Deathloop è l’ultimo titolo sviluppato da Arkane Studios e pubblicato da Bethesda in esclusiva per PlayStation 5 e PC il 14 Settembre 2021. Si tratta di un’interessante e particolare FPS che unisce al genere elementi raccolti dai roguelite, ma che pesca anche a piene mani da altri titoli creati dallo studio di sviluppo; eccovi il risultato!

Trama 

L’ultima fatica di Arkane Studios ci permetterà di vestire i panni di Colt, un carismatico personaggio pieno di domande ma privo di qualsivoglia risposta. La nostra avventura avrà inizio proprio con la nostra morte per mano di una donna chiamata Julianna, della quale non sembreremo ricordare nulla, per poi svegliarci subito dopo in riva ad una spiaggia. Da questo momento avrà inizio la fase dedicata ad una sorta di tutorial per quella che è la meccanica principale di Deathloop, ovvero l’essere permanentemente bloccati all’interno di un loop temporale. Nulla può infatti salvarci da questo loop, al termine della giornata questa ricomincerà infatti dall’inizio, e neanche la morte sarà in grado di darci sollievo (poiché anche in questo caso ci risveglieremo sempre sulla stessa maledetta spiaggia).

Lo scenario della nostra avventura, ovvero l’isola di Blackreef, è stato così sconvolto temporalmente per cercare di creare una sorta di utopia “di pura libertà”, dove tutti possono fare ciò che vogliono. Al nostro Colt però questa prigionia mascherata da libertà non sta affatto bene, ed infatti nel corso della fase introduttiva scopriremo che forse c’è un modo per spezzare questo loop (e che a quanto pare è un obiettivo che ci siamo prefissati da tempo). L’unica soluzione sembra infatti essere quella di eliminare otto bersagli noti come “i Visionari”, i quali sembrano proprio essere i creatori del loop (oltre ad essere quelli a trarne maggior giovamento). Oltre al mistero legato al loop ed ai Visionari, però, il nostro protagonista ha molte altre domande a cui dover trovare risposta.

deathloop

Oltre al semplice scoprire chi siamo dobbiamo infatti cercare di capire chi è Juliana e perché vuole a tutti i costi proteggere il loop, perché tutti gli abitanti dell’isola indossano delle maschere, ma anche il perché vediamo delle scritte comparire in giro per i vari scenari, come fossero messaggi inviatici da chissà chi e chissà quando. Molte di queste troveranno una risposta nel corso del gioco ma, giunti ad uno dei finali, non necessariamente ci ritroveremo ad avere un quadro completissimo, ritrovandoci con alcune cose in sospeso. Indubbiamente un elemento essenziale ai fini della narrazione di Deathloop è dato dall’esplorazione, infatti nelle diverse aree di gioco sarà possibile trovare diversi documenti o altri elementi simili che andranno ad approfondire la lore del gioco (oltre ad essere anche importanti ai fini del gameplay).

La trama risulta essere particolarmente interessante ed affascinante da scoprire, e vi terra facilmente incollati allo schermo per l’intera durata del titolo. A questo compito però prende parte anche un’altra importantissima componente, ovvero la caratterizzazione di tutti i personaggi, ma soprattutto quella di Colt e Julianna. I loro passati non saranno particolarmente approfonditi all’interno dell’opera, ma comunque il lavoro svolto sulla creazione del semplice carattere li rende assolutamente affascinanti. A questo va poi ad aggiungersi anche il fatto che tutto risulta essere molto divertente grazie al loro umorismo e all’ironia che lega e contraddistingue, non soltanto i due personaggi principali, ma anche il gioco nella sua interezza.

deathloop

Gameplay

Come già anticipato l’intero gameplay di Deathloop va a basarsi sul concetto di loop temporale, ed è quindi da questo scandito, mentre il nostro obiettivo principale è l’eliminazione degli otto Visionari. La difficoltà ed il senso del gioco starà nell’eliminare i bersagli nell’arco di 24 ore, senza ovviamente incorrere in una morte prematura. Per questa ragione l’isola di Blackreef è stata suddivisa in quattro aree principali, ciascuna contraddistinta da proprie caratteristiche uniche, e per spostarsi da una all’altra il tempo scorrerà; partiremo così dall’alba e seguirà poi il mezzogiorno, tramonto e sera. Non avremo però limiti di tempo (e che quindi andranno ad avvicinarci alla fine della giornata) rimanendo all’interno di una zona.

