Oggi torniamo a parlare di The Elder Scrolls Online per l’uscita del nuovo DLC Stonethorn, il quale riprende gli eventi della nuova espansione rilasciata precedentemente quest’anno: Greymoor (della quale vi abbiamo parlato nella nostra recensione). Questo nuovo contenuto è infatti parte integrante dell’esperienza annuale chiamata “Il cuore oscuro di Skyrim” con Harrowstorm e Greymoor, e si concluderà entro la fine di quest’anno con un’ulteriore espansione. Come di consueto questo DLC va ad aggiungere all’esperienza di ESO un totale di due dungeon esplorabili e ricchi di pericoli, nuove quest dedicate, nuovi set e nuove meccaniche di gioco. Partiamo dunque innanzitutto dal parlare del “primo” di questi: Stone Garden.

Stone Garden

Questo primo dungeon ci porterà nelle profondità delle caverne di Blackreach, lungo labirintici percorsi in pietra ed antiche rovine Dwemer, dove incontreremo Gwendis (una conoscenza per i membri del Daggerfall Covenant) la quale ci chiederà di sventare i piani di un alchimista che ha fatto sua l’intera area per svolgere alcuni esperimenti. Dovremo così combattere contro orde di lupi mannari e “seguaci” dell’alchimista per giungere al termine di questa zona, particolarmente ispirata da un punto di vista estetico (ma anche degli scontri, come vedremo in seguito) proprio grazie al connubio tra le oscure profondità di Blackreach e le antiche rovine ivi presenti. L’intera area sarà inoltre colma di stanze opzionali e ricche di libri ed oggetti legati alla lore, non del tutto necessarie per completare il dungeon, o almeno questo risulta valido per la modalità normale.

Stonethorn

Diciamo questo perchè alcune di queste stanze ci conferiranno alcuni bonus (in generale per nulla di poco conto, parliamo ad esempio di un aumento di 3500 HP con riduzione del danno del 6%, o danno delle armi ed incantesimi aumentati di 375 punti) che possono essere considerati opzionali in modalità normale, ma a dir poco essenziali nella modalità veterano. Questo specialmente in virtù del fatto che ciascun bonus avrà anche un particolare effetto secondario da sfruttare soprattutto nel corso della bossfight finale (e per la quale preferiamo lasciarvi il piacere della scoperta); vogliamo infatti sottolineare innanzitutto che questo dungeon presenta un totale di tre combattimenti contro boss, e questi sono stati molto ben differenziati tra di loro e resi decisamente unici. Oltre a quella decisamente più spettacolare legata all’ultimo nemico (caratterizzato anche da un gran numero di fasi), infatti, ogni boss dovrà essere affrontato in modo cosciente e strategico, oltre che, soprattutto nel caso della modalità veterano, con un team ben coordinato.

Il tutto riesce a rendere questo Stone Garden divertente e stimolante da giocare, soprattutto qualora vi doveste ritrovare a ripetere questa missione più volte nel tentativo di recuperarne i set. Questo dungeon di Stonethorn contiene infatti, come sempre, un totale di tre set normali ed un Monster Set. I set dedicati alle build di stamina e salute sono maggiormente incentrati sull’ottenimento di punti ultimate aggiuntivi, mentre il set magicka ed il Monster set sono focalizzati sull’aumentare i danni; abbiamo infatti:

Set Elemental Catalyst (Magicka, leggero)

  • 2 Oggetti: aggiunge 1096 Magicka.
  • 3 Oggetti: aggiunge 833 Spell Critical.
  • 4 Oggetti: aggiunge 1096 Magicka.
  • 5 Oggetti: ogni volta che infliggi danno elettrico, di ghiaccio o di fuoco applichi una carica di debolezza elementare dello stesso tipo al nemico per tre secondi. Ogni carica aumenta il loro danno critico subito del 3%. Un nemico può avere una sola carica per elemento attiva.

Set Kraglen’s Howl (Stamina, medio)

  • 2 Oggetti: aggiunge 833 Weapon Critical.
  • 3 Oggetti: aggiunge 129 Stamina Recovery.
  • 4 Oggetti: aggiunge 129 Weapon Damage.
  • 5 Oggetti: dopo che un nemico che hai danneggiato di recente muore, emetti un ululato che conferisce a tre alleati entro 15 metri la sinergia Heed the Call. Attivare tale sinergia conferisce a te e a chi la attiva 12 ultimate. Questo effetto può verificarsi una volta ogni 20 secondi.

Set Arkasis’s Genius (Salute, pesante)

  • 2 Oggetti: aggiunge 1206 Salute.
  • 3 Oggetti: aggiunge 1487 Armatura.
  • 4 Oggetti: aggiunge 1206 Salute.
  • 5 Oggetti: ogni volta che bevi una pozione, tu e 3 membri del tuo gruppo guadagnate 44 ultimate. Questo effetto può verificarsi una volta ogni 30 secondi.

