Hi-Fi RUSH è l’ultimo titolo di Tango Gameworks (The Evil WithinGhostwire: Tokyo), arrivato a sorpresa su PC tramite Steam ed Epic Games Store, e Xbox lo scorso 25 gennaio. Si tratta di un action/platformer con meccaniche da rhythm game, un mix decisamente interessante.

Hi-Fi RUSH è infatti un action/platformer/rhythm game, dove le tree meccaniche si mescolano in un sistema a missioni (qui chiamate giustamente “tracce”, dato il tema musicale) per restituire un’esperienza davvero unica nel panorama. Non che si tratti dell’UNICO rhythm game action (ricordiamo per esempio FPS come BPM: Bullet per Minute, disponibile sia su Switch sia su PC, e Metal: Hellsinger), sia ben chiaro, ma è davvero uno dei pochi che sia riuscito a convogliare una sensazione di freschezza, velocità e leggerezza. Hi-Fi RUSH non si prende troppo sul serio e vuole che anche i giocatori si cimentino con le meccaniche senza troppo stress.

Voglio diventare una Rockstar!

Hi-fi Rush Chai Rockstar

Dopo una serie di disavventure, Chai si ritrova con un braccio robotico alimentato da un lettore musicale innestato accidentalmente sul suo petto. Questa curiosa stranezza è considerata un difetto e la società Vandelay, che ha offerto il potenziamento robotico, è decisa a smantellare l’esistenza anomala di Chai proteggendo i loro sporchi segreti. Lungo la strada, il nostro protagonista si alleerà con i ribelli che sono motivati a smantellare la grande azienda tecnologica tanto quanto lui, ed il loro malvagio consiglio di amministrazione.

Cuore MP3 Hi-fi Rush

Schiocca le dita a tempo di musica

Il vero fiore all’occhiello di Hi-Fi Rush è senza ombra di dubbio il gameplay. Ogni azione. colpo e movimento è tutto basato sul ritmo, con Chai in grado di creare combo devastanti schiacciando semplicemente il pulsante di attacco, ma meglio ricompensato quando ogni colpo è in sintonia con il ritmo della musica. Quest’ultimo è abbastanza facile da seguire, specialmente nelle prime ore di gioco, ma diventa via via più incalzante e difficile mano a mano che si avanza, con una maggiore enfasi posta sul tempismo delle combo che possono portare ad infliggere ingenti danni. Va assolutamente detto che tutto questo funziona tremendamente bene. Ad aiutarvi nel tenere il ritmo ci sarà inoltre un indicatore visivo.

Paesaggio Hi-Fi Rush

Uno degli aspetti più intriganti di Hi-Fi RUSH, fin dalle sue prime battute, è questa grafica in cel-shading iper colorata che sprizza allegria da tutti i pori, al pari di quello che accade nei fumetti, con esplosioni esagerate e balloon per i suoni onomatopeici. Gli scenari, i personaggi, lo stesso Chai in idle si muovono a tempo di musica, come se ci si trovasse all’interno di un mondo vivo e immenso, seppur chiaramente confinato dai limiti strutturali dei livelli stessi.

Conferire una sensazione di questo tipo a un prodotto “mission based” non è impresa da poco e Tango Gameworks ha davvero fatto centro, riuscendo a imprimere uno stile unico a un gioco che non è chiaramente una produzione tripla A, ma non ha nemmeno bisogno di esserlo. Anzi, è proprio nella sua struttura più semplice e immediata che esprime il meglio di sé, con un ritorno a un gaming basilare, score-based se vogliamo.

Musica e punti

Oltre a una soundtrack originale realizzata appositamente per il gioco, Hi-Fi RUSH può contare su tracce di un certo spessore, con gruppi del calibro di Nine Inch NailsThe Black Keys e persino The Prodigy, dei veri e propri capisaldi dell’elettronica e dell’industrial, due mondi che ben si sposano con il tema del gioco.

Hi-Fi Rush Concerto

Chai dispone di un attacco leggero e uno pesante, sferrati con il braccio robotico che attirando pezzi di metallo si trasforma in un’ascia/chitarra. Ogni colpo, per avere una certa efficacia e garantire un incremento dei punti, deve essere portato a tempo del beat. Al termine dei singoli incontri si ottiene un punteggio in base alle prestazioni (le classicissime votazioni) e, al termine del livello si fa la media di ogni scontro per avere la votazione finale. Avete preso una C? Tornate a studiare, capre! Oltre a combo molto basilari, procedendo nell’avventura sarà possibile sbloccarne di aggiuntive in una progressione che ricorda molto titoli action come Devil May Cry.

Hi-Fi Rush Battle

A conclusione Hi-Fi Rush ha saputo conquistarci in ogni suo aspetto, dai frenetici combattimenti alle bellissime tracce che ci hanno accompagnato per tutto il corso dell’avventura. Il titolo ha saputo dimostrarsi il migliore esponente in ambito videoludico che possa esprimere a pieno un giusto connubio tra il genere Action e Rhythm Game, senza eccedere in nessuno dei due campi. Da apprezzare anche la discreta localizzazione in italiano, capace di farci sentire a casa anche nei lunghi corridoi della Vandelay. Che siate casual gamer o in cerca di qualcosa che rivoluzioni il vostro modo di concepire gli action game, Hi-Fi RUSH è ciò che fa per voi, mi raccomando però, occhio a non perdere il ritmo!