Un nuovo Assassin’s Creed? Sì, ma solo per dispositivi mobili. Ubisifot ha appena annunciato un nuovo titolo del celebre brand per Android e iOS. Vediamone insieme le caratteristiche.

Ambientato in un universo parallelo rispetto a quello della saga principale, Assassin’s Creed Rebellion è un videogame mobile sviluppato da Behaviour Interactive, con meccaniche gestionali e manageriali. Nel gioco infatti, potremo creare la nostra personalissima confraternita, reclutando ed addestrando fino a 40 Assassini, dotati di peculiari abilità da sviluppare e apprendere. Una volta pronti, gli assassini potranno essere mandati in missioni giocabili, dove l’utente dovrà affrontare i Templari infiltrandosi nelle loro roccaforti e sventandone i piani malvagi.

Ovviamente saranno presenti tutti i personaggi della saga principale, tra cui Ezio, Aguilar, Shao Jun, Claudia e Macchiavelli, oltre ad oltre 20 personaggi creati appositamente per questo titolo in versione tascabile. La storia, poi, consentirà di giocare in diverse epoche storiche, grazie ad una versione alternativa e peculiare dell’Animus.

Da quello che abbiamo potuto vedere fin’ora, si tratta di un titolo dalla grafica decisamente “kawaii” e catchy, che fa della leggerezza e della spensieratezza i propri punti di forza. Basta guardare al charachter design per rendersene conto, il che non è decisamente un male, considerando che le piattaforme su cui il gioco verrà rilasciato sono decisamente diverse rispetto a quelle classiche della saga principale.

Il gioco è stato annunciato per il 21 novembre 2018, ma è già possibile pre-registrarsi all’indirizzo assassinscreedrebellion.com, ottenendo così una serie di oggetti in-game e di rewards, che saranno acquistabili successivamente a pagamento all’interno del gioco.

Presentato ad Agosto 2017 e arrivato sugli scaffali di tutto il mondo nel Settembre dello stesso anno, Nokia 8 è il modello di punta della neonata HMD Global, azienda finlandese affiliata con Nokia, che da meno di 2 anni produce smartphone “griffati” con il nome della storica azienda di elettronica. Abbiamo deciso di recensire questo dispositivo a qualche mese dalla sua uscita. Perchè solo adesso? Scopritelo con noi!

Fa strano recensire un prodotto a distanza di mesi, quando siamo abituati ad avere top di gamma che vengono sfornati ogni tre, quattro mesi, creando un interminabile gioco al rialzo continuo in termini di performance e di prezzi, soprattutto per il povero consumatore che si trova in tasca un dispositivo che rischia di mostrare segni di debolezza o obsolescenza dopo pochi mesi dall’acquisto. E’ per questo che abbiamo apprezzato così tanto il Nokia 8, un prodotto, a nostro avviso, in grado di durare nel tempo, grazie ad alcuni accorgimenti adottati dall’azienda produttrice. Prima di parlarvi di questi aspetti, però, partiamo con una bella e completa recensione.

Il telefono nel suo complesso.

Non si può non iniziare con un po’ di dati tecnici sul prodotto: questo dispositivo monta un processore Snapdragon 835 e una Gpu Adreno 540, i canonici (e minimi, per top di gamma) 4 GB di ram e una memoria interna da 64 o 128 GB espandibile grazie allo slot per la micro SD, l’installazione della quale ci costringe però a rinunciare alla seconda sim card. Inoltre, le dimensioni sono in linea con quelle dei diretti concorrenti, ovvero 151,5 mm di lunghezza, 73.7 mm di larghezza e 7.9 mm di spessore, il tutto per un peso di circa 160 grammi per un prodotto che pesa il giusto ma che, grazie al suo design leggermente bombato e dagli angoli tondeggianti, si tiene comodamente in tasca, anzi, spesso ci si dimentica quasi di averlo. Il display non è particolarmente grande, solo 5.3” (ma compensa con la risoluzione e la qualità, come vedremo più avanti. ndr), il che rende le barre nere superiore inferiore leggermente troppo grandi, almeno secondo il nostro gusto, qualche millimetro di schermo effettivo in più non avrebbe guastato al design, a nostro avviso. La scocca in metallo poi è di davvero pregevole fattura, anche se i bordi superiore e inferiore, dove si trovano rispettivamente il jack per le cuffie da una parte e ricarica altoparlante e microfono dall’altra, sono in plastica. Questa scelta non ci è particolarmente piaciuta, e nel complesso il design non brilla per originalità, restituendo una sensazione un po’ retrò, ma non particolarmente elegante. Tornando al lato B, anche se la scocca appare bella da vedere, la presa risulta a tratti un po’ troppo scivolosa, restituendo una sensazione di presa poco salda e di eccessiva fragilità.

La scocca nel suo insieme, notare il jack per il caricatore usb 3.1

Detto così, sembra che il Nokia 8 non parta particolarmente bene ai nostri occhi, vero?! E invece no, perchè a parte il design, è davvero difficile trovare qualcosa che non vada in questo telefono. Superato l’impatto iniziale con il design del prodotto, basta avviare il dispositivbo per rendersi conto di come ci si trova di fronte ad un prodotto solido, stabile e particolarmente funzionale: Il processore e la RAM lavorano davvero bene in maniera sinergica, rendendo le applicazioni particolarmente reattive e funzionali; il display compensa le sue dimensioni con una risoluzione QHD (2560×1440 pixel), vetro Gorilla Glass 5 e una leggera curvatura 2.5D. Ci ha davvero impressionato questo schermo, si vede davvero bene anche all’aperto, inoltre il sensore di luminosità adattiva, pur non essendo reattivissimo, fa molto bene il suo lavoro, garantendo un’ottima visibilità anche in condizioni di forte luminosità.

