Scivolo acquatico” (solo per Blazer Aqua)
  • Prova a tempo – “Calafia Way”