È ormai un anno che Pokémon Spada e Scudo ci tengono compagnia grazie anche ai due nuovi DLC, ovvero “L’isola Solitaria dell’Armatura” e il più recente “Le Terre Innevate della Corona”. Un anno ricco di polemiche e perplessità, che ha cementato un certo malcontento per lo stato tecnologico in cui riversa l’ultima avventura Pokémon di Game Freak; nonostante tutto la community si è ritrovata ad attendere con ansia queste due espansioni, che promettevano di dare uno scossone a un post-game certamente non esaltante.

Si trattava infatti di un contenuto interessante, con qualche piacevole novità, ma molto legato al competitivo e con ben pochi guizzi esplorativi. Il secondo contenuto, oggetto di questa recensione, prometteva di offrire una nuova linea narrativa e una serie di attività tutte incentrate sull’avventura e sui leggendari Pokémon. Abbiamo giocato intensamente a le Terre Innevate della Corona, restando sorpresi dalle emozioni provate giocandolo.

pokémon corona

Iniziamo il nostro viaggio!

Il nostro viaggio inizia con il più classico degli incipit: un treno preso da Brassbury ci porta nella sezione più a sud della regione di Galar: sono le terre della Landa Corona, un posto selvaggio molto amato dagli esploratori pokémon più temerari. Ed è qui che incontreremo un buffo e familiare figuro, l’esploratore Peony. In viaggio con la figlia per un “tour delle Leggende”, il nostro scalmanato padre di famiglia non ha poi molto successo come genitore, ed ecco che a diventare protagonisti di questo bizzarro tour saremo proprio noi: così, perché ci piace.

Le Terre Innevate della Corona non è strutturato nella sua progressione come Pokémon Spada e Scudo, i percorsi sono infatti assenti, così come i dungeon. Mutua dall’Isola Solitaria dell’Armatura la mappa aperta e priva di percorsi, esplorabile allo stesso modo delle Terre Selvagge, permane un level design semplicistico anche in questo DLC, ma le Terre Innevate della Corona offrono la mappa sicuramente più strutturata e complessa di tutto Pokémon Spada e Scudo. Certo, la mancanza di una minimappa si fa sentire, ma è un bel passo in avanti. Questo secondo contenuto si dipana in diverse missioni, dateci da Peony, che ci vedono impegnati alla risoluzione e alla scoperta delle “leggende” che permeano la Landa Corona.

pokémon corona

Pur ancorato a dialoghi infantili e un po’ stupidi, questo secondo DLC riesce a ridare un certo fascino alla lore dei giochi originali. L’assoluto protagonista è Calyrex, un nuovo misterioso pokémon considerato il Re della regione di Galar e la sua storia rompe in parte alcuni canoni dei leggendari pokémon, dimostrandosi interessante e affascinante. Per la Landa Corona sono poi disseminati vari stralci di racconti che contribuiscono a dare a Galar nuove chiavi di lettura per la sua storia ed alcuni suoi misteri.

Certo, le attività che svolgeremo nella quest dedicata a Calyrex sono semplici e ripetitive, ma l’avere un contenuto che ci riporta sui binari dell’esplorazione e del mistero pokémon ha un fascino davvero prezioso. Questo soprattutto alla luce del post game “criminale” di Spada e Scudo, mentre tutto il resto è invece dedicato ad altre leggende, che ci vedono inseguire il nuovo trio di uccelli leggendari in forma Galar e nuovissimi templi per i Regi. Peccato per una mancanza di esposizione per questi leggendari, rapidamente introdotti ma senza una reale narrazione.

Esplorazione e cattura!

In ogni caso questa enfasi sull’esplorazione e sulla cattura (stavolta più difficile) dei leggendari ha rievocato in me emozioni bellissime, dimostrando quanto Pokémon dia il meglio di sé quando abbraccia anche il passato. Del resto la caccia ai leggendari ha sempre accompagnato le nostre avventura da bambini quando, ad esempio, premevamo come dei forsennati quei tasti A e B senza una reale base logica. In Pokémon Spada e Scudo le Terre Innevate della Corona l’enfasi sulla cattura dei leggendari è tanta, sia liberi per la Landa Corona che nelle Avventure Dynamax.