Notate la stondatura dei bordi e la leggera bombatura del “Lato B”

Parlando ancora di hardware e di dati tecnici poi, non possiamo non menzionare la fotocamera: questo dispositivo è dotato di doppia fotocamera posteriore da 13 mp, con la seconda destinata solo al bianco e al nero, che possono essere combinate insieme per granatire una maggiore luminosità alle foto. Da notare come siano ottiche Zeiss, che rendono questa fotocamera davvero pregevole. Infatti, l’ottima sinergia tra le due fotocamere (che possono comunque essere usate singolarmente), rende il dispositivo in grado di catturare in maniera ottimale la luce, con un bilanciamento delle foto davvero notevole. Se vogliamo trovare un difetto, le fotocamere posteriori di questo Nokia 8 non sono particolarmente reattive, rendendo difficile quindi scattare una foto “al volo” e pretendere il massimo della qualità (qualche sfocatura di troppo e, in condizioni di scarsa luminosità, troppo rumore). Però, anche grazie all’ottima modalità manuale, è possibile scattare foto davvero dettagliate e particolarmente pulite, con un minimo di pazienza. La fotocamera anteriore poi, è davvero ottima, probabilmente una delle migliori che ci siano in circolazione. Non solo è di 13 megapixel, come quelle posteriori, ma testata in diverse condizioni restituisce un’immagine davvero precisa e pulita. Le tre fotocamere, poi, possono essere attivate insieme grazie alla funzione Bothie, che permette di scattare divertenti selfie-reaction (la vostra faccia, e quello che avete di fronte). Niente di rivioluzionario, sia chiaro, ma si tratta di una funzione davvero divertente. Il video, purtroppo, perde qualcosina. In questo la scarsa reattività delle lenti non aiuta, e il fatto che abbiano provato a metterci una pezza cappando a 30 fps i video non fa che peggiorare la situazione. Nel complesso non sono brutti video, ma mancano di quel qualcosa in più che avrebbe potuto far risaltare l’intero comparto. In ultimo, dobbiamo menzionare lo zoom ottico, che davvero non riesce a fare il suo lavoro, aumentando il rumore in maniera esponenziale. Peccato.

Il design un po’ retrò può piacere o non piacere, ma non lascia sicuramente indifferenti…

Spostandoci invece sul lato software, poi, troviamo Android 8, praticamente stock e praticamente aggiornato in tempo reale con i dispositivi Nexus. Questo ci sembra uno degli aspetti più interessanti del Nokia 8: la sua capacità di rimanere pulito e il più attaccato possibile alle versioni stock di Android permette di ottimizzare i consumi in maniera incredibile (ci torniamo quando parliamo della batteria), ma soprattutto garantisce la facilità di gestire un long term support che potrebbe andare avanti per moltissimo tempo. In parole povere, l’impressione che abbiamo avuto usando questo telefono è che possa essere un dispositivo destinato a durare nelle mani del consumatore, in controtendenza con quanto avviene per molti dispositivi oggigiorno sul mercato, costretti a rincorrere i modelli più recenti dopo qualche mese per via di interfacce utente soddisfacenti dal punto di vista della user experience, ma sempre più invadenti e pesanti. Il rovescio della medaglia è l’essere costretti ad utilizzare un maggior numero di applicazioni di terze parti anche per le funzioni più banali come il reghistratore vocale, ma lo store di Google è in grado di fornire risposte ottime ad ogni esigenza.

Infine, batteria e consumi. Da questo lato la casa finlandese dimostra di aver compiuto un lavoro egregio, e, anche se la batteria non è tra le più capaci presentate sul mercato (“solo” 3090 mAh), la durata e l’ottimizzazione sono davvero perfette. Anche con un utilizzo davvero intenso, sarà difficile arrivare a fine giornata con meno del 10% di batteria rimasta. Per farvi un esempio, noi l’abbiamo stressato portandolo in fiera e, tra video, foto, telefonate e quant’altro a fine giornata aveva ancora più del 20% di carica residua.

Dopo la nostra giornata in fiera al Cartoomics. Su Youtube e Facebook potete trovare i nostri video e le nostre dirette che abbiamo fatto quel giorno!

Come vi avevamo premesso, perchè fare adesso la recensione di un prodotto uscito sul mercato diversi mesi fa? Perchè l’impressione è che, nonostante il design e la fotocamera non siano il top del top, questo Nokia 8 sia un prodotto in grado di durare nel tempo, come, passatemi il paragone, i telefonini di una volta, che quando comprati (pagando un sacco di soldi, tra l’altro, in proporzione molto di più di quanto costano ora ndr) potevano durare molti anni prima di dover essere sostituiti per evidente obsolescenza. Ovviamente molto dipenderà dal supporto che l’azienda vorrà dare a questo prodotto, ma se le nostre speranze dovessero essere confermate, ci troveremmo di fronte un prodotto che, sfruttando il calo fisiologico di prezzo dovuto al mercato, potrebbe davvero diventare un best buy. Già adesso, che dai 599€ dei lancio è possibile trovare sotto i 400€ in alcuni store online, ci sembra possa essere un dispositivo che valga la pensa acquistare.

Grazie alla copia che ci è stata fornita da Sony Interactive Entertainment Europe abbiamo avuto modo di provare a fondo Hidden Agenda, ed ecco la nostra recensione!

