Streamline è il nuovo titolo sviluppato dal team di Proletariat, autori anche di “World Zombination”. Il gioco viene distribuito per PC e sfrutta una forte connessione con twitch. Si tratta di un PvP nuovo e che sa di fresco, seppur non privo di difetti.

streamline_3Il gioco si svolge esclusivamente online (se non per la sessione di pratica) in una dimensione PvP piuttosto interessante e innovativa. Scopo del gioco? Far arrivare il nostro runner alla fine dei 3 round con più punti possibile. Ogni giocatore dovrà collezionare punti, raccogliendo i blocchi per la mappa, rubandoli agli avversari (tramite cazzottoni!) ed effettuando particolari mosse. La vera particolarità del gioco risiede tuttavia nel effettivo ruolo di chiunque partecipi alla gara:

Runners: Giocatori normali, devono correre per la mappa e guadagnare più punti possibile. Ogni Runner può attivare la Streamline, che ne aumenta la velocità (e in generale le prestazioni) per un breve periodo, andrà ricaricata raccogliendo i blocchi energia sparsi per la mappa.

Hunter: All’inizio di ogni round un partecipante viene scelto per diventare l’hunter, lo scopo sarà uno: eliminare tutti i runners! Viene distinto dagli altri players in quanto brandisce un cartello “STOP” utilizzandolo come mazza impropria.

Spettatori: Ebbene si, Streamline basa la sua esperienza anche sugli spettatori, tramite Twitch è infatti possibile seguire in diretta le partite, piazzando scommesse e intervenendo addirittura nel gioco. Ciascuno spettatore può lanciare dei modificatori durante la partita (per esempio lo “slow Thugging” che applica un effetto slow motion, anche alle musiche), o addirittura cambiarne le regole!streamline_4

Come detto il gioco si svolge in 3 round, durante i quali i Runner dovranno guadagnare più punti possibile e sfuggire all’hunter, attraverso tutte le modifiche che gli spettatori inseriranno.  Alla fine di ciascun round viene attivata la modalità “Sudden Death”, nella quale ciascun player diventa Hunter, e l’obiettivo sarà semplicemente quello di eliminare tutti gli altri giocatori a suon di “cartellate”. Interessante la modalità “ghost”, in alcune partite chi viene eliminato, invece che effettuare un respawn, tornerà come fantasma e il suo obiettivo sarà quello di “perseguitare” un determinato runner.

Buona la personalizzazione del proprio Runner, potremo deciderne aspetto e abbigliamento. Avanzando nel gioco avremo modo di ottenere ulteriori personalizzazioni, aprendo le “borse” che guadagneremo a fine partita.

Il livello di giocatori presenti è scarso, quasi mai ho visto raggiungere i 16 giocatori e in qualche occasione mi sono trovato a gareggiare con un solo altro player. Tuttavia servirà del tempo per accrescere il numero.

streamline_2Il gioco sfrutta l’unreal engine 4 e le grafiche, sia delle ambientazioni che degli avatar, ricordano vagamente quelle del mitico “Jet Set Radio”. Nel complesso ci troviamo davanti ad un gioco graficamente ben curato e con un design molto simile a quello di Team Fortress. Sarebbe fuori luogo pretendere elevate prestazioni grafiche per un gioco che, in fondo in fondo, non ne necessita.

Discreto il motore fisico, i movimenti non sono fluidissimi e spesso ci troveremo ad osservare il nostro avatar incastrato da qualche parte. Frequentemente il nostro PG, dopo una eliminazione, rimarrà a fluttuare “nell’aere”.

Proprio in tema di bug, mi sono ritrovato molte volte in piena partita ad osservare i miei avversari “schiantarsi” contro un muro e continuare a correrci contro e solo dopo pochi secondi veniva segnalato un errore di disconnessione. Speriamo che questi piccole imperfezioni vengano aggiustate in futuro tramite patch.

Divertenti le musiche che contribuiscono all’atmosfera frenetica del gioco e che subiscono tutte le variazioni che gli spettatori inseriranno. Per esempio durante una velocizzazione o rallentamento anche le musiche si velocizzeranno o rallenteranno.streamline_5

Nel complesso ci troviamo davanti ad un gioco coinvolgente, accattivante e che stravolge le regole del PvP per come le conosciamo. Grazie a una grafica ben curata, musiche ok e soprattutto a un gameplay particolarissimo, ci troviamo davanti a un prodotto con elevatissimo potenziale. Tuttavia i diversi bug e la difficoltà nel trovare partite “piene” ne fanno un titolo che deve ancora maturare e accrescersi. Tuttavia confidiamo negli sviluppatori, che hanno avuto il coraggio di creare qualcosa di davvero innovativo, con tutti i rischi che ne conseguono.

Buone “scartellate” a tutti!