Minit è uno Zelda-like in 2D dall’aspetto minimalistico che basa il proprio gameplay su un conto alla rovescia di 60 secondi; il protagonista, infatti, cade vittima di una maledizione trasmessagli da una spada raccolta ingenuamente.

In Minit vestiamo i panni di un buffo paperotto che, uscito di casa, trova conficcata nel terreno proprio una bella spada luccicante. La afferra, ma subito si rende conto di avere attirato su di sé una maledizione irreversibile. Chi entra in possesso dell’arma è infatti destinato a lasciarci le penne allo scadere di un singolo minuto d’orologio per poi resuscitare e ancora morire dopo lo stesso lasso di tempo, ciclicamente. Sono sessanta secondi che il giocatore, per altro, può osservare nel loro inesorabile scorrere fin da subito, indicati a mo’ di conto alla rovescia nell’HUD. La decisione del protagonista è quindi quella di restituire la lama al legittimo proprietario, un produttore di spade la cui enorme fabbrica è situata da qualche parte tra le lande circostanti.


Dovremo così farci strada all’interno di boschi, deserti e spiagge popolati da creature strane, simpatiche e a volte inquietanti. Lo stile grafico è comunque, come già preannunciato, decisamente minimalista (bianco e nero in pixel art) ma non per questo manca di carisma e unicità. Per certi versi ricorda quello di Mother e Undertale, ripresi chiaramente in ambito di character design degli NPC. Ottima anche la soundtrack, composta dal bravissimo Jukio Kallio, che non sbaglia mai un colpo.

Semplice, carino, d’impatto: Minit ha tutte le carte in regola per diventare una hit nel mondo indipendente. Nonostante una durata che si attesta sulle due ore per la prima run, che rappresenta circa il 61% del totale, il prezzo onesto e l’originalità del design lo rendono un titolo sicuramente meritevole di attenzione. Si tratta dell’ennesima prova che puntando unicamente su grafiche oltremodo fotorealistiche non si va da nessuna parte. I videogame devono saper divertire prima d’ogni altra cosa, offrire esperienze di un certo tipo, intrattenere nel modo giusto senza inondare i giocatori di fuffa contenutistica e micro transazioni. Non serve poi molto, basta un pizzico di dedizione e onestà intellettuale. Si prenda esempio dal team di Minit e da Devolver Digital.

Vi ricordiamo che questo gioco sarà gratis fino a domani sullo store di Epic Games!

 

Commenti