Hidden Agenda è il nuovo titolo presentato per il sistema Playlink di PlayStation assieme a Sapere è Potere, ovvero un sistema che unisce console e smartphone così da rendere questi ultimi dei veri e propri controller utilizzabili in diversi modi (dopo aver scaricato la corrispondente applicazione dagli store IOS ed Android). Abbiamo già avuto modo di parlare di Sapere è Potere ma questo titolo porta a nuovi livelli di intrattenimento. Hidden Agenda si pone, infatti, come una vera e propria esperienza cinematografica da vivere e giocare in gruppo. Innanzitutto il gioco è suddiviso in una modalità storia ed una competitiva.

Trama & Gameplay

Partiamo dalla modalità storia e da quello che è la trama principale del titolo. In Hidden Agenda un serial killer conosciuto come il Manipolatore sta seminando il panico tra la popolazione per il suo particolare modus operandi. Starà a noi catturare il killer e scoprire la verità attraverso una narrazione in perfetto stile film thriller. I diversi giocatori (fino ad un massimo di 6) dovranno limitarsi a scegliere le opzioni di dialogo tra i vari personaggi (per maggioranza, usando punti decisione o in particolari frangenti in cui la scelta sarà nelle mani di 1-2 giocatori scelti dagli altri come “i più decisi” o “i più intuitivi”), ricercare indizi sulle varie “scene del crimine” e compiere particolari quick time event (queste ultime due azioni conferiranno ai giocatori i punti decisione per decidere come far evolvere la trama nelle scelte dei dialoghi escludendo gli altri dalla scelta). Il tutto attraverso l’utilizzo dello smartphone semplicemente trascinando il dito sullo schermo. Tutto ciò porterà ad un’evoluzione della trama in stile “effetto farfalla” con tante possibilità e finali diversi (compresi quelli “prematuri”).

La modalità competitiva ripropone la trama con l’aggiunta dei cosiddetti piani segreti; questi potranno essere conferiti ad un giocatore in diversi momenti del gioco. Il giocatore in possesso di un piano segreto dovrà cercare di convincere gli altri a compiere una scelta di dialogo e così facendo potrà ottenere punti. Inoltre i giocatori che non saranno in possesso del piano dovranno cercare di indovinare chi ne è in possesso così da ottenere punti. Alla fine del gioco vincerà il giocatore con più punti. Questa modalità riesce semplicemente a rendere il gioco di base più interessante senza però apportare grandi novità o stravolgimenti al gioco.

Longevità

Parlando invece della durata Hidden Agenda ha anche la stessa durata di un film abbastanza lungo; difatti si aggira sulle 2-3 ore per essere completata. Il titolo, comunque, é dotato di una discreta rigiocabilità dovuta alle moltitudini di possibilità presenti così da analizzare ogni aspetto della trama (o nel caso in cui arriviate ad un vicolo cieco). Un vero peccato per la totale assenza di possibilità di ricominciare la storia da un punto prestabilito così da cambiare semplicemente alcuni aspetti della trama (specialmente in seguito ad un’inaspettata fine della storia per una scelta errata a causa della quale saremo, dunque, costretti a ricominciare il gioco da capo).

Comparto Tecnico

Dal punto di vista della grafica Hidden Agenda propone un livello di texture, poligoni ed animazioni facciali in motion capture sicuramente di livello eccelso. Purtroppo però abbiamo notato qualche piccolo problema nel doppiaggio con alcune voci sottotono rispetto ad altre e soprattutto alcuni errori nella traduzione delle opzioni di dialogo che, a volte, non fanno ben intendere a cosa si stiano riferendo.

 

Klab Inc, azienda leader nel gaming mobile online, ha annunciato a partire da lunedì 20 novembre la pre-registrazione per la versione globale di Captain Tsubasa: Dream Team. Il gioco è una simulazione calcistica con sfide testa a testa basata sulla famosissima serie Captain Tsubasa (aka Holly&Benji) che sarà pubblicata in 135 nazioni e regioni di tutto il mondo. La versione globale sarà localizzata in sei lingue: inglese, francese, tedesco, italiano, spagnolo e cinese tradizionale, e la sua uscita è prevista per dicembre 2017.

Captain Tsubasa: Dream Team
Captain Tsubasa: Dream Team è una simulazione calcistica con sfide testa a testa basata su uno dei manga sportivi più famosi di tutti i tempi, Captain Tsubasa (Holly&Benji). I giocatori avranno la possibilità di allenare vere e proprie leggende come Tsubasa (Oliver Hutton/Holly), Misaki (Tom Becker), Hyuga (Mark Lenders) e tutti gli altri personaggi iconici della serie per costruire un vero e proprio dream team. I giocatori scenderanno in campo con le loro squadre personalizzate per sconfiggere gli avversari comandati dall’IA o per sfidare in un testa a testa all’ultimo gol amici e altri giocatori di tutto il mondo.

La versione giapponese, uscita il 13 giugno di quest’anno, ha già superato i 4 milioni di download, ed è stata ampiamente apprezzata sia dai fan di Captain Tsubasa che dagli appassionati di calcio. La versione globale rappresenta una nuova era per il gioco, con Tsubasa e gli altri personaggi pronti a scendere in campo sotto i riflettori del mercato mobile internazionale.

Inizio della Pre-RegistrazioneCampagna Pre-Kickoff
L’evento Pre-Kickoff include una serie di iniziative di lancio, come la pre-registrazione, un giveaway di oggetti in gioco, una campagna giveaway del merchandising di Captain Tsubasa: Dream Team, e illustrazioni originali firmate dal creatore di Captain Tsubasa in persona, Yoichi Takahashi, che ha inviato anche un video messaggio speciale per l’occasione.