Per queste ragioni quello che dovremo fare sarà andare alla ricerca di indizi sulla posizione dei bersagli, così da capire in quale zona si troveranno in quella determinata fase della giornata. Così, in base alle nostre scoperte, potremo organizzare un piano di attacco che ci permetta di completare tutti i nostri obiettivi prima del termine della giornata. Da tenere comunque in considerazione che tutto ciò che è contenuto in un’area (dai nemici a torrette, telecamere e trappole) subirà variazioni in base alla fase del giorno, costringendoci quindi a tenere in considerazione anche questo nell’ideazione di una strategia. In aggiunta non dovremo mai dimenticarci che Arkane è molto pratica nel creare mappe di gioco complesse e che permettono numerosi approcci (come nel caso di Dishonored), e questo titolo non è da meno.

deathloop

A tutte queste variabili dobbiamo poi aggiungere quelle legate direttamente al nostro Colt, e parliamo dunque delle nostre capacità offensive. Partiamo innanzitutto dal nostro equipaggiamento, ovvero l’Hackmajic (un oggetto per hackerare porte, telecamere e tanto altro), ma soprattutto alle numerose armi presenti in Deathloop. Queste saranno suddivise in diverse categorie, tra cui troviamo ad esempio fucili a pompa, pistole e mitragliatrici, ma anche caratterizzate da diverse classi di rarità e qualità. Avremo infatti dalle più semplici armi comuni (caratterizzate dal colore grigio e una maggiore facilità nell’incepparsi) fino alle armi uniche (di color oro e dai bonus estremamente utili). In ogni caso ciascuna arma permetterà diverse possibilità di approccio, da considerare anche in base al nostro stile di gioco preferito, con armi più silenziose e adatte allo stealth fino a perfetti strumenti per mattanze (anche se in generale l’approccio stealth si limiterà soprattutto alle prime ore di gioco, acquisendo confidenza e capacità diverremo sempre più aggressivi e veloci).

Alle armi vanno poi ad aggiungersi le piastrine e le tavolette; nel caso delle prime di tratta di potenziamenti di diversa efficacia che potremo utilizzare per migliorare abilità, attributi, ma anche armi ed infine le tavolette. Per quanto riguarda queste ultime si tratta di vere e proprie abilità uniche, molte delle quali ricordano molto quanto visto in altri titoli dello studio di sviluppo (come la traslazione da Dishonored o capacità telecinetiche di Prey). La prima, e forse più importante, che otterremo sarà “Recupero”, ovvero la possibilità di tornare in vita per un massimo di due volte prima che il loop venga reimpostato. Non c’è quindi bisogno di descrivere quanto tutto gli elementi descritti finora rendano il gameplay estremamente vario e divertente!

deathloop

Inevitabilmente bisogna però dire che, a causa del concetto di ciclo temporale che si ripete, Deathloop ha diversi elementi che rimandano al genere dei roguelite, primo tra tutti la perdita dell’equipaggiamento raccolto nel caso in cui il ciclo dovesse concludersi (per fine del giorno o nostra morte). A partire da una determinata fase del gioco, però, sbloccheremo la capacità di raccogliere una risorsa nota come Residuo, sia attraverso specifici oggetti, ma anche dai Visionari eliminati oppure sacrificando gli oggetti raccolti. Il Residuo sarà infuso di energia temporale, e per questa ragione potrà essere utilizzato infondendolo nell’equipaggiamento ottenuto in modo tale da conservarlo anche in caso di conclusione del ciclo; da notare però che questa risorsa non sarà conservata tra un ciclo e l’altro, pertanto sarà meglio utilizzarlo non appena possibile.

