Ritorna la più celebre serie di sparatutto in prima persona con un nuovo capitolo chiamato Call of Duty: Black Ops Cold War. Questo nuovo titolo è stato pubblicato il 13 Novembre su PlayStation 4, PlayStation 5, Xbox One, Xbox Series X/S e PC, mentre lo sviluppo è stato affidato da Activision a diversi studi di sviluppo, tra i quali spiccano Treyarch e Beenox.

Trama 

Call of Duty: Black Ops Cold War ci riporta ancora una volta nei panni dei membri del S.O.G. impegnati nello sventare la crisi degli ostaggi in Iran del 1981. Ci troveremo infatti a dare la caccia ai due principali indiziati, ma scoprire per chi lavorano cambierà le nostre priorità. Parliamo infatti di un pericoloso agente di intelligence sovietica, nome in codice Perseus, i cui piani si estendono ben oltre la semplice negoziazione di alcuni ostaggi. Un tale pericolo richiede dunque una task force di tutto rispetto; dopo aver scoperto che Perseus è coinvolto avremo infatti il via libera dal presidente Regan per formare una squadra che possa sventare questa minaccia. Parliamo infatti di noti agenti come Jason Hudson, Alex Mason, Frank Woods, ma anche nuovi nomi come Helen Park, Eleazar Azoulay e l’agente “Bell” (il nostro vero protagonista).

Nonostante Bell sia il protagonista principale che avremo modo di impersonare, non mancheranno alcune missioni nelle quali vestiremo i panni di altri membri del team. Le vicende ruoteranno sostanzialmente attorno alla caccia a Perseus per sventare i suoi piani; queste ci porteranno in varie parti del pianeta, ma anche “indietro nel tempo” nell’esplorare i nostri ricordi alla ricerca di informazioni utili. Il tutto spesso e volentieri mettendoci di fronte a delle scelte che potrebbero in alcuni casi semplificare il nostro lavoro, avere alcune ripercussioni sulle missioni future o anche cambiare radicalmente il finale. Si tratta di possibilità nuove per la serie di Call of Duty, ma che fortunatamente risultano molto ben riuscite adattandosi perfettamente a tutto il resto ed intrattenendo l’utente per ogni minuto della notevole, seppur breve, campagna principale.

Black Ops Cold War

Gameplay (campagna)

La libertà offerta dalle scelte della campagna principale di Call of Duty: Black Ops Cold War viene poi incrementata da un gameplay altrettanto “libero”. Questo partendo innanzitutto dalla possibilità di personalizzare il nostro protagonista. Non parliamo di un livello di personalizzazione che si spinge alla corporatura e viso, ma di altri piccoli dettagli minori come il nome, cognome, colore della pelle e infine dei profili psicologici. In quest’ultimo caso non si tratta, come invece si potrebbe pensare, di caratteristiche che possono influenzare il nostro comportamento, ma piuttosto un massimo di due bonus passivi da conferirci. Avremo infatti, ad esempio, la possibilità di aggiungere una “personalità paranoide” che ci conferirà un bonus del 100% alla velocità di mira, “tendenze violente” per aumentare il danno da noi inflitto, “lupo solitario” per aumentare la velocità di corsa e così via.

Abbiamo inoltre una buona libertà d’azione offerta dalle varie missioni che dovremo affrontare; oltre a questa, avremo anche alcuni compiti opzionali in determinate missioni che potremo decidere di completare o meno, ma anche delle sfide segrete. Il tutto ci porterà a esplorare in lungo e largo le diverse mappe di gioco anche alla ricerca dei cosiddetti indizi, ovvero dei documenti di intelligence unici che ci serviranno a eliminare due obiettivi secondari di Perseus. Si tratta infatti di due missioni secondarie che, prima di essere completate (eliminando i principali alleati di Perseus) ci richiederanno di svelare le relative reti di spie in America ed Europa; un compito che potremo svolgere soltanto dopo aver trovato ogni indizio presente nelle missioni principali. Trovarli però non sara sufficiente: dovremo anche far funzionare il nostro cervello per dare un senso al tutto.

Black Ops Cold War

Gameplay (multigiocatore)

Sappiamo tutti che il comparto multiplayer dei vari Call of Duty è di estrema importanza, e questo Black Ops Cold War non fa eccezione anche se purtroppo non porta con sé grosse novità e ripresenta alcuni problemi noti. Abbiamo infatti una grande varietà in termini di armi, con fucili d’assalto, mitragliette, fucili tattici, pistole, fucili a canna liscia e così via; tutti saranno, come di consueto, personalizzabili nei minimi particolari grazie ai numerosissimi accessori presenti (sbloccabili dopo aver guadagnato esperienza sufficiente con la relativa arma), skin, mirini modificati e adesivi. Avremo poi il classico equipaggiamento tattico e letale (tra granate di vario tipo e stimolanti per rigenerare la salute) e il cosiddetto “equipaggiamento da campo”, ovvero strumenti dotati di un tempo di ricarica come mine di prossimità, torrette SAM, microfoni da campo per identificare i suoni prodotti dai nemici e tanto altro.

Saranno infine presenti le tre tipologie di specialità per dare alle nostre classi alcuni essenziali bonus passivi e, infine, la Wildcard. Si tratta di un ulteriore bonus aggiuntivo per le nostre classi in grado di permetterci sfruttare al meglio le opzioni descritte finora permettendoci di aggiungere una specialità extra per ogni categoria, accessori aggiuntivi per l’arma principale, equipaggiamento lanciabile e munizioni extra e, infine, la possibilità di utilizzare qualsiasi classe di arma in entrambi gli slot. Non mancheranno, infine, i progetti per alcune armi speciali introdotti nell’ultimo Modern Warfare. Anche il sistema di serie di punti è stato leggermente rinnovato sia grazie a nuove opzioni, ma anche permettendoci di personalizzare l’estetica di alcune ricompense.