Come pre-registrarsi al gioco

Per effettuare la pre-registrazione a Captain Tsubasa: Dream Team, i giocatori devono semplicemente seguire gli account ufficiali di Twitter o Facebook. L’evento di pre-registrazione si svolge nelle oltre 135 nazioni e regioni in cui sarà pubblicata la versione globale del gioco.

Bonus di pre-registrazione
Data dell’evento: a partire da lunedì 20 novembre

Ogni giocatore che effettuerà il login nel gioco riceverà una la SSR di Tsubasa Ozora Il pallone è il mio migliore amico come dono gratuito. Oltre alla SSR del personaggio, i giocatori riceveranno in regalo anche 25 Dreamball*, utilizzate come moneta virtuale all’interno del gioco. Entrambi i regali verranno assegnati ai giocatori una volta uscito il gioco.

*La Dreamball è la moneta virtuale utilizzata in Captain Tsubasa: Dream Team per acquistare nuovi personaggi, sbloccare nuovi contenuti e altro ancora.

Captain Tsubasa Giveaway Extravaganza
KLab ha stabilito una partnership con Yoichi Takahashi, il creatore di Captain Tsubasa, per dare ai fan della serie di tutto il mondo la possibilità di vincere premi esclusivi firmati e illustrati dall’autore!

Vinci il merchandise di Captain Tsubasa!
Date dell’evento: da lunedì 20 novembre a giovedì 30 novembre

Seguire l’account ufficiale di Twitter di Captain Tsubasa: Dream Team e ritwitta il post indicato per avere una possibilità di essere uno dei vincitori dei sei premi più importanti e ricevere un’illustrazione originale firmata da Yoichi Takahashi. Il concorso dà a dieci partecipanti la possibilità di vincere una maglietta di Captain Tsubasa: Dream Team!

Vivi il calcio di inizio con il messaggio dell’autore di Captain Tsubasa
Yoichi Takahashi, creatore della serie Captain Tsubasa, ha inviato un video messaggio esclusivo in cui esprime tutti il suo entusiasmo per il lancio della versione globale del gioco e il suo affetto per la community mondiale di fan.

Caratteristiche di Captain Tsubasa: Dream Team

Partite di calcio uno contro uno online
Gioca online contro amici e avversari! Allena leggende come Tsubasa Ozora e crea la squadra dei tuoi sogni, sfidando in duelli all’ultimo tiro i giocatori di tutto il mondo.

Mosse speciali spettacolari
Guardare i colpi più famosi della serie, come il Tiro Guidato di Tsubasa o il Tiro della Tigre di Hyuga prendere vita in fantastiche sequenze animate! Senti tutta l’energia dello stadio e il profumo dell’erba mentre il tuo personaggio preferito effettua una mossa speciale davanti ai tuoi occhi.

Storie avvincenti
Gioca il gioco in modalità Storia per vivere tutti i momenti più emozionanti della storia di Captain Tsubasa e tanto altro. Sfida gli avversari più indimenticabili e guarda la storia prendere vita!

Captain Tsubasa
Creato da Yoichi Takahashi, Captain Tsubasa è un manga giapponese le cui vicende sono basate sul mondo del calcio. Sin dal suo esordio nella storica rivista antologica settimanale di Shueisha, il Weekly Shonen Jump, nel 1981, la serie è cresciuta costantemente fino a diventare una vera e propria leggenda che ha divertito e ispirato innumerevoli appassionati di calcio di tutto il mondo.

Anche dopo la fine della serie iniziale, la storia ha continuato a evolversi in nuovi lavori, accompagnando la crescita e lo sviluppo del personaggio principale Tsubasa Ozora. La popolarità della serie continua a essere altissima, con Captain Tsubasa Rising Sun che al momento viene pubblicato sull’antologia manga di Shueisha, Grand Jump.

La serie ha venduto oltre 70 milioni di volumi soltanto in Giappone. La popolarità di Captain Tsubasa però si estende ben oltre i confini del Sol Levante, visto che la serie è stata tradotta in dieci lingue, conquistando i cuori degli appassionati di calcio di tutto il mondo.

[embedyt] https://www.youtube.com/watch?v=7ka2T9juKOI[/embedyt]

Razer phone, il nuovo smartphone Razer equipaggiato con il primo schermo UltraMotion™ a 120 Hz al mondo, tecnologia audio Dolby Atmos® e prestazioni mostruose per lo smartphone Android di Razer

Razer™, leader mondiale nel lifestyle gaming, annuncia Razer Phone, uno smartphone Android dotato di tecnologie audio-video rivoluzionarie e potenza estrema per portare l’intrattenimento personale a un livello superiore.

Il primo device della divisione mobile dell’azienda, offre un display fenomenale, audio cinematografico e batteria sufficiente per durare un’intera giornata nel palmo della mano.

Razer phone

SMOOTHER. BRIGHTER. FASTER.

Razer Phone presenta il primo schermo UltraMotion™ a 120 Hz al mondo, che offre i rate di refresh più rapidi e la grafica più fluida tra gli odierni smartphone.

La tecnologia di refresh adattivo di UltraMotion sincronizza GPU e display per rimuovere il tearing o il lag delle immagini favorendo nel contempo un utilizzo efficiente della batteria.

Il display da 5,72 pollici – un Quad HD IGZO LCD – offre immagini vibranti e nitide con un’ampia gamma di colori.

AUDIO CINEMATOGRAFICO REALISTICO

Razer Phone integra la tecnologia Dolby Atmos® per fornire un audio cinematografico reale tramite gli speaker frontali con due amplificatori dedicati.

