Trama

Cominciamo subito con il dire che Rage 2 ha alla base la classica e semplice trama da sparatutto vecchio stile: uccidi il cattivone di turno prima che conquisti il mondo intero. In questo frangente il nostro protagonista sarà Walker, un superstite dell’attacco alla città di Vineland da parte dell’Autorità. Per chi ha avuto modo di giocare al precedente capitolo non si tratterà di una fazione totalmente sconosciuta, così come sarà per il Generale Cross, antagonista principale di questo capitolo.

Per sconfiggere il Generale dovremo riesumare il “Progetto Daga” partendo alla ricerca dei suoi tre elementi cardine (anch’essi vecchie conoscenze dal primo RAGE), ovvero il Dottor Anton Kvasir, Loosum Hagar e John Marshall ed aiutarli nelle loro attività. Ci troveremo così ad affrontare la Zona Devastata e le sue numerose insidie tra clan di predoni e mutanti per riuscire ad affrontare e sconfiggere l’Autorità una volta per tutte.

Si tratta di una trama che funge semplicemente da accompagnamento a ciò che rappresenta il vero fulcro del gioco, ovvero il suo gameplay (alla stregua di quanto accade per la “lore” narrata dai numerosi database nascosti per le aree di gioco). Infatti una trama più complessa e articolata avrebbe sicuramente apportato qualcosa in più al gioco, ma al contempo ci rendiamo conto che è un titolo fatto a posta per far divertire l’utente semplicemente andando a portare morte e distruzione in giro per il mondo. Di conseguenza qualsiasi storia sarebbe passata in secondo piano: è un gioco che va goduto con leggerezza e spensieratezza!

Gameplay

Il gameplay di RAGE 2 è stato molto arricchito rispetto al precedente capitolo sotto diversi aspetti. Innanzitutto in termini di velocità ed adrenalina ricorda per molti versi quanto visto nell’ultimo DOOM (o persino quanto visto fino ad oggi per il nuovo DOOM Ethernal). La rapidità degli scontri è stata perfettamente integrata in un contesto di poteri ed abilità davvero molto profondo e, di conseguenza, non semplice da utilizzare al 100%. Per questo motivo avrete certamente bisogno di qualche ora per riuscire ad abituarvi e padroneggiare questo stile di gioco e alle numerose possibilità che vi offre.

Il fulcro di base del gioco sono i poteri nanotritici, ovvero abilità uniche sbloccabili trovando una delle “Arche” emerse. Questi spaziano da un semplice scatto direzionale o doppio salto ai più complessi come lo schianto gravitazionale (impatto al suolo in caduta) e persino una “seconda chance” in caso di morte. Il tutto, però, non si ferma qui: ciascun potere può essere migliorato in due modi diversi. Il primo è quello di potenziarli utilizzando la “Feltrite” (così da migliorarne statistiche base come la portata e il danno), il secondo è quello di integrarvi altri bonus utilizzando “Potenziamenti Nanotritici” (aggiungendo altre interessanti statistiche e passive).

Siamo però rimasti sorpresi da quanto un altro elemento di RAGE 2 cambi considerevolmente il gameplay, ovvero i “Progetti”. Si tratta di altre abilità passive e non, e differenti per ciascun personaggio. Potremo così sbloccare, tra le altre cose, la possibilità di muoverci molto più velocemente (in perfetto stile DOOM), controllare il wingstick in volo o semplicemente di ricavare molte più risorse dalle nostre attività e ricevere sconti dai mercanti.

Come già anticipato dovremo avere a che fare con tre personaggi per portare alla luce il “Progetto Daga”; per fare ciò ci troveremo a supportare le loro “attività” ad esempio ripulendo covi di banditi, trovando Arche e meteoriti o distruggendo convogli. Ciascuna di queste attività ci ricompenserà con dei punti esperienza che ci permetteranno di incrementare il livello di ciascuno di questi personaggi e, con ogni livello guadagnato riceveremo dei punti progetto da spendere per lo sblocco di nuovi progetti.