Per quanto riguarda le modalità di gioco abbiamo opzioni abbastanza classiche che variano dal deathmatch a squadre finio ai tutti contro tutti, cerca e distruggi, uccisione confermata e la nuova Scorta VIP (in cui un giocatore dovrà cercare di fuggire attraverso specifici punti di estrazione con il supporto della propria squadra, mentre il tram avversario dovrà cercare di eliminare questo VIP). Troviamo infine una nuova e interessante modalità chiamata Bomba Sporca, nella quale sei team di quattro giocatori si affrontano con lo scopo di caricare (con l’uranio raccolto dai nemici sconfitti) e detonare delle bombe per raggiungere il punteggio limite per primi. Tutte queste modalità giocabili attraverso un numero un po’ esiguo di mappe e soprattutto di dimensioni non troppo generose (scoprendo il fianco al problema dei respawn in posizioni inadatte).

Black Ops Cold War

Gameplay (zombie)

In Call of Duty: Black Ops Cold War torna infine la tanto amata modalità zombie, la parte probabilmente meglio riuscita del titolo assieme alla campagna. Abbiamo infatti una mappa zombie chiamata Die Maschine, una modalità chiamata carneficina e, infine, il ritorno del Dead Ops Arcade. Partiamo innanzitutto da quest’ultima: una modalità introdotta per la prima volta nel primo Black Ops in forma di minigioco, che mette i giocatori alla prova con una sequenza di aree diverse in cui dovremo sostanzialmente sopravvivere alle orde di non morti per raggiungere la prossima. Il tutto con una visuale isometrica dall’alto (e in questo caso anche la possibilità di giocare in prima persona), vite cumulabili, tantissimi oggetti e armi da raccogliere, trappole e minacce da affrontare in perfetto stile gioco da “vecchio cabinato arcade”.

La modalità zombie vede poi per la prima volta l’aggiunta della nuova modalità chiamata Carneficina, ovvero la classica sopravvivenza a orde di zombie ma sulle mappe del multigiocatore e, soprattutto, con alcune meccaniche uniche. Innanzitutto non avremo dei veri e propri round a cui sopravvivere ma semplicemente una sorta di sfera di energia da caricare uccidendo i nemici nel suo raggio di azione. (dal quale dovremo anche cercare di non uscire per non perdere vita) per poi spostarci al luogo successivo, affrontare boss e tanto altro. In questa modalità, inoltre, le armi e tutti gli altri elementi di equipaggiamento potranno essere trovati direttamente come drop dagli zombie uccisi, pertanto non avremo la “cassa misteriosa” da aprire, armi da comprare o zone da sbloccare.

Black Ops Cold War

Il classico del comparto zombie è però legato alla nuova (anche se non troppo) mappa chiamata Die Maschine; in questo caso avremo i soliti round che dovremo superare sopravvivendo, le armi da recuperare, bibite per potenziarci, zone da sbloccare, segreti e easter egg, e la cara macchina del Pack-a-Punch da costruire. Questo però non senza alcune novità che rendono il tutto ancor più godibile: innanzitutto abbiamo un vero e proprio loot che potremo trovare eliminando gli zombie come granate e altro equipaggiamento (un po’ come visto nella Carneficina), ma anche pezzi di armi e armature utili per costruire delle corazze per aumentare le nostre chance di sopravvivenza, creare altri gadget utili o potenziare il grado dell’arma. Il Pack-a-Punch non sarà infatti l’unico elemento in grado di migliorare le nostre armi poiché ogni arma sarà caratterizzata da un livello di rarità (dal verde al giallo) che definisce i suoi danni di base e il numero di accessori che vi sono equipaggiati.

In aggiunta troviamo anche la possibilità di creare e selezionare una classe di partenza, ciò vuol dire che non dovremo più iniziare soltanto con una pistola in nostro possesso, ma potremo avviare la partita già con un’arma dotata di accessori (anche se caratterizzata da un danno standard). Queste classi sono composte però soltanto da due elementi: l’arma e un potenziamento da campo, ovvero un elemento di equipaggiamento extra e dotato di tempo di ricarica che potrebbe aiutarci molto in diverse situazioni; abbiamo ad esempio uno strumento che può creare delle esplosioni criogeniche per congelare i nemici in un’area, un altro che può renderci invisibili per pochi secondi, uno in grado di creare un’aura curativa attorno a noi e così via. Infine questi ultimi, le classi di armi, le specialità (o bibite) e le mod per le munizioni possono essere potenziate utilizzando dei cristalli di Aetherium, una risorsa che potremo ottenere semplicemente giocando, ma anche tentando l’estrazione per fuggire dalla mappa (anche questa una nuova e gradita aggiunta).

Black Ops Cold War

Longevità

La durata complessiva del nuovo Call of Duty: Black Ops Cold War dipende sostanzialmente da quanto finiremo per giocare alle modalità multigiocatore e zombie, essendo queste la fonte principale di ore di gioco per tutta la serie. La campagna principale può essere infatti completata facilmente entro circa quattro ore di gioco, anche se la possibilità di completare le missioni secondarie già citate aggiunge qualche ora di gioco aggiuntiva per essere sicuri di aver esplorato tutto, mentre le opzioni disponibili e le scelte aggiungono un po’ di rigiocabilità al tutto. Detto ciò va sicuramente premiato l’impegno messo nel migliorare una modalità consolidata come quella dedicata agli zombie, mentre per quanto riguarda il multiplayer, e soprattutto parlando del numero di mappe e modalità, dovremo necessariamente aspettare per vedere cosa sarà aggiunto in futuro.