Un adattatore audio USB-C certificato THX con un convertitore audio digitale a 24 bit (DAC) assicura un suono di elevata qualità con le proprie cuffie.

Razer phone

PRESTAZIONI MOSTRUOSE

Razer Phone offre l’esperienza di gioco e di visione definitiva, con il più recente Qualcomm® Snapdragon™ 835 e 8GB of RAM.

È possibile personalizzarla con l’app Razer Game Booster, mentre il design termico best-in-class del telefono riduce il throttling per ottimizzare consumi e prestazioni.

INTRATTENIMENTO CONTINUOrazer phone

Razer Phone integra una batteria da 4,000 mAh, tra le più ampie capacità reperibili in uno smartphone odierno. Ciò consente di continuare a giocare tutto il giorno, mentre Qualcomm® Quick Charge™ 4+ permette di ricaricare rapidamente.

FOTOCAMERA STRABILIANTE

Grazie alla doppia fotocamera posteriore da 12MP, Razer Phone mette a disposizione degli appassionati di fotografia uno strumento versatile per creare immagini mozzafiato. Passare da grandangolo a teleobiettivo è semplice con un rapido tocco sul display, mentre il flash dual-tone assicura che i soggetti risultino sempre naturali.

UN’ESPERIENZA DI QUALITÀ PER POWER USER

Il sottile (8mm) corpo in alluminio del Razer Phone è accattivante e piacevole da maneggiare. Attualmente con Android Nougat, il device verrà aggiornato ad Android Oreo nella primavera 2018.

Dispone di Nova Launcher Prime con Google Assistant Integration. Nova Launcher Prime offre la personalizzazione necessaria dell’esperienza Android per soddisfare ogni gusto ed esigenza.

Razer Phone

WATCH. LISTEN. PLAY.

Ogni funzionalità del Razer Phone è stata pensata per offrire il massimo del mobile entertainment:

Watch – Goditi i film come si deve. Spalanca gli occhi su un grande schermo, con dettagli nitidi e motion fluida, arricchita da colori vibranti e naturali. Aggiungi un suono chiaro e avrai in mano l’esperienza cinematografica completa.

Listen – Alza il volume — tutto ha un suono sbalorditivo. L’audio ottimizzato offre gli alti e i bassi della tua musica preferita, sia che la stia ascoltando tramite speaker stereo o con le cuffie. Non soffrire in silenzio, c’è batteria sufficiente per ascoltare le tue canzoni tutto il giorno.

Play – Nei tuoi tragitti quotidiani al lavoro o quando giochi in un torneo, goditi gameplay perfetto e prestazioni mostruose grazie a componenti di alta qualità. Configura la scheda grafica per ottimizzare la tua esperienza indipendentemente dal titolo a cui stai giocando. E grazie a una maggiore autonomia, puoi goderti i giochi più recenti senza la preoccupazione di rimanere senza batteria.

“Lo sanno tutti che sono ossessionato dai miei smartphone, gioco a un sacco di titoli su questi device e li uso per vedere contenuti in streaming”, afferma Min-Liang Tan, co-fondatore e CEO di Razer. “Da anni volevamo realizzare un telefono che integrasse tecnologia di livello gaming, e il Razer Phone rappresenta perfettamente ciò che avevamo in mente”.

PARTNERSHIP GAMING

Razer è orgogliosa di collaborare con le principali aziende gaming del mondo, tra cui Tencent® e Square Enix®, per offrire la migliore esperienza di gioco nel mobile e trarre il massimo dalle straordinarie funzionalità del Razer Phone. I giochi mobile sono ottimizzati dai nostri partner per il display UltraMotion con frame rate fino a 120 frame al secondo.

 

ALTRE PARTNERSHIP
• “Final Fantasy® XV Pocket Edition”, Square Enix
• “Gear.Club”, Eden Games
• “Lineage 2: Revolution”, Netmarble Games Corporation
• “Old School RuneScape™”, Jagex Limited
• “RuneScape™” , Jagex Limited
• “Shadowgun Legends™”, Madfinger Games
• “Tekken™”, BANDAI NAMCO Entertainment Europe
• “Titanfall™: Assault”, NEXON Co., Ltd. E Particle City, Inc.
• “World of Tanks Blitz”, Wargaming Group Limited
RAZER THEME STORE

Il Razer Theme Store consente ai gamer di personalizzare il proprio telefono, cambiando wallpaper, icone e colorazioni. Include suonerie personalizzate da Razer DJ e sfondi ispirati a giochi popolari come “Shadowgun Legends™”.

“3” OPERATORE ESCLUSIVO PER L’EUROPA

In Europa, Razer ha sottoscritto una partnership esclusiva con 3 per il lancio nel Regno Unito, Irlanda, Danimarca e Svezia.

RAZER PHONE SPECIAL EDITION

1.337 set del Razer Phone Special Edition con il tradizionale logo col serpente a tre teste verde di Razer saranno disponibili nei negozi 3 nel Regno Unito, Irlanda, Danimarca, Svezia, nel Razer Store di San Francisco e online su Razerzone.com in USA e Canada.

La versione standard del Razer Phone presenta un logo col serpente a tre teste cromato.

PREZZO

Prezzo di vendita consigliato: €749.99

Nokia 8: benvenuto bothie!

Nel giorno del release sul mercato italiano del nuovo Nokia 8, HMD global ha organizzato un evento per la presentazione ufficiale del prodotto. Noi ci siamo stati e vi riportiamo le nostre prime impressioni.

nokia 8

 

Nel giorno dello sbarco sul mercato italiano di Nokia 8, il team HMD Global ha presentato, oltre agli altri mobilephones di Nokia (105 e 130), tutte le features del flagship.