L’ultimo elemento relativo al gameplay di Deathloop è legato alla nostra acerrima nemica Julianna. Il gioco presenta infatti una meccanica di gioco online multigiocatore che ci permetterà di invadere le partite di altri giocatori nei panni di questa “femme fatale”. In questo caso l’obiettivo sarà semplice: porre fine alla vita del Colt di quel mondo; per farlo avremo anche in questo caso a disposizione diverse armi, potenziamenti e poteri per migliorare la nostra Julianna e proteggere il loop! Se impersonando Colt doveste preferire evitare questi scontri 1vs1 con un altro giocatore potrete comunque disattivare l’impostazione e così, nel caso di un’invasione da parte di Julianna nella vostra partita, vi ritroverete a combattere contro l’IA. Comunque sia, trattandosi di una meccanica molto importante e assai divertente, consigliamo di mantenerla attiva per rendere le cose più interessanti.

deathloop

Longevità 

Deathloop presenta una durata complessiva non particolarmente ampia, ma ovviamente correlata al tipologia di gioco che rappresenta (sì un FPS con una storia da seguire, ma con un’impronta roguelite importante. Per completarlo saranno infatti necessarie dalle 8 alle 10 ore circa, ma a queste bisogna aggiungere la possibilità di completare alcune missioni secondarie, nel caso vogliate andare a caccia degli oggetti migliori, così come le ore di gioco possibili in multigiocatore. Inoltre bisogna anche considerare che la longevità è assai variabile e legata a quanto finirete per dedicarvi ad una minuziosa esplorazione o  quante volte dovrete morire e ripetere per trovare la soluzione.

Comparto Tecnico

Graficamente Deathloop si attesta su ottimi livelli, nonostante la relativa anzianità del motore di gioco (il Void Engine) che gli sviluppatori hanno introdotto per la prima volta in Dishonored 2 nel 2016. Per quanto questo vada in parte a limitare il salto generazionale, il livello di dettaglio di insieme è davvero eccellente (e ovviamente superiore a Dishonored), con molte texture ambientali e non di grande impatto, ma anche modelli ed effetti molto dettagliati. Da sottolineare poi come tutto questo venga applicato perfettamente ad una stupenda ambientazione in stile film di spionaggio anni 60, cosa che contribuisce a caratterizzare il tutto! Questo comunque al netto di alcune piccole sbavature di poco rilievo evidenti, ad esempio, nel caso dei molti nemici che abitano una zona. Nel caso della fluidità abbiamo buoni livelli su PlayStation 5 (con tre versioni grafiche dalla performance a 60fps e 4K dinamico, qualità con 50fps di media e più vicina al 4K e RT con 30fps e 4K) ma un po’ di instabilità nel caso del PC con cali improvvisi e stuttering (difetti di ottimizzazione che certamente verranno corretti celermente).

Dal punto di vista del sonoro Deathloop raggiunge un picco di eccellenza con il doppiaggio in italiano. Questo risulta essere difatti quasi sempre impeccabile (tranne pochissimi difetti minori) e soprattutto contribuisce in gran misura alla già descritta caratterizzazione dei personaggi, sopratutto con Colt e Julianna. Eccellenti anche le musiche utilizzate che sanno accompagnare ed alternare alla perfezione momenti calmi a momenti concitati con musiche sempre adatte ed incalzanti. Non abbiamo riscontrato infine grossi difetti dal punto di vista di bug o glitch (se non alcuni rarissimi crash su PC sempre legati al discorso di ottimizzazione), tranne per l’unico difetto più importante del gioco, ovvero l’IA dei nemici. Questa non risulterà infatti essere particolarmente sveglia e spesso e volentieri si limiterà a correrci incontro sparando all’impazzata (complessivamente un difetto non così gravemente invalidante, ma è comunque un peccato).