Tralasciando questo grande contorno ciò che resta è lo shooting puro e semplice, il quale risulta essere divertente già di base per la presenza di numerose bocche da fuoco, tutte con un feedback estremamente soddisfacente durante il loro utilizzo. Ciononostante anche qui il gameplay non si ferma al semplice “fare fuoco”, infatti ogni arma tra quelle disponibili (eccetto una) presenterà una “modalità di fuoco alternativa”; potremo così, ad esempio, usare il fucile a pompa nel modo classico, oppure condensare tutti i pallettoni di una salva in un colpo unico ad alto potenziale e dalla lunga gittata. Inoltre anche le armi potranno essere potenziate in modo tale da equipaggiare delle mod in grado di aumentare la velocità di ricarica, danno alle armature e così via.

Un gameplay così vario e divertente riesce estremamente bene a spezzare (se non annullare del tutto) la monotonia dovuta alla ripetitività classica dei giochi open world. Infatti l’intero mondo di gioco sarà colmo di punti di interesse da esplorare, avamposti da ripulire e “boss” da eliminare. Nell’esplorazione della vasta mappa di gioco saremo aiutati dai numerosi veicoli (e velivoli) a nostra disposizione e tra questi il veicolo di base: il Phoenix, potrà inoltre essere migliorato con nuove armi, potenziamenti alla corazza e persino un sedile eiettabile per colpire dall’alto i nostri nemici!

Longevità

Purtroppo la durata di RAGE 2 è una delle sue note dolenti (se non l’unica e vera); infatti la sola campagna principale può essere tranquillamente completata in circa 12-15 ore. Si tratta di una durata da un lato consona ad uno sparatutto, ma dall’altra un po’ meno a quella da gioco open world. Questo soprattutto se legato alla totale assenza di missioni secondarie sulle quali fare affidamento se non alcune taglie. Al contempo c’è però da tenere in considerazione che trattandosi di un gioco open world con una mappa di gioco estremamente vasta sono proprio i vari punti di interesse a fare da “missioni secondarie”. Purtroppo però questi sono differenziati tra loro unicamente sotto un punto di vista estetico e, come già detto, dal nostro approccio.

Comparto Tecnico

RAGE 2 ci mostra una grafica complessivamente di buona qualità con buone texture e stupendi effetti di luce e particellari. La parte decisamente in rilievo è la caratterizzazione e l’estetica dei vari nemici che affronteremo e dei vari luoghi che ci troveremo ad esplorare. Allo stesso modo è da sottolineare un comparto musicale davvero di ottimo livello e decisamente azzeccato. Non possiamo, infine, esimerci dal parlare dei caricamenti pressoché istantanei (appena 9 secondi per il primo caricamento del gioco su PS4 base!).

Al contempo, però, si possono notare alcuni piccoli deficit grafici in determinati punti della mappa di gioco ma si tratta comunque di cose circoscritte è che non vanno ad inficiare sul complessivo. Il doppiaggio inoltre risulta essere altalenante con alcune voci un po’ sottotono rispetto alle altre. Infine nonostante l’azione molto concitata non abbiamo notato cali di framerate gravi neanche su PS4 base se non in una sola situazione ed in due casi ci siamo trovati di fronte a dei freeze temporanei della schermata.         

  • 78%
    Trama - 78%
  • 95%
    Gameplay - 95%
  • 82%
    Longevità - 82%
  • 85%
    Comparto Tecnico - 85%
85%

Giudizio Complessivo

RAGE 2 ci ha fatto riscoprire la voglia ed il divertimento degli sparatutto grazie ad un gameplay estremamente solido e ricco supportato da una trama semplice! L’unica vera pecca risulta essere la totale assenza di vere missioni secondarie che avrebbero aggiunto quel motivo in più per continuare a massacrare orde di predoni e mutanti!

Commenti