Il Technical Account Manager HMD, Luca Cecconi, ha aperto la parte più tecnica della presentazione con uno dei punti salienti di questo cellulare: il sistema operativo. Come i precedenti modelli (3, 5 e 6), Nokia 8 gira su Android 7.1 stock. In questo modo dovrebbe essere possibile ottenere tutti gli aggiornamenti rilasciati prima degli altri device, tra cui l’atteso Android Oreo. Inoltre, durante l’intervento, è stata annunciata la creazione di una pagina sul sito Nokia, con tutti i bollettini degli aggiornamenti rilasciati, per una facile consultazione.

Ma Nokia 8 non è solo “il modo più veloce per ottenere Android 8”, è anche un telefono elegante (soprattutto nella colorazione rame, che ci è piaciuta molto) e resistente, grazie alla scocca ricavata da un unico blocco di Alluminio 6000, materiale molto duttile, dotato di ottima conducibilità e dissipazione e dal basso peso specifico. Il cellulare, infatti, è molto leggero, oltre che molto sottile (7.3 mm centrale, 4.6 mm ai bordi); cosa che potrebbe influenzarne negativamente il grip. Interessante poi la scelta di posizionare nei bordi superiore e inferiore del terminale le antenne e i microfoni, in modo da non ostacolare con la mano il segnale durante le chiamate.

nokia 8

Il cuore pulsante di Nokia 8 è uno Snapdragon 835, il top di gamma Qualcomm, dotato di una soluzione di raffreddamento con pipeline di rame e schermatura in grafite per evitare l’affaticamento del processore octa core 2,45 GHz.

Ma veniamo ora alle vere e proprie chicche di questo smartphone:

  1. OTTICA. La doppia ottica Zeiss posteriore 13 MP (a colori con stabilizzatore ottico + monocromatica per supporto in condizioni di scarsa luminosità) e la fotocamera anteriore 13 MP (f 2.0 e 78° di grandangolo) consentono di ottenere ottime fotografie, adeguandosi praticamente a tutte le esigenze dell’utilizzatore.
  2. OZOAUDIO. Nokia 8 punta sulla condivisione globale di un’esperienza, che non può prescindere dalla qualità audio: 3 microfoni registrano e riproducono a 360° il suono, con risultati nettamente più coinvolgenti rispetto allo standard.
  3. DUAL-SIGHT. E’ la vera innovazione di Nokia 8: il bothie. Questa è la punta di diamante del device, che aspira a rivoluzionare il mondo dei social e a spodestare il selfie dal suo trono. Facilmente impostabile dalla fotocamera, questa modalità consente di visualizzare contemporaneamente fotocamera anteriore e posteriore e di condividerle in tempo reale su facebook e youtube. 

Terminate queste considerazioni più tecniche, arriviamo alle nostre impressioni. Sicuramente Nokia 8 rappresenta un modo innovativo e rivoluzionario di concepire uno smartphone. Un’impostazione che spalanca le porte ai social network e punta esplicitamente su Millennials e Storytellers di ogni età.

In definitiva il design è accattivante e le idee sono ottime, ma siamo rimasti un po’ perplessi dalla sostanza. Durante tutta la presentazione non è stata fatta menzione della durata della batteria: nonostante sia uno dei punti di forza storici di Nokia, per uno smartphone così social riteniamo fondamentale specificare questa caratteristica.
Per maggiori dettagli, aspettiamo di avere lo smartphone in redazione… stay tuned!

 

 

È finalmente arrivato il videogioco adatto a tutti gli amanti dei GDR da Tavolo (D&D su tutti): Eon Altar che con un innovativo sistema di controllo riesce a riportare (con successo) le meccaniche del capostipite dei giochi di ruolo nel mondo videoludico. Sono sempre più gli Indie che tentano di sfondare in un mercato dove (forse troppo spesso ndr) le case “tripla A” rimangono impantanate. Il gruppo Flying Helmet Games è riuscito a ribadire ancora una volta questo concetto, realizzando uno dei più innovativi giochi gdr del mercato.

07In Eon Altar  le meccaniche dei GDR cartacei sono state fuse con quelle dei tradizionali videogiochi, e da questa fusione è nato un sistema di controllo davvero inusuale. Per controllare i propri personaggi i giocatori (max 4 in coop locale) non dovranno utilizzare i classici tastiera/pad bensì il loro smartphone/tablet, che funziona anche come la scheda personaggio dei GDR tradizionali, tutto questo grazie ad una controller app, scaricabile gratuitamente. Grazie a questo sistema non solo è possibile giocare insieme agli amici seduti comodamente sul divano, ma in questo modo lo schermo di ogni giocatore permette a ciascuno di visualizzare privatamente il background del proprio pg, i rami abilità, i suoi ideali, pensieri intimi, etc. Ma non è tutto ! Grazie alla App si potrà anche (secondo la miglior tradizione dei Gdr classici) recitare ad alta voce le linee di dialogo che appariranno sullo schermo, con l’intonazione che più si preferisce (oppure rimanere muti e limitarsi a tappare sullo schermo la battuta che più ci aggrada) .

screenshot2Il gameplay offre una modalità campagna, suddivisa in tre episodi (i primi due già usciti, il terzo ancora in lavorazione) a loro volta suddivisi in capitoli, affrontabile in diversi livelli di difficoltà. Il giocatore potrà quindi scegliere tra i cinque pg a disposizione, e affrontare i nemici in epiche battaglie tattiche a turni di squadra (eroi e nemici). In questo modo ognuno potrà ragionare al meglio sulla mossa migliore da fare senza interrompere i compagni avendo anche la libertà di muoversi come meglio si crede per la mappa. Notevole la componente ruolistica anche a livello di gameplay: ogni giocatore avrà infatti la possibilità di scegliere se collaborare con gli altri (condividendo informazioni segrete, quest, ed altro) oppure scegliere di “lavorare da solo” o addirittura mettere i bastoni tra le ruote agli altri per avvantaggiarsi. Per chi invece è alla ricerca di sfide avvincenti è disponibile anche la modalità arena, dove si dovranno affrontare orde infinite di nemici.