deathloop

Deathloop risulta dunque essere un magnifico esperimento nato dall’unione di un FPS basato sulla storia e un roguelite con molti elementi aggiuntivi che hanno garantito il successo ad altri titoli creati da Arkane Studios. Al netto di alcuni difetti tecnici (soprattutto legati all’IA e all’ottimizzazione su PC) il titolo risulta essere estremamente godibile e divertente grazie ad una trama molto interessante, anche se avrebbe potuto dare delle risposte più complete a tutte le nostre domande, così come la lore e la caratterizzazione dettagliata dei personaggi, in particolar modo di Colt e Julianna. Tutto questo coronato da un gameplay estremamente ricco e vario con una libertà d’approccio che ha da sempre contraddistinto Arkane (e che spazia anche al multigiocatore), ma anche un comparto tecnico molto interessante, sia dal punto di vista grafico che da quello del sonoro (con doppiaggi e musiche perfette). In conclusione assolutamente consigliato, soprattutto agli amanti degli FPS e dell’esplorazione di un mondo ricco di dettagli da svelare.

Bethesda Softworks ha presentato un nuovo trailer di DEATHLOOP, l’innovativo sparatutto creato dal pluripremiato team di Arkane Lyon in arrivo nel secondo trimestre 2021 in esclusiva su PlayStation 5 (PS5) e PC.

Deathloop trailer

Deathloop al limite fra trama e gameplay

Il nuovo trailer di DEATHLOOP porta i giocatori nella mente del protagonista, Colt, mentre dà la caccia a due degli otto bersagli chiave che lo tengono imprigionato in un loop temporale sull’isola di Blackreef. Il classico stile di gioco Arkane offre varie modalità di eliminazione dei bersagli e la facoltà di individuarne più di uno nello stesso posto simultaneamente, il tutto grazie a indizi da mettere insieme in un infinito rompicapo mortale prima che il giorno ricominci da capo.

A voi il trailer! Che ne pensate?

PS5 Showcase si è appena concluso e noi di Geexmag siamo qui per ricapitolare tutti i titoli che sono stati mostrati. Oltre ad essere stata una presentazione molto lunga, durata ben 50 minuti, ha ospitato molti prossimi videogiochi next-gen di qualità. E finalmente è stato svelato il prezzo ufficiale di PS5! Senza ulteriori indugi vi lasciamo alla lista completa!

Final Fantasy XVI

PS5 Showcase si apre con il primo trailer di Final Fantasy XVI, svelato da Square Enix tra sequenze di gameplay e una presentazione del setting. Siamo di fronte a quello che sembra a tutti gli effetti un prequel del quindicesimo capitolo, in cui osserviamo antiche battaglie tra Siderei e un probabile antenato della dinastia dei Lucis. Queste sono speculazioni che lasciamo agli appassionati della saga: eccovi intanto il trailer, godetevelo! Vi ricordiamo solo che Final Fantasy XVI sarà disponibile su PlayStation 5 in data da definirsi.

Al momento possiamo soltanto speculare su questo nuovo capitolo della leggendaria serie targata Square Enix anche con la frase messa in didascalia del video: “L’influenza del cristallo controlla il destino del mondo da troppo tempo…“. voi al momento cosa ne pensate?

Spider-man: Miles Morales

PS5 Showcase prosegue mostrando nuovi dettagli per Marvel’s Spider-Man: Miles Morales. In particolare, Insomniac Games ha rilasciato un nuovo gameplay trailer con molte sequenze di combattimento. Il filmato ci presenta immediatamente l’organizzazione criminale contro la quale dovremo scontrarci, intenta ad attaccare un festival. Successivamente l’azione si sposta su un ponte, dove abbiamo modo di ammirare la nuova interfaccia completamente rivisitata rispetto al precedente capitolo, per venire incontro alla più ampia gamma di abilità in possesso del nostro protagonista. Come la sua versione fumettistica, Miles potrà avvalersi di scariche elettriche e diventare invisibile all’occorrenza. Ricordiamo che Marvel’s Spider-Man: Miles Morales sarà disponibile durante le vacanze invernali del 2020.