Proprio questa è la grande novità di questo DLC, nonché uno degli aspetti più riusciti e divertenti di tutto Pokémon Spada e Scudo. Le Avventure Dynamax funzionano un po’ come le tane normali, permettendoci di affrontare da soli o in compagnia dei raid contro dei pokémon dynamaxati. Queste però hanno un twist, perché non potremo affrontarle utilizzano i nostri pokémon, ma quelli selezionati casualmente dal gioco.

Dovremo poi superare 3 scontri dynamax, cercando di arrivare alla fine per affrontare un pokémon leggendario casuale e catturarlo. La modalità è divertentissima, e la necessità di scegliere casualmente il proprio pokémon spinge molto sulla collaborazione con gli altri giocatori. Bisogna improvvisare strategie, calcolando per bene le debolezze e i vantaggi di tipo; un’idea così vincente che ci auguriamo possa ritornare anche nei titoli pokémon futuri.

Le Terre Innevate della Corona è un’ottima aggiunta per Pokémon Spada e Scudo. Chiaro, i problemi che affliggono il gioco fin dal day one sono palesi e purtroppo c’è ben poco da fare se non rassegnarsi. Del resto sono problemi strutturali, da un impianto tecnico obsoleto e da un’infrastruttura online non adeguata. Tutto ciò non è cambiato, ma accantonati questi aspetti, Terre Innevate della Corona è un buon DLC per salutare la regione di Galar in vista di un futuro (si spera) radioso per pokémon. L’avventura con Calyrex è affascinante e curiosa, mentre la ricchezza di leggendari e di opportunità esplorative donano al tutto un sapore nostalgico che Pokémon sembrava aver perso. Le Avventure Dynamax sono poi funzionali e divertenti, probabilmente la cosa migliore uscita da Game Freak negli ultimi anni.

NIANTIC, INC. E WARNER BROS. INTERACTIVE ENTERTAINMENT ANNUNCIANO LA LORO COLLABORAZIONE PER HARRY POTTER: WIZARDS UNITE™, UN GIOCO IN REALTÀ AUMENTATA PER DISPOSITIVI MOBILI ISPIRATO AL MONDO MAGICO DI J.K. ROWLING

SAN FRANCISCO, CA, 9 novembre 2017 — Niantic, Inc. e Warner Bros. Interactive Entertainment oggi hanno annunciato la realizzazione di Harry Potter: Wizards Unite™, un gioco in realtà aumentata per dispositivi mobili ispirato al mondo magico di J.K. Rowling. Pubblicato da Niantic e co-sviluppato da Niantic e Warner Bros. Interactive Entertainment per l’etichetta Portkey Games, Harry Potter: Wizards Unite™ userà una tecnologia di realtà aumentata per dispositivi mobili all’avanguardia per far vivere la magia ai maghi e alle streghe di tutto il mondo.

Harry Potter: Wizards Unite™ vi farà scoprire che la magia è tutta intorno a noi e permetterà ai giocatori di entrare nel favoloso mondo di Harry Potter attraverso una piattaforma di gioco per dispositivi mobili che combina la realtà aumentata di Niantic con il mondo reale e l’esperienza nel franchising del team di sviluppo e pubblicazione di WB Games a San Francisco. Esplorando quartieri e città di tutto il pianeta nel mondo reale, i giocatori vivranno avventure, apprenderanno e lanceranno incantesimi, scopriranno misteriosi manufatti e incontreranno bestie leggendarie e personaggi mitici.

Harry Potter: Wizards Unite™ fa parte di Portkey Games di Warner Bros. Interactive Entertainment, una nuova etichetta videoludica dedicata alla creazione di videogiochi ed esperienze mobili ispirati al mondo magico di J.K. Rowling.