01Un ottimo lavoro è stato fatto sia del comparto sonoro, sopratutto nelle musiche realizzate da Tom Salta (lo stesso della leggendaria serie Halo), che di quello grafico, i cui lavori combinati riescono ad offrire un’ambientazione “Spada e Magia” veramente coinvolgente.

Per concludere si può dire che Eon Altar è uno dei videogiochi veramente più innovativi degli ultimi tempi, non soltanto perché è riuscito ad unire le classiche meccaniche GDR con il mondo dei videogiochi, ma anche perchè , come dichiarato dagli stessi sviluppatori, il suo scopo principale è quello di riportare un po’ di aggregazione (essendo pensato principalmente per la coop locale) “costringendo”  i giocatori a ritrovarsi in gruppo per poter giocare insieme, magari davanti ad una pizza….

PRO

Gameplay veramente innovativo e divertente

Musiche eccezionali

Divertimento con gli amici assicurato

CONTRO

La modalità campagna è veramente molto breve

All’evento Lenovo a Milano abbiamo avuto modo di vedere e toccare con mano i nuovi Moto Z e Z Play. Due smartphone modulari pensati per poter soddisfare i bisogni di ogni utente. Come ci sono sembrati? Scopriamolo insieme!

Partiamo facendo una veloce premessa: Negli ultimi anni la storia di Motorola è stata piuttosto travagliata con la società che è passata da un compratore all’altro senza riuscire a tornare ai fasti degli anni ’90/’00, dove insieme a Nokia (che non ha avuto sorte migliore) letteralmente dominava il mercato. Dal 2015, dopo essere stata sotto la grande G (per cui ha prodotto, tra gli altri, il Nexus 6), è passata in mano ed è stata acquisita da Lenovo, che ora annuncia la nuova serie di modelli Moto Z, con i quali cerca di riguadagnare il terreno perso in un mercato che la vede rincorrere la concorrenza da ormai troppo tempo.
Annunciati a tutto il mondo durante l’IFA2016, in Italia sono stati presentati a Milano il 28 settembre, durante un evento che ha visto coinvolti anche tutti gli altri settori di Lenovo, compreso quello dei tablet e dei portatili da gaming.

Senza dilungarci ulteriormente andiamo quindi a scoprire il Moto Z e il Moto Z Play.

Esteticamente si presentano in maniera davvero eccellente: corpo interamente in metallo, ultrasottile, design raffinato e molto gradevole alla vista, fotocamera sporgente (che può creare forse qualche problema se siete sprovvisti di cover e volete appoggiarlo su un tavolo, ma di questo parliamo dopo), display 5.5” Quad HD e FullHD (Rispettivamente lo Z e lo Z Play). Anche da un punto di vista di funzionalità non si fanno mancare nulla: NFC, Bluetooth 4.0, usb type-C, lettore di impronte digitali e Android 6.0.1 (che probabilmente verrà aggiornato alla settima versione del sistema operativo targato Google).

moto-mods-hasselblad-landingpage-hoverMa la vera novità di questi due dispositivi non riguarda gli aspetti classici a cui tutti i dispositivi di fascia alta ci hanno ormai abituati, bensì si può osservare sul retro della scocca, in basso. Qui, infatti, troviamo un piccolo attacco magnetico con un connettore chiamato “Moto Mods™”, il quale permette di collegare allo smartphone una serie di moduli che hanno le funzioni più disparate. Già, Motorola (E Lenovo con lei) punta tutto sulla modularità e, a differenza di Lg con il suo G5, sembra crederci davvero e punta a fare le cose in grande stile. I primi moduli presentati sono infatti cinque: una batteria aggiuntiva da 2200 mAh, una fotocamera con zoom ottico, flash e otturatore fisico targato Hasselblad, Speaker stereo brandizzato JBL e un proiettore portatile (avete capito bene, UN PROIETTORE PORTATILE!). A questi si aggiunge una semplice cover magnetica per non lasciare “scoperto” il retro del telefono.
Non solo, in fase di presentazione Motorola ha promesso di sostenere eventuali sviluppatori di terze parti che vorranno produrre ulteriori moduli e una piena compatibilità tra moduli e smartphone di generazioni future.

product-grid-img-speaker-row-2x-hover6n3voqq6Da quello che abbiamo avuto modo di provare, la cassa e la fotocamera sono i due dispositivi che ci hanno colpito di più: Ottima qualità audio e di ripresa fanno questi due accessori un must have per chi non si accontenta dei semplici strumenti in dotazione con lo smartphone.

La nota dolente arriva sui prezzi, non proprio accessibili: Si parte da una base di 699 € per il M0to Z e 499 € il Moto Z Play. Per i moduli invece, dovremo sborsare 89 € per lo speaker della JBL, 70 per la batteria (il modulo più “economico”), 259 per la fotocamera e ben 399 per il proiettore. Insomma, si tratta di dispositivi che sicuramente non sono adatti a tutte le tasche, anzi.