Comparto Tecnico

Come di consueto Call of Duty: Black Ops Cold War mostra il suo grande livello di dettaglio tecnico non soltanto sulle console di nuova generazione, ma anche su Playstation 4 e Xbox One. Abbiamo infatti avuto modo di provare questo titolo in maniera approfondita sia su PS4 Pro che su PS5 notando l’impegno posto nella resa grafica. Sia a livello di texture ambientali che (e soprattutto) per quanto riguarda i vari personaggi il lavoro svolto è davvero eccellente sia qualitativamente parlando, ma anche considerando il livello di fluidità con 60fps pressoché granitici su PS4 e fino a 120fps su PS5. A questo si somma poi un ottimo dettaglio di illuminazione e di riflessi con la possibilità di attivare il Ray Tracing su PlayStation 5 e Xbox Series X migliorando il tutto. Piccola nota di merito a parte per la versione PS5 grazie all’utilizzo del nuovo Dualsense e, in particolare, dei grilletti adattivi così da rendere un’idea del peso delle varie armi e ottiche utilizzate tramite la resistenza posta su R2 e L2 (oltre a dare un effetto di rinculo del grilletto con ogni colpo sparato.

L’alto livello si mantiene anche per ogni singola parte dell’audio di gioco, dai doppiaggi in lingua italiana eseguiti magistralmente fino agli effetti sonori e ultima, ma non per importanza, l’azzeccata colonna sonora che accompagnerà ogni nostro momento di gioco. Purtroppo alcuni più o meno piccoli problemi da segnalare sul lato di bug del gioco, primo tra tutti quello che ha colpito diversi utenti PS4 (noi compresi) rendendo inizialmente impossibile il proseguimento oltre alla terza missione della campagna principale a causa del controller DualShock 4 che si disconnetteva in automatico senza possibilità di riconnettersi, e dunque risolvibile soltanto riavviando forzatamente la console. Giocando la campagna su PS5, invece, non abbiamo riscontrato grossi problemi sotto questo punto di vista se non alcuni rari crash del gioco o impossibilità di unirsi temporaneamente ad alcune lobby.

Nel complesso questo nuovo Call of Duty: Black Ops Cold War ci ha dunque piacevolmente sorpresi sia con una campagna di ottimo livello (anche se purtroppo fin troppo breve) grazie allo stile narrativo adottato e alla libertà lasciata al giocatore favorendone anche la rigiocabilità, ma anche grazie alle altre modalità divertenti da giocare e più o meno ricche di novità. Questo senza poi tralasciare il lavoro eccellente svolto dal punto di vista tecnico, nonostante alcuni problemi che sono stati fortunatamente risolti con il tempo, e soprattutto le interessanti applicazioni del Dualsense di PS5 nell’utilizzo dei grilletti adattivi per le diverse armi, ma anche altri dettagli per il feedback aptico. Senza dubbio possiamo parlare di uno dei capitoli più validi della serie e che saprà far divertire e appassionare!

Digital Extremes ha annunciato ufficialmente che la prossima espansione di Warframe, chiamata Deimos: Arcana, arriverà per gli utenti PC nel corso di questa settimana. Questo nuovo contenuto va ad espandere ciò che è stato introdotto precedentemente nel corso di quest’anno con Il Cuore di Deimo con nuove armi, nuovi nemici e un nuovo Mech. Avremo infatti la possibilità di tornare sulle flagellate terrre del Cambion Drift per combattere ancora una volta contro gli infested per accumulare reputazione degli Entrati e Necraloid per costruire nuove armi come una nuova pistola a raggio, dei nunchaku, un nuovo arco, ma anche nuove tipologie di Kit Gun, Arcanes, Augment e tanto altro.

warframe deimos arcana

A tutto ciò va a sommarsi la possibilità di costruire un nuovo Necramech chiamato Bonewidow e incentrato soprattutto sull’uso a distanze ravvicinate grazie all’utilizzo di una spada e un pesante scudo. Il Bonewidow ci aiuterà non soltanto a contrastare le nuove tipologie di nemici presenti nel Cambion Drift, ma anche ad affrontare le nuove taglie che ci porteranno in nuovi livelli sotterranei; in superficie potremo invece dedicarci alle nuove aggiunte in termini di pesca e caccia. Ultimo, ma non per importanza, i fan del Warframe Gara potranno acquistare dal mercato la sua nuova skin deluxe esclusiva, la Kaleida, oppure valutare l’acquisto della collection contenente anche una nuova Syandana e una Skin per spadoni.

warframe deimos arcana

Deimos: Arcana giungerà dunque per gli utenti PC di Warframe nel corso di questo finesettimana, mentre gli utenti PlayStation 4, PlayStation 5, Xbox One, Xbox Series X/S e Nintendo Switch dovranno ancora attendere un po’. Nel caso vogliate approfondire tutti i contenuti che saranno introdotti con questo prossimo aggiornamento vi rimandiamo alla pagina ufficiale di questo vasto free to play a questo link.