Di seguito trovate il nuovo trailer gameplay, buona visione:

Hogwarts Legacy

Warner Bros durante l’evento PS5 ha mostrato Hogwarts Legacy, il nuovo titolo ispirato alla famosa saga letteraria di J. K. Rowling. La storia sarà ambientata nel 1800, cioè molti anni prima della trama originale con i nostri classici protagonistiNon si conoscono ancora i dettagli legati al gameplay, ma dal trailer si potrebbe pensare ad un’action GDR. Il comparto tecnico ed estetico sono entrambi di alto livello, almeno per quello che si è potuto vedere fino ad ora. La data d’uscita ufficiale non è ancora stata dichiarata, lasciandoci con un’indicativo 2021. Il gioco non sarà un’esclusiva Sony, ma non si ancora per certo su quali console uscirà.

Call of Duty: Black Ops Cold War

PS5 Showcase continua mostrandoci un gameplay della campagna di Call of Duty Black Ops Cold War, dove abbiamo un’assaggio in anteprima delle meccaniche di gioco, oltre ad una brutale sparatoria con esplosioni ovunque. Il gioco promette molto bene, ed assieme all’annuncio della data di uscita, cioè fine 2020, Activision ci delizia con un’esclusiva versione alpha del titolo in arrivo questo weekend per tutti i possessori di PlayStation 4.

Il titolo uscirà su Playstation 4, Xbox One e PC (tramite Battle.net) il 13 Novembre e successivamente arriverà anche su Playstation 5 ed Xbox Series X.

Di seguito trovate il nuovo video gameplay, buona visione:

Resident Evil Village

Ecco qualcosa che tutti speravano di vedere al PS5 Showcase: un nuovo trailer di Resident Evil Village! Il video sull’ottavo capitolo della serie ci mostra alcune paurose sequenze della trama, tra cui una favola che probabilmente giocherà un ruolo chiave nella narrazione. Purtroppo niente gameplay, ma ci saranno altre occasioni per vedere Ethan di nuovo in azione. Il titolo sarà disponibile nel 2021 su PlayStation 5, Xbox Series X e PC. 

A seguire troverete il nuovo trailer, buona visione:

Deathloop

Arkane Studios durrante il PS5 Showcase ha mostrato un nuovo trailer per Deathloop, il suo particolare sparatutto in prima persona. Ecco il filmato.

Il gioco si basa su una particolare idea dove due assassini sono intrappolati in un loop temporale e per spezzarlo dovranno far fuori otto bersagli prima che il giorno ricominci e il loop vada in reset. Ancora come questa meccanica sarà inserita nel gameplay soprattutto per il multiplayer è tutto da scoprire.
Vi ricordiamo che Deathloop esce solo su PS5 e PC nel 2021.

Devil May Cry V Special Edition

La presentazione PS5 Showcase continua e stavolta tocca a Capcom! Come da prassi per la saga, la software house ha annunciato la Devil May Cry V Special Edition in arrivo su PlayStation 5. Questa versione del titolo rilasciato originariamente lo scorso anno, avrà contenuti inediti, tra cui la presenza di Virgil come personaggio giocabile. L’arrivo di quest’ultimo era già stato suggerito dalla presenza di alcuni suoi dati di gioco inutilizzati. La nuova edizione delle avventure di Dante sarà disponibile direttamente al lancio della console next-gen di Sony.

Oddworld Soulstorm

Oddworld Inhabitants ha mostrato un nuovo video gameplay di Oddworld Soulstorm, visibile in calce alla notizia.

Oddworld: Soulstorm è il seguito di Oddworld: New ‘n’ Tasty (Abe’s Oddysee) e il secondo titolo di una “pentalogia” che racconterà l’evoluzione della storia di Abe, da schiavo a eroe per caso, fino a diventare il simbolo di un cambiamento e scintilla capace di accendere una rivoluzione.