Noi di Geexmag ci sentiamo di promuovere lo sforzo innovativo di Motorola, anche se con qualche riserva (soprattutto per quanto riguarda i prezzi). Troviamo che sia importante, in generale, non soltanto nel caso specifico, cercare costantemente di innovare e di proporre all’utenza e al pubblico miglioramenti e soluzioni tecnologiche sempre all’avanguardia. Il concetto stesso di modularità stuzzica la nostra curiosità e ci fa guardare speranzosi ad un futuro in cui l’offerta della tecnologia portatile possa essere maggiormente personalizzabile a seconda dell’uso che il singolo utente ha bisogno di fare.

Grazie all’adozione di un vetro 2.5D per il display da 5,3″, la cui curvatura contribuisce a restituire una sensazione d’uso decisamente gradevole e favorisce la visibilità dello schermo anche in condizioni particolari, PhonePad S532U è ideale per coloro che ricercano uno smartphone dalle forme ergonomiche e piacevole da tenere in mano, ma che ne potranno apprezzare anche la qualità del reparto fotografico e le buone doti di autonomia.

Mediacomm-ppbs532u_1 presenta il nuovo PhonePad S532U, un sottile ed ergonomico smartphone Dual Sim che colpisce fin dal primo sguardo per i bordi arrotondati del suo display 5.3″ HD IPS multitouch con vetro 2.5D, capace di regalare una piacevole sensazione d’uso e allo stesso tempo assicurare i più elevati livelli di qualità visiva anche in condizioni difficili.

A rendere questo nuovo smartphone davvero gradevole e comodo da utilizzare contribuiscono poi anche i suoi profili sottili (appena 8,4 mm), che il nuovo PhonePad S532U può vantare pur integrando al suo interno una generosa batteria da 2600 mAh, in grado di assicurare un uso prolungato per molte ore.

Equipaggiato con un processore Quad Core a 1.3 GHz, 2 GB di RAM DDR III e 16 GB di spazio storage espandibili con card microSD fino a 32 GB, PhonePad S532U è disponibile nelle varianti di colore Gold e Grey, che ne esaltano l’elegante linea e l’estrema sottigliezza.

Particolarmente curato e performante è poi il reparto fotografico. Lo smartphone dispone, infatti, di una fotocamera posteriore da 13 Mpixel con flash a triplo LED e un’anteriore da 8 Mpixel anch’essa dotata di flash, quindi, in grado di consentire di effettuare videochat anche in condizioni di scarsa illuminazione.

Dotato di connettività 4G LTE e Bluetooth 4.0 per collegarsi rapidamente con altri smartphone, cuffie audio, sistemi d’intrattenimento per auto, smartwatch, smart TV e tanti altri dispositivi, ilm-ppas532u_2 nuovo PhonePad S532U vanta poi la tecnologia A-GPS, particolarmente utile per la navigazione assistita in ambito urbano, laddove la tradizionale tecnologia GPS può incontrare  difficoltà a ricevere i segnali dei satelliti.

Anche su PhonePad S532U sarà preinstallata l’app di Infinity, con la possibilità di vedere gratis per sei mesi tutti i contenuti del catalogo di video streaming on demand di Mediaset con oltre 6.000 titoli tra film, serie tv e cartoni animati.

Il nuovo PhonePad S532U sarà disponibile a partire da metà novembre 2016 al prezzo di 159,90 Euro IVA inclusa e andrà ad affiancare la versione LIGHT,  il Mediacom PhonePad S532L, (3G, Ram 1Gb, memoria 16Gb, colori purple o silver) già disponibile al pubblico al prezzo di 119,90 Euro IVA.

Dopo gli ultimi casi di malfunzionamento dei dispositivi della serie Note 7, Samsung ha deciso di interrompere le vendite del prodotto, per cercare di risolvere il problema.

galaxy-note-7-16-1-1440x960Dopo le ultime notizie, avvenuti anche dopo la sostituzione del device Samsung ha deciso di interrompere la commercializzazione del prodotto. Si erano verificati infatti casi nei quali lo smartphone, oltre ad esplodere in fase di Upload delle immagini, prendesse fuoco. Di seguito il comunicato stampa della casa sud-coreana:

“Stiamo lavorando con gli organismi di regolamentazione competenti per indagare i casi segnalati di recente che coinvolgono il Galaxy Note7. Poiché la sicurezza dei consumatori resta la nostra priorità assoluta, Samsung chiederà tutti i carrier e partner di vendita al dettaglio a livello mondiale di fermare le vendite e gli scambi di Galaxy Note7 mentre l’inchiesta è in corso.

Rimaniamo impegnati a lavorare diligentemente con le autorità di regolamentazione competenti a prendere tutte le misure necessarie per risolvere la situazione. I consumatori sia con un originale Galaxy Note7 o la sostituzione del dispositivo Galaxy Note7 dovrebbero spegnere e smettere di usare il dispositivo”

Sicuramente un durissimo colpo per Samsung che dopo queste dichiarazioni, ha perso punti percentuali su diverse borse mondiali, speriamo per la sicurezza degli utenti che si riesca a trovare una soluzione per rendere affidabile il dispositivo.

Strano che una casa produttrice come Samsung sia caduta in un errore importante come questo, speriamo che sia solo un caso isolato al modello in questione e che non ci siano ripercussioni sui nuovi device in cantiere.

Seguiremo per voi la vicenda e vi aggiorneremo in caso di novità, quindi restate sulle nostre pagine e seguiteci sui nostri social.