Assassin’s Creed Valhalla è il nuovo capitolo di una delle serie più celebri sviluppate da Ubisoft e che ha avuto un’evoluzione consistente in termini di gameplay passando dall’essere un gioco di azione/avventura ad essere principalmente un gioco di ruolo che ricordava molto un The Witcher. In questo nuovo capitolo, pubblicato il 10 Novembe per Xbox One, PlayStation 4 e Xbox Series X (con la versione PS5 in arrivo il 19), gli sviluppatori hanno voluto dare ascolto alle critiche riadattando gli elementi caratteristici di questa serie per ritrovare un giusto compromesso; ci saranno riusciti?

assassin's creed valhalla

Trama

In Assassin’s Creed Valhalla torneremo ancora una volta nei panni di Layla Hassan, ex impiegata Abstergo che si trova ora a lavorare con gli Assassini per sventare la fine del mondo che si è innescata con la fine dell’arco narrativo dedicato a Desmond Miles. Questa volta però pare che non saremo su nessuna pista legata a manufatti dell’Eden, ma per evitare spoiler diciamo che si tratterà di un “suggerimento da uno sconosciuto” che ci porterà a scovare la tomba di un vichingo chiamato Eivor. Potremo così vedere la vita che ha vissuto e cercare di scoprire cos’ha di tanto importante e particolare. Si tratta di un DNA che si mostra anomalo già dai primi momenti di gioco presentando due flussi distinti e permettendoci di scegliere il sesso del nostro protagonista (scelta che potremo modificare in qualsiasi momento).

Inizierà così la nostra avventura nei fiordi norvegesi, la quale procederà contemporaneamente a quella nel presente, che ci porterà a conoscere il o la nostro/a Eivor, così come altri personaggi importanti tutti molto ben caratterizzati. Tra questi figurano anche due membri degli Assassini (o gli Occulti) che ci introdurranno alle loro pratiche, oltre a donarci una lama celata. Essendo Eivor totalmente esterno al gruppo e non condividendone l’ideologia di base finiremo per conoscere da zero i loro obiettivi e la loro storia. Purtroppo in seguito ad alcuni eventi ci ritroveremo a viaggiare alla volta dell’Inghilterra con l’obiettivo di stabilircisi e fondare un nostro insediamento ma, da buoni vichinghi, otterremo tutte le risorse a noi necessarie razziando e depredando con il nostro gruppo di guerrieri a bordo della nostra imbarcazione.

assassin's creed valhalla

In Inghilterra saremo quindi visti dagli autoctoni come dei barbari e, pertanto, sarà anche importante stabilire delle alleanze con altri clan vichinghi e non solo. In quest’ottica pare poi chiara l’idea di rimuovere le classiche missioni secondarie alle quali siamo solitamente abituati e rimpiazzandole con quelli che potremo più definire come eventi (quasi come quelli visti in Red Dead Redemption 2 anche se non casuali ma prestabiliti in punti della mappa relativi ai “Misteri”). Riceveremo infatti delle semplici richieste che potranno variare dal semplice aiutare una persona a trasportare una cassa di mele fino a pescare qualcosa, entrare in un fight club o partecipare a uno scontro. Il punto a favore di questi compiti è non soltanto dato dalla rapidità con cui possono essere completati, ma anche dal fatto che sono stati tutti resi estremamente unici e divertenti da completare (che sia per il personaggio incontrato o per la questione in se).

Tutta la trama principale, così come le missioni descritte poc’anzi, è stata resa il meno dispersivo possibile e molto accattivante soprattutto grazie a un risvolto più onirico e trascendentale. Ciononostante non avremo soltanto una linea narrativa principale, ma piuttosto più storie sulle quali potremo focalizzarci in ogni momento. Tra queste ritroviamo anche la parte strettamente legata agli Assassini e il loro sempreverde compito di eliminare la minaccia e l’influsso di controllo dei Templari; questo sempre tramite una schermata legata all’Ordine degli Occulti che ci permetterà, con vari indizi che potremo trovare, di svelare le loro identità per poi eliminarli (sostanzialmente come nel caso di Odyssey). Affronteremo così numerose battaglie, assedi e razzie, stringeremo alleanze con altri clan e affermeremo il nostro dominio.

assassin's creed valhalla

Gameplay

La serie di Assassin’s Creed è andata incontro a profondi mutamenti nel gameplay non apprezzati da tutti, ma come si sarà comportato questo nuovo Valhalla? Cominciamo con il sottolineare che abbiamo apprezzato il precedente capitolo della serie, ovvero Odyssey, come un ottimo RPG che però effettivamente aveva perso alcuni caratteri distintivi che lo rendevano un AC. Con questo nuovo capitolo della serie, però, Ubisoft pare aver voluto dare ascolto alle critiche cercando un giusto compromesso tra tutte le meccaniche, vecchie e nuove. Infatti, pur condividendo alcuni caratteri tipici dei giochi di ruolo (sperimentati e sviluppati tra Origins e Odyssey), questo titolo ha tutti, o quasi, gli elementi in grado di ridare una sensazione più affine ai primi capitoli.

Il primo elemento che sancisce questo “ritorno alle origini” è senza dubbio la tanto agognata lama celata, l’arma distintiva degli Assassini che in Odyssey aveva ceduto il posto alla lancia di Leonida. A ciò si somma anche la possibilità di indossare un mantello per rendersi meno riconoscibili e nascondersi in gruppi di monaci o mescolarsi agli abitanti. In aggiunta, questo letale strumento, ci darà la possibilità di uccidere silenziosamente qualsiasi tipo di nemico (“boss” esclusi) purché questi siano ignari della nostra presenza. Ciò accade per due motivi: innanzitutto potremo sbloccare sin da subito un talento (dei quali vi parleremo in seguito) che ci permetterà di eliminare anche i nemici più coriacei al completamento di un quick time event, inoltre né i nemici né noi saremo più identificati da un livello vero e proprio. 

