Grazie alla copia che ci è stata fornita da Sony Interactive Entertainment Europe abbiamo avuto modo di provare a fondo Hidden Agenda, ed ecco la nostra recensione!

Hidden Agenda è il nuovo titolo presentato per il sistema Playlink di PlayStation assieme a Sapere è Potere, ovvero un sistema che unisce console e smartphone così da rendere questi ultimi dei veri e propri controller utilizzabili in diversi modi (dopo aver scaricato la corrispondente applicazione dagli store IOS ed Android). Abbiamo già avuto modo di parlare di Sapere è Potere ma questo titolo porta a nuovi livelli di intrattenimento. Hidden Agenda si pone, infatti, come una vera e propria esperienza cinematografica da vivere e giocare in gruppo. Innanzitutto il gioco è suddiviso in una modalità storia ed una competitiva.

Trama & Gameplay

Partiamo dalla modalità storia e da quello che è la trama principale del titolo. In Hidden Agenda un serial killer conosciuto come il Manipolatore sta seminando il panico tra la popolazione per il suo particolare modus operandi. Starà a noi catturare il killer e scoprire la verità attraverso una narrazione in perfetto stile film thriller. I diversi giocatori (fino ad un massimo di 6) dovranno limitarsi a scegliere le opzioni di dialogo tra i vari personaggi (per maggioranza, usando punti decisione o in particolari frangenti in cui la scelta sarà nelle mani di 1-2 giocatori scelti dagli altri come “i più decisi” o “i più intuitivi”), ricercare indizi sulle varie “scene del crimine” e compiere particolari quick time event (queste ultime due azioni conferiranno ai giocatori i punti decisione per decidere come far evolvere la trama nelle scelte dei dialoghi escludendo gli altri dalla scelta). Il tutto attraverso l’utilizzo dello smartphone semplicemente trascinando il dito sullo schermo. Tutto ciò porterà ad un’evoluzione della trama in stile “effetto farfalla” con tante possibilità e finali diversi (compresi quelli “prematuri”).

La modalità competitiva ripropone la trama con l’aggiunta dei cosiddetti piani segreti; questi potranno essere conferiti ad un giocatore in diversi momenti del gioco. Il giocatore in possesso di un piano segreto dovrà cercare di convincere gli altri a compiere una scelta di dialogo e così facendo potrà ottenere punti. Inoltre i giocatori che non saranno in possesso del piano dovranno cercare di indovinare chi ne è in possesso così da ottenere punti. Alla fine del gioco vincerà il giocatore con più punti. Questa modalità riesce semplicemente a rendere il gioco di base più interessante senza però apportare grandi novità o stravolgimenti al gioco.

Longevità

Parlando invece della durata Hidden Agenda ha anche la stessa durata di un film abbastanza lungo; difatti si aggira sulle 2-3 ore per essere completata. Il titolo, comunque, é dotato di una discreta rigiocabilità dovuta alle moltitudini di possibilità presenti così da analizzare ogni aspetto della trama (o nel caso in cui arriviate ad un vicolo cieco). Un vero peccato per la totale assenza di possibilità di ricominciare la storia da un punto prestabilito così da cambiare semplicemente alcuni aspetti della trama (specialmente in seguito ad un’inaspettata fine della storia per una scelta errata a causa della quale saremo, dunque, costretti a ricominciare il gioco da capo).

Comparto Tecnico

Dal punto di vista della grafica Hidden Agenda propone un livello di texture, poligoni ed animazioni facciali in motion capture sicuramente di livello eccelso. Purtroppo però abbiamo notato qualche piccolo problema nel doppiaggio con alcune voci sottotono rispetto ad altre e soprattutto alcuni errori nella traduzione delle opzioni di dialogo che, a volte, non fanno ben intendere a cosa si stiano riferendo.

 

Abbiamo avuto modo di provare il nuovo titolo “Playlink: Sapere è Potere” grazie alla copia che ci è stata fornita da Sony Interactive Entertainment Europe, ed ecco la nostra recensione.

Il nuovissimo Sapere è Potere è sostanzialmente un gioco a quiz a cui tutta la vostra famiglia o i vostri amici potranno prendere parte. Difatti sarà possibile giocare fino ad un massimo di sei giocatori, ciascuno dei quali utilizzerà il proprio cellulare come controller (collegandolo alla stessa rete Wi-Fi alla quale è collegata la console).

Innanzitutto sarà necessario scegliere il nostro alter ego tra 8 disponibili per poi scattarci una foto che ci farà somigliare a lui. Il gioco si comporrà di 9 domande a risposta multipla intervallate tra di loro da delle sezioni speciali, obiettivo del gioco sarà guadagnare più punti possibile. Prima di ogni domanda sarà però necessario scegliere (a maggioranza o sorteggio) la categoria tra un totale di 4 disponibili e che tra domanda e domanda cambieranno così da poter variare ambito. Inoltre rispondendo più velocemente degli altri alle domande si guadagneranno più punti con le nostre risposte. Sarà anche possibile rallentare gli altri giocatori oppure guadagnare più punti utilizzando dei bonus (questi potranno essere utilizzati nei confronti di un solo giocatore per domanda):

  • Bombe: appariranno delle bombe sullo schermo del giocatore e se toccate esploderanno così da bloccare lo schermo per qualche secondo.
  • Blob: un liquido verdastro ricoprirà le risposte e per rimuoverlo sarà necessario “pulire lo schermo” con il dito.
  • Gnam-Gnam: delle piccole creature rimuoveranno randomicamente alcune lettere dalle risposte.
  • Ghiaccio: le risposte saranno congelate e per rispondere sarà necessario toccare più volte su di esse così da rompere il ghiaccio.
  • Punti party: per questo turno verranno dati punti doppi alle risposte corrette di tutti i giocatori.
  • Scommessa: si potrà piazzare una scommessa su un altro giocatore e se questo risponderà correttamente otterremo lo stesso quantitativo di punti che otterrà con la risposta.

Tutti questi bonus potranno essere cumulabili e quindi potremmo trovarci ad essere colpiti da più malus contemporaneamente (dello stesso tipo ma anche di tipo diverso), specialmente se ci troveremo in cima alla classifica diventando bersaglio preferito degli altri giocatori. Inoltre ogni giocatore avrà a disposizione il cosiddetto strapotere grazie al quale potrà imporre una volta per partita la categoria di domande da lui selezionata.

Come già detto dopo ogni 3 domande ci saranno delle fasi speciali: innanzitutto la fase di abbinamento dove dovremo abbinare due elementi diversi (come ad esempio “protagonisti di film e loro antagonisti”); dopodiché troveremo la fase di smistamento dove dovremo smistare le risposte a destra o a sinistra (come ad esempio “rettile o mammifero?”). Infine troveremo la fase finale, ovvero la piramide del sapere dove i punti ottenuti fino a quel momento saranno convertiti in gradini della piramide così come le risposte ci aiuteranno a salire e chi riuscirà ad arrivare prima in cima vincerà la partita. Il tutto sarà corredato da una simpatica grafica cartoonesca e dalla voce fuoricampo del presentatore del gioco così da rendere l’idea di partecipare ad un vero e proprio gioco a quiz.

Questo nuovo Sapere è Potere  ci ha particolarmente convinti per la sua semplicità di utilizzo così da essere alla portata di tutti e così da essere di ottimo impiego ed estremamente divertente sia in caso di partita con amici o con la famiglia, ma anche qualora ci trovassimo a giocare semplicemente in coppia. Unica pecca è che avremmo senz’altro apprezzato di più se oltre ad abbinamento e smistamento fossero state presenti altre fasi speciali.