“Il nostro obiettivo qui alla Niantic è sfruttare la tecnologia per creare esperienze nel mondo reale che aiutino le persone a scoprire gli angoli splendidi e spesso magici della realtà che le circonda”, ha dichiarato John Hanke, fondatore e amministratore delegato di Niantic, Inc. “Le amatissime storie di Harry Potter hanno catturato l’immaginazione di tutto il mondo per oltre 20 anni. Presto trasformeremo la fantasia in realtà aumentata, permettendo ai fan e ai loro amici di diventare maghi e streghe.”

“Con questo gioco permetteremo ai fan sfegatati di tutto il mondo di vivere il magico universo fantasioso di J.K. Rowling in un modo nuovo e davvero immersivo”, ha detto David Haddad, Presidente di Warner Bros. Interactive Entertainment. “È splendido poter godere della grande esperienza di Niantic con la realtà aumentata nello sviluppo di questo mondo magico incredibilmente ricco che i giocatori potranno esplorare nella loro vita quotidiana.”

Ulteriori dettagli su Harry Potter: Wizards Unite™ saranno annunciati nel 2018.

Per tenerti aggiornato su Harry Potter: Wizards Unite™, visita il sito www.harrypotterwizardsunite.com e iscriviti per ricevere le ultime notizie. Segui il gioco su Facebook https://www.facebook.com/HPWizardsUnite/ e Twitter https://twitter.com/HPWizardsUnite

Sono passati ormai (o è meglio dire già?) vennt’anni da quando si affacciò per la prima  volta sul mercato un gioco che avrebbe fatto la storia ed appassionato diverse generazioni di ragazzi in tutto il mondo. Ed oggi, in prossimità dell’uscita in Italia del nuovo Film volto a celebrare questo anniversario, si scatenano online le vendite di carte collezionabili.

Un celebre sito di e-commerce ha infatti registrato numeri da record, non solo nel numero di operazioni, ma anche nei prezzi: Charizard Shadowless 1a edizione, una delle carte più costose e ricercate dai collezionisti è stata infatti venduta per la cifra di 15.000€.

La celebre Charizard Shadowless 1°edizione

 Pokémon si conferma quindi come una vera e propria icona, che sembra non avere fine e che raggiunge continuamente sempre più nuovi appassionati e che, in occasione dell’uscita questo weekend nelle sale italiane del ventesimo film d’animazione dei Pokémon, vede salire la febbre da collezionismo, con la presenza su online di oltre 3.000 annunci di vendita di carte rarissime e persino di intere collezioni.

In particolare, in occasione del tanto atteso film che celebra e racconta l’amicizia e le avventure di Ash e Pikachu, è apparso l’annuncio di vendita di una carta che da molti è considerata il sacro graal delle carte Pokémon. Si tratta della carta raffigurante Charizard Shadowless 1a edizione, una delle più costose per il collezionismo Pokémon, che (come abbiamo già avuto modo di scrivere) ha raggiunto la quotazione monstre di 15.000€.

Immagine celebrativa con Pikachu e Rosso, il celebre protagonista del primo gioco

I numeri del fenomeno Pokémon sono sorprendenti anche per quanto riguarda l’Italia: alcune card da collezione particolarmente rare, messe in vendita online sono state in grado di scatenare l’intera community nostrana. Eclatante il caso di due annunci di vendita che nei giorni scorsi hanno avuto un picco di oltre 60.000 visite in un giornouna carta Pokemon tv reporter reverse 88/97, quasi impossibile da possedere perché probabile errore di stampa, e una collezione di 170 carte speciali.

Se anche voi siete appassionati, collezionisti o giocatori vi consigliamo di farvi un giro online sui vari portali per non farvi sfuggire la possibilità di mettere le mani su alcuni pezzi rari, ma occhio al portafoglio !