Set Stone Husk (Monster set)

  • 1 Oggetto: Aggiunge 833 Weapon Critical.
  • 2 Oggetti: i tuoi attacchi pesanti ti legano ad un nemico entro 10 metri per 5 secondi. I nemici che toccano il collegamento subiscono 1906 danni fisici ogni secondo e tu ottieni una carica di Husk Drain, fino a 15 cariche. Il collegamento si rompe se il nemico si allontana più di 12 metri. Questo effetto può verificarsi una volta ogni 10 secondi. Quando il collegamento finisce consumi tutte le cariche accumulate ottenendo 30 Weapon Damage per carica per 5 secondi.
stonethorn

Castle Thorn

Il secondo dungeon incluso in Stonethorn è Castle Thorn, si tratta di un vero e proprio castello il cui stile gotico si adatta alla perfezione a quanto visto sin’ora con Greymoor, tra un’ampio cimitero nebbioso e le tetre sale dell’edificio, cattedrale inclusa (il tutto a nostro avviso complessivamente più unico e meglio riuscito rispetto a Stone Garden)! Anche in questo caso sarà Gwendis ad affidarci un compito: fermare la sovrana del castello ed il suo tentativo di mettere insieme una nuova armata di vampiri. Di conseguenza, in questo caso, i nostri nemici saranno rappresentati principalmente da vampiri, i cosiddetti bloodfiend, “mastini infernali”, gargoyles ed altre creature più uniche. Il tutto con un totale di ben 5 bossfight da affrontare e, di conseguenza, una lunghezza e complessità totale maggiore di questo dungeon rispetto al primo.

stonethorn

Anche in questo caso avremo dei combattimenti caratterizzati da meccaniche uniche, specialmente nel caso del terzo boss (e dell’area che lo precede) e dell’ultimo, questo di gran lunga il più ispirato ed interessante da un punto di vista “scenografico”, nonostante non ci siano grosse variazioni in termini di meccaniche tra una fase e l’altra. Da un punto di vista della difficoltà i boss a cui prestare maggiore attenzione (soprattutto nel caso in cui vi ritroviate ad affrontare Castle Thorn a veterano) sono gli ultimi due; questo a causa di attacchi particolarmente potenti in loro possesso, ed in grado di danneggiare considerevolmente anche un tank ben costruito. Inoltre, come prima, anche in questo caso potremo ottenere una serie di nuovi set; questi però (eccezion fatta per quello leggero) risultano essere molto più interessanti da accorpare alle varie build:

Set Talfyg’s Treachery (Magicka, leggero)

  • 2 Oggetti: aggiunge 833 Spell Critical.
  • 3 Oggetti: aggiunge 1096 Magicka.
  • 4 Oggetti: aggiunge 129 Spell Damage.
  • 5 Oggetti: aumenta lo Spell Damage di 372. Aumenta il danno ricevuto dal fuoco ed abilità della Fighters Guild del 10%.

Set Unleashed Terror (Stamina, medio)

  • 2 Oggetti: aggiunge 129 Weapon Damage.
  • 3 Oggetti: aggiunge 1096 Stamina.
  • 4 Oggetti: aggiunge 1096 Stamina.
  • 5 Oggetti: quando infliggi un danno diretto con un abilità del tipo Charge, Leap, Teleport, o Pull, tagli il tuo nemico causando sanguinamento per 10 secondi ed infliggendo 19728 danni fisici nel corso della durata. Questa abilità può verificarsi una volta ogni 10 secondi per bersaglio.

Set Crimson Twilight (Salute, pesante)

  • 2 Oggetti: aggiunge 1206 Salute.
  • 3 Oggetti: aggiunge 4% cure ricevute.
  • 4 Oggetti: aggiunge 1206 Salute.
  • 5 Oggetti: dopo aver subito un danno ti circondi in 8 metri di nebbia di sangue. Dopo 2 secondi la nebbia viene violentemente convogliata nel tuo corpo infliggendo 8220 danni da sanguinamento ai nemici vicini e curandoti del 100% del danno inflitto. Questo effetto può verificarsi una volta ogni 8 secondi.

Set Lady Thorn (Monster set)

  • 1 Oggetto: aggiunge 1206 Salute.
  • 2 Oggetti: usare un’abilità che consuma salute evoca una sfera di sangue per 10 secondi. Questo effetto può verificarsi una volta ogni 10 secondi. Tu o un alleato nei pressi della sfera potete attivare la sinergia  Sanguine Burst, infliggendo 5000 Disease Damage ai nemici vicini ed applicando loro Major Maim per 5 secondi, riducendo il loro danno inflitto del 30%. I nemici possono subire Major Maim da Sanguine Burst solo una volta ogni 30 secondi.

Complessivamente Stonethorn rappresenta dunque un DLC di tutto rispetto, sulla stessa linea e qualità di quanto aggiunto fin’ora. Tra novità in termini di meccaniche nei nemici e boss da affrontare ai nuovi scenari ed ambienti da esplorare, il tutto portando avanti la trama e la lore iniziata con Harrowstorm ed espansa ed esplorata con Greymoor. Questo rendendo sempre divertente e stimolante ciascuno dei due dungeon, in ogni loro parte. Anche i nuovi set, tra alti e bassi, riescono ad insinuarsi ed adattarsi a diverse tipologie di build (nonostante principalmente quelle incentrate su DPS e Tank). Di conseguenza si tratta di un’aggiunta a The Elder Scrolls Online da non farvi sfuggire per proseguire nel “Cuore oscuro di Skyrim” e per ottenere nuove ore di gioco aggiuntive, e possibilità nei dungeon da affrontare.

The Elder Scrolls Online: Stonethorn

7.5

Giudizio Complessivo

7.5/10