Il sistema di livelli a cui siamo normalmente abituati viene infatti rimpiazzato da un valore numerico che definisce il grado di forza sia nostro che dei nostri nemici. Parliamo infatti della cosiddetta “Potenza”, ovvero un dato che ci permette di capire quanto una zona sia adatta al nostro personaggio ma, considerata la possibilità di eliminare i nemici in maniera stealth, soltanto da un punto di vista degli scontri diretti. Questo valore va fatto crescere tramite il nostro albero (o costellazione in questo caso) dei talenti; ogni azione, uccisione e missione ci ricompenserà con dei punti esperienza e ogni volta che saremo riusciti ad accumularne un certo quantitativo riceveremo due punti talento (potremo ottenerli direttamente anche da alcuni punti di interesse nella mappa).

assassin's creed valhalla

In Assassin’s Creed Valhalla ogni punto talento ci permetterà di sbloccare alcuni bonus passivi (come salute e danno) e attivi (come barre di adrenalina extra, attacco in corsa, assassini multipli e il già citato Assassinio Perfezionato per eliminare nemici di alto profilo); parliamo di un sistema vasto e complesso come pochi proprio nei termini della sua semplice estensione. In tutto ciò non vengono però considerate le Abilità, le quali formano una sezione a parte e vanno sbloccate raccogliendo dei Tomi disseminati in tutto il mondo di gioco (a ciascuno corrisponde una specifica abilità). Queste ultime si strutturano in maniera molto simile a quanto visto in Odyssey potendone equipaggiare quattro per il corpo a corpo e quattro per la distanza e potendo persino migliorarle dopo aver raccolto un secondo Tomo dello stesso tipo.

Alla base delle abilità e talenti di Assassin’s Creed Valhalla abbiamo un sistema di combattimento che è stato migliorato per certi versi, ma che ha anche visto l’aggiunta di alcuni, anche se piccoli, elementi in grado di renderlo diverso dagli altri capitoli della serie. Abbiamo infatti schivate, attacchi leggeri e pesanti il cui uso è legato a doppio senso a una barra della stamina; questo perché se gli attacchi pesanti consumano un quantitativo più alto di energia, quelli leggeri andati a segno la ricaricheranno leggermente costringendoci a sfruttare delle combo miste per non esaurirla troppo rapidamente (anche perché dopo averla esaurita non potremo schivare fino a quando non sarà di nuovo piena), ma anche a concatenarvi delle abilità al giusto momento per ottenere un po’ di respiro). Il tutto permette dunque un inaspettatamente grande livello di possibilità tra attacchi, abilità e talenti.

assassin's creed valhalla

A questo si aggiunge la possibilità di effettuare parry deviando gli attacchi nemici o di parare e/o attaccare con l’oggetto impugnato nella mano sinistra (che sia uno scudo, un’ascia o una mazza chiodata), oppure ancora usare pesanti armi a due mani. I parry in misura maggiore, ma anche gli attacchi pesanti o l’utilizzare arco e frecce per colpire specifici punti dell’avversario andranno tutti a ridurre una barra degli avversari legata al loro libello di stordimento; questa, una volta azzerata, li esporrà a violente esecuzioni o, nel caso di bossfight ad attacchi che ridurranno in maniera consistente la loro salute. Si tratta dunque di un sistema soddisfacente da utilizzare, molto più di quanto non sia lo stealth che, pur avendo ricevuto alcune reintroduzioni, è reso fin troppo complesso anche a difficoltà normale da nemici in grado di individuarvi e far scattare l’allarme anche da distanze improbabili.

Come in ogni altro capitolo della serie, Ubisoft ha voluto porre molta enfasi sull’esplorazione del mondo di gioco ma questa volta riuscendo a rendere il tutto meno dispersivo pur mantenendo le enormi dimensioni del mondo di gioco. Si è riusciti a giungere a questo risultato rimuovendo dalla mappa i classici punti di interesse ai quali la serie, soprattutto negli ultimi due capitoli, ci ha abituati. Dunque non avremo più zone che per essere completate ci richiederanno l’eliminazione di nemici di un certo tipo o il recuperare determinati forzieri; al contrario potremo trovare sulla mappa tre tipologie di punti di interesse: le ricchezze, i manufatti e i misteri. Nel primo caso si tratterà di risorse utili (primo tra tutti il caso dei monasteri da razziare), armi o armature, nel secondo avremo mappe del tesoro, nuovi tatuaggi o collezionabili e infine, nell’ultimo, abbiamo le nuove “missioni secondarie” o per l’appunto dei misteri da svelare (come prove “allucinogene”, anomalie nell’animus e tanto altro).

assassin's creed valhalla

Anche l’esplorazione e l’effettuare una ricognizione dall’alto hanno subito alcune piccole modifiche per migliorare l’esperienza di gioco. La rimozione del buon vecchio “Occhio dell’aquila” è stata infatti rimpiazzata nel tempo dall’uso di Senu e Icaro, le nostre fedeli aquile da ricognizione che in Origins e Odyssey dovevamo sfruttare prima di avvicinarci agli insediamenti nemici così da studiare il migliore piano d’approccio. Anche in Assassin’s Creed Valhalla avremo il nostro fido compagno volante (un corvo di nome Synin), ma questo non sarà in grado di lasciare indicatori diretti sui nemici semplicemente inquadrandoli, al contrario servirà piuttosto ad avere un’idea generale dell’area o eventualmente cercare rapidamente un luogo di nostro interesse. Il tracciamento dei nemici viene così affidato a una sorta di “Occhio dell’aquila” con portata limitata, ovvero l’impulso che in Odyssey serviva a individuare risorse vicine; una scelta a nostro avviso ben fatta che evita la ripetitività e l’interruzione dell’azione data dall’abuso dei nostri compagni alati.