La posta in gioco è davvero grossa, l’azione durissima, e non potrà che diventare sempre più difficile per Abe quando la classe dominante dei ricchi, potenti e corrotti Glukkons si rifiuteranno di accettare qualsiasi cambiamento, per lo meno senza lottare.

Oddworld: Soulstorm è un’esclusiva (a tempo) PlayStation 5 e PlayStation 4. La versione PC sarà lanciata in contemporanea su Epic Games Store.

Five Nights At Freddy’s: Security Breach

Voi ve lo sareste mai aspettato? Ebbene anche Five Nights At Freddy’s ha fatto la sua comparsa nell’evento PS5 con Security Breach! Non abbiamo potuto vedere molto, dato che si tratta di un breve trailer, ma il gioco ha tutta l’aria di voler portare il terrore anche sulla console next-gen di Sony! Per ora non si ha una data di uscita, ma sappiamo che uscirà su PS4 e PS5 e anche PC

Demon’s Souls

Castelli, draghi, cavalieri e mistici personaggi stanno per tornare. Vi mancava Dark Souls? State aspettando Elden Ring? Beh, rifatevi gli occhi con il remake del padre di entrambi: Demon’s Souls! Finalmente, Blouepoint Games ci ha deliziato con un nuovo gameplay trailer contenente una bossfight, tante scene action e persino la tipica scena di morte che non potrà mai mancare in una partita di un gioco firmato FromSoftware.

PlayStation Plus Collection

Tra i vari annunci fatti durante l’evento relativo a PS5 appena conclusosi, Sony potrebbe aver dato un motivo più che valido per l’acquisto della sua nuova console, con la nuova offerta chiamata PlayStation Plus Collection.

Si tratta di una selezione di alcuni tra i giochi più venduti di PlayStation 4, che saranno disponibili sulla console next gen di Sony al lancio, e in maniera assolutamente gratuita per gli abbonati al programma PlayStation Plus.

I titoli inclusi sono la maggior parte dei giochi first party di Sony, più alcuni dei più famosi videogame di terze parti, ed è possibile che ne vengano aggiunti altri in seguito.

La lista per il momento comprende questi giochi:

  • God of War
  • Bloodborne
  • Monster Hunter World
  • Final Fantasy XV
  • Fallout 4
  • Mortal Kombat X
  • Uncharted 4: A Thief’s End
  • Ratchet and Clank
  • Days Gone
  • Until Dawn
  • Detroit: Become Human
  • Battlefield 1
  • Infamous Second Son
  • Batman Arkham Knight
  • The Last Guardian
  • The Last of Us
  • Persona 5
  • Resident Evil Biohazard

Playstation 5 data e prezzi!

Siamo ormai agli sgoccioli: la nuova generazione videoludica è dietro l’angolo, Microsoft ha esordito con la sua strategia vincente, gli sviluppatori stanno iniziando a svelare i loro progetti e i giocatori di tutto il mondo mettono mano al portafoglio in attesa di poter acquistare la loro nuova console. L’unica che manca all’appello è Sony, che fin’ora ha mantenuto un rigido silenzio sui dettagli importanti di PlayStation 5, tra cui la data di uscita e il prezzo. Con lo showcase di stasera, il publisher ha finalmente giocato la sua mano.

PlayStation 5 sarà disponibile il 19 novembre 2020 al prezzo di 499 euro. Questo fa ovviamente riferimento alla versione tradizionale dell’hardware: la versione Digital, che ricordiamo essere sprovvista del lettore dischi, è invece prevista con un costo pari a 399 euro.

God of War Ragnarok

E, dulcis in fundo, per non farci mancare nulla in questo breve ma intenso evento, abbiamo avuto la possibilità di vedere un piccolo teaser del secondo capitolo di God of War. Il titolo ufficiale sarà God of War Ragnarok! Per ora, come data indicativa, abbiamo un generico 2021.

Se vi siete persi la live, la potete recuperare per intero qui!