Come già anticipato parlandovi della trama la nostra esplorazione su territorio inglese partirà dal nostro insediamento vichingo, Ravensthorpe. Si tratta non soltanto del punto nevralgico di tutte le nostre attività, dalla ricerca di nuovi alleati alla caccia all’Ordine degli Antichi, ma anche la nostra nuova casa e, come tale, va migliorata e fatta crescere. Avremo infatti la possibilità di costruire diverse tipologie di edifici (con i proventi delle nostre razzie) come la caserma, un capanno per la pesca e caccia, un emporio e tanto altro. Tutto ciò avrà un impatto diretto non soltanto sul nostro gameplay, andando per esempio a sbloccare potenziamenti per le armi o oggetti da acquistare, ma anche incrementando la reputazione del nostro villaggio così da sbloccare nuove possibilità di costruzione. Sia il nostro villaggio, che il nostro protagonista (incluso il cavallo, il corvo e la nave) avranno poi a disposizione diverse possibilità di personalizzazione come strutture e abbellimenti per il primo, oppure tatuaggi, taglio e colore dei capelli per il secondo.

assassin's creed valhalla

Longevità

Nonostante la ridotta dispersività data dalle oculate scelte in termini di gameplay, Assassin’s Creed Valhalla risulta essere un gioco decisamente imponente sia in termini di storia che di contenuti in generale. Per completare la sola campagna principale del titolo saranno infatti necessarie oltre 15-16 ore di gioco ma, considerato ciò che potrete trovarvi intorno, sarà pressoché impossibile (oltre che sbagliato) arrivare all’epilogo con così poche ore. Un titolo che pone così tanta enfasi sull’esplorazione delle varie mappe di gioco (che non si limitano alla sola Inghilterra) va infatti giocato lasciandosi ogni tanto andare a qualche deviazione per sconfiggere un nemico unico, raccogliere un tesoro o semplicemente perdersi a guardare un luogo particolarmente ispirato dal punto di vista visivo. Questo titolo è infatti un’esperienza a 360 gradi che non si limita alla sola narrazione, soprattutto quando accompagnato, come in questo caso, da un’importante riduzione di monotonia che potevamo invece trovare nei suoi predecessori!

assassin's creed valhalla

Comparto Tecnico

Veniamo ora, purtroppo, al vero punto dolente dell’intero titolo e che vi si estende in quasi ogni sua parte. Cominciamo innanzitutto con il dire che questo nuovo Assassin’s Creed Valhalla presenta un livello di dettaglio grafico di tutto rispetto, con una buona resa complessiva e soprattutto un ottimo lavoro sui volti dei personaggi e sui loro modelli, così come su buona parte delle texture ambientali e sull’illuminazione. Purtroppo su PS4 Pro, per mantenere pressochè costante il numero degli fps (tranne in alcuni casi in situazioni con un alto numero di personaggi a schermo), non mancano alcune zone con texture meno definite, anche se in casi circoscritti, o altri tipi di compromessi grafici.

Anche da un punto di vista del sonoro il titolo presenta alcuni alti e bassi; abbiamo certamente un ottimo doppiaggio anche in lingua nostrana, così come ottimi effetti sonori e soprattutto un’altrettanto ottima colonna sonora. Purtroppo però non mancano alcuni difetti più o meno evidenti come degli sbilanciamenti, in particolare degli effetti sonori, o persino delle linee di dialogo che in alcune circostanze possono saltare facendovi perdere la frase. Comunque in questi casi descritti finora si tratta soprattutto di difetti di minore entità o comunque più rari da riscontrare al contrario di quanto invece non accada nel caso di bug e glitch.

Su quest’ultimo elemento si potrebbe purtroppo parlare fin troppo, potremmo infatti ritrovarci dai difetti minori come personaggi che fanno cose inspiegabili, animali e personaggi che si incastrano nei luoghi più disparati, difetti nelle animazioni o nell’illuminazione e tanto altro, oppure anche problemi più evidenti che possono passare dalla “semplice” assenza di un torace per un personaggio fino al cavallo che decide di non rispondere più ai nostri comandi o crash del gioco. Se questi ultimi riescono fortunatamente a essere meno frequenti, i primi purtroppo sono decisamente fin troppo frequenti, al punto da rovinare momenti di pathos o dialoghi distogliendo la nostra attenzione, soprattutto considerando lo splendido lavoro svolto sul mondo di gioco. A questo va poi a sommarsi un’IA fin troppo deficitaria che, ad esempio, non corre neanche ai ripari in caso di un attacco con frecce come invece avveniva in Odyssey.

Il nuovo Assassin’s Creed Valhalla riesce dunque a rendersi unico come capitolo e ben distinto dagli altri trovando quel connubio perfetto tra le possibilità che un Assassino può mettere nelle nostre mani (nonostante sia più complesso rispetto al passato mantenere un basso profilo) e quello che può dare un gioco di ruolo ben riuscito e con un combat system molto ampio. Questo però sempre ponendo grande enfasi su uno dei veri punti di rilievo della serie, ovvero l’esplorazione e il perdersi in un mondo ricco e dettagliato che in questo caso non si limita soltanto all’Inghilterra o ai freddi territori del Nord… Tutte le scelte messe in atto riescono così a unirsi molto bene tra loro (soprattutto per quanto riguarda le missioni secondarie) con l’accompagnamento di una trama ben narrata e molto interessante da seguire; purtroppo una parte dell’esperienza di gioco viene inevitabilmente compromessa dai numerosi problemi tecnici che affliggono il titolo e che, se fossero stati più ridotti, sarebbe stato più semplice passarci sopra.

Dopo avervi parlato precedentemente nel corso di quest’anno di Greymoor, la prima grande espansione che ha introdotto “Il cuore oscuro di Skyrim”, oggi torniamo a parlarvi di The Elder Scrolls Online per l’arrivo di Markarth, la conclusione di questo nuovo arco narrativo. Il DLC è stato pubblicato il 2 Novembre su PC mentre invece arriverà su PlayStation 4 e Xbox One il 10 Novembre.

L’oscurità nel profondo

L’espansione Markarth di The Elder Scrolls Online riprende esattamente le vicende dalla fine della trama principale narrata in Greymoor. La prima parte dell’esperienza annuale de “Il cuore oscuro di Skyrim” ci ha infatti permesso di conoscere la minaccia rappresentata dal Gray Host; un pericolo che sfortunatamente non è stato completamente respinto. La missione introduttiva di questa nuova espansione, acquistabile gratuitamente dal negozio del gioco, ci ha inoltre fatto dare un primo sguardo al passato di Rada-al-Saran, ai suoi obiettivi e alla sua corte di creature della notte.

In questo nuovo contenuto aggiuntivo dovremo dunque seguire Rada-al-Saran all’interno della regione che circonda l’antica città di Markarth, ovvero The Reach. Si tratta di un territorio noto per l’alto numero di rovine Dwemer presenti non soltanto in superficie, ma anche nelle caverne sotterranee del Blackreach (in questo caso le caverne di Arkthzand). Abbiamo infatti l’aggiunta di alcune nuove zone dedicate a quest’antica rete di grotte, le quali si collegano direttamente a quelle che possiamo trovare al di sotto di Western Skyrim (oltre a connettersi direttamente alla superficie della regione tramite ascensori Dwemer).

elder scrolls online markarth

Questa volta però scopriremo che il piano del nostro nemico va ben oltre quanto visto all’interno della città di Solitude, e che questo era soltanto un primo piccolo passo in vista di un obiettivo molto più grande. Ci troveremo infatti dinnanzi a una serie di eventi inaspettatamente ricchi di nuovi elementi unici, con un’antica minaccia che ci permetterà di capire per davvero il senso del titolo dell’esperienza di The Elder Scrolls Online di quest’anno. Il tutto attraverso più missioni di quelle che potremo aspettarci di affrontare, nuovi alleati, ma anche nuovi nemici da affrontare; oltre ai già visti vampiri e licantropi abbiamo anche delle novità in termini di costrutti Dwemer, ma soprattutto una nuova tipologia di nemici strettamente connessi al fulcro di questa vicenda.

Nel complesso il tutto risulta non soltanto molto godibile, ma arriva ad essere uno dei filoni narrativi, a nostro avviso, più interessanti e memorabili dei vari territori del gioco. Questo, oltre che per la trama principale, anche grazie ad alcuni dettagli legati al territorio che potremo conoscere tramite missioni secondarie e i classici documenti di testo sparsi per la mappa. L’altro elemento particolarmente ben riuscito legato alla trama principale di Markarth è quello delle bossfight, tutte rese estremamente uniche e diverse da quanto visto finora. Di contro, purtroppo, abbiamo  un uso leggermente eccessivo di missioni che ci porteranno unicamente a viaggiare da un punto A a B (per poi magari ritornare ad A) andando a spezzare un ritmo tanto avvincente.

elder scrolls online markarth

Nelle profondità del Reach

Il nuovo DLC di Markarth aggiunge a The Elder Scrolls Online un buon quantitativo di nuove possibilità esplorative su più livelli. Come di consueto avviene con ogni nuova aggiunta, all’interno dei già citati territori del Reach e delle nuove caverne del Blackreach troveremo una serie di nuovi contenuti. Tra questi troviamo due nuovi World Bosses (dotati di meccaniche uniche e altre “nascoste”), due nuovi Delves, nuove zone per i già visti Harrowstorms (l’analogo alle Anchors introdotte in Greymoor) e tanti altri punti di interesse. In questo caso i Delve meritano una piccola nota a parte legata alla loro estensione; abbiamo infatti dei Delve grandi quanto alcuni Public Dungeons già presenti nel gioco!

Tutti questi nuovi pericoli da affrontare, incluse le missioni secondarie presenti (tutte molto interessanti, anche se non troppo numerose) ci ricompenseranno con dei nuovi set unici legati al nuovo territorio. Abbiamo infatti Voidcaller (leggero, ricco di Spell Damage soprattutto per chi subisce un danno continuato), Witch-Knight Defiance (medio, incentrato sul Weapon Damage per le build da avvelenamento) e Radiant Bastion (pesante, un ottimo set per respingere una parte del danno subito). In aggiunta troviamo anche nuovi contenuti per il sistema delle Antiquities introdotto con Western Skyrim. Tra questi elementi unici da riportare alla luce troviamo dei nuovi compagni da portare al nostro fianco, nuovi elementi di personalizzazione per le nostre abitazioni, ma anche nuovi oggetti di equipaggiamento unici!

elder scrolls online markarth

Una nuova arena

Sin dall’arrivo dell’espansione di Wrothgar abbiamo visto soprattutto crescere i contenuti dedicati a gruppi di giocatori. Questa volta, però, l’espansione di Markarth in The Elder Scrolls Online aggiunge una nuova arena da giocare in solitario. Questa, chiamata Vateshran Hollow, ci permetterà di prendere parte a un’antica ordalia con nuove meccaniche uniche, prima tra tutte la scelta dell’arena da affrontare. Sono infatti presenti tre diverse arene, una legata a Molag Bal, una a Hircine e una a Mehrunes Dagon; in ciascuna di queste potremo affrontare un massimo di tre boss e altri nemici minori (alcuni dei quali essenziali per proseguire), per poi terminare il tutto con una bossfight finale. Dei tre boss presenti però uno sarà opzionale, mentre gli altri due necessari per completare l’arena.

Questo boss opzionale non è però raggiungibile in ogni caso, ma sarà legato all’ordine con cui decideremo di completare le varie arene. Ogni arena ci permetterà infatti di sbloccare un oggetto per avanzare nella stessa, ma anche per accedere ad aree nascoste nelle altre. Sottolineiamo il fatto che questo risulta valido perché ogni parte di questa nuova sfida lascerà al giocatore la libera esplorazione (cosa che potrebbe anche permetterci di ottenere dei manufatti capaci di conferirci dei bonus decisamente molto utili). Tutto ciò, sommato alla bellezza estetica di ogni zona, ma soprattutto alle meccaniche estremamente ben riuscite di ogni boss presente, rende Vateshran Hollow l’arena più divertente da giocare (essendo poi le altre praticamente un susseguirsi di zone chiuse).

Anche in questo caso abbiamo dei set di armature aggiuntivi legati alle casse che otterremo da ogni boss sconfitto, ma anche un set di armi ottenibile come ricompensa finale. Parliamo infatti dei set armatura Hex Siphon (leggero, utile per aumentare lo Spell Damage contro gruppi di nemici), Pestilent Host (medio, in grado di infliggere molti danni in PvE) e infine Explosive Rebuke (per infliggere danni ad area con le parate). Per quanto riguarda i set legati alle armi abbiamo:

  • Destruction Staff: Wrath of Elements (potenzia Weakness to Elements creando un collegamento con un nemico che gli causa danno continuo).
  • Restoration Staff: Force Overflow (permette di ricaricare stamina e magicka degli alleati usando Force Siphon).
  • Arco: Point-Blank Snipe (aumenta il danno inflitto da Snipe tanto più vicini si è al bersaglio).
  • Armi a due mani: Frenzied Momentum (usare abilità stamina con Momentum attivo aumenta il Weapon Damage fino a causare un danno ad area).
  • Due armi: Executioner’s Blade (Hidden Blade causa danno aggiuntivo se si attacca un nemico alle spalle).
  • Spada e scudo: Void Bash (infliggendo danno con Power Bash tutti i nemici entro 12 metri vengono attirati a noi per poi ridurre il loro danno inflitto).

Nel complesso dunque The Elder Scrolls: Markarth risulta essere un DLC molto più vasto di quello che potremmo aspettarci, grazie ai numerosi set introdotti (sia overland che quelli legati alla nuova arena), all’estensione della mappa in superficie e sotterranea (con tutti i delve e altre zone esplorabili) oltre che World Boss unici. Il tutto condito da una trama principale molto coinvolgente, ricca di dettagli e spettacolare grazie alle ambientazioni e bossfight tanto uniche quanto ben riuscite, questo seppur non senza difetti, primo tra tutti alcune fasi che spezzano l’azione. Infine la nuova arena è senz’ombra di dubbio la sfida, per il gioco in singolo, migliore in assoluto, sia per il divertimento che deriva dalla possibilità di esplorare un minimo e scoprire alcuni dettagli unici, ma anche per il lavoro svolto sulle bossfight, tutte molto divertenti da giocare.

Watch Dogs Legion è un gioco di azione-avventura creato da Ubisoft e pubblicato il 29 Ottobre per PlaStation 4, Xbox One, Google Stadia e PC, ma con la versione next-gen in arrivo e già annunciata con l’uscita di PlayStation 5 e Xbox Series X/S (rispettivamente il 12 e 10 Novembre). Il titolo fa da seguito al secondo capitolo della serie, pubbblicato nel 2016, e del quale vi abbiamo già parlato nella relativa recensione, ma si pone l’obiettivo di provare a rinnovare la serie aggiungendo un elemento cruciale di gameplay.. sarà riuscito in questo intento?

watch dogs legion

Trama

Il nuovo Watch Dogs Legion cambia ambientazione dai precedenti, spostandosi dalle città statunitensi alla capitale del Regno Unito; ci troveremo infatti in una Londra “innovata” dal ctOS 3.0, il sistema cittadino che controlla tutti gli apparecchi elettronici: dai dispositivi Optik che tutti utilizzano fino a veicoli e droni. In seguito a quello che potremmo definire un attacco terroristico l’intera città è stata assoggettata al volere e al potere di Albion, una compagnia privata di sicurezza che è riuscita a ottenere pieni poteri per riportare l’ordine nella capitale. In questo contesto simil-dittatoriale ci troveremo a prendere il controllo del DedSec per formare una resistenza che possa liberare Londra, e questo vuol dire che non avremo più un Aiden Pearce o un Marcus Holloway da controllare, ma piuttosto che avremo la possibilità di reclutare gli abitanti della città e controllare ogni membro di questo nuovo DedSec da noi creato.

L’assenza di un protagonista vero e proprio fortunatamente non si fa sentire quanto ci saremmo invece aspettati, complice anche l’eccellente caratterizzazione di alcuni personaggi secondari che avremo modo di conoscere e, in minima parte, il tentativo di rendere unico ogni cittadino (cosa della quale vi parleremo meglio in seguito). Ci ritroveremo dunque a portare avanti una vera e propria ribellione eliminando gli oppressori e svelando i retroscena che hanno portato a questo punto, il tutto tramite i membri di un DedSec che cercano di rendersi irriconoscibili come soggetto, ma riconoscibili come gruppo, tramite l’uso di maschere di vario tipo. Potremmo considerare questo titolo come in una riproposizione del classico “V per Vendetta”, un film che ricorda molto una buona parte degli elementi trattati, ma ai quali questo nuovo Watch Dogs Legion aggiunge i risvolti dell’uso sfrenato della tecnologia.

L’intera trama principale del titolo, ma anche buona parte delle missioni secondarie (queste a un livello che non ci saremmo aspettati), risulta dunque essere estremamente interessante e ricca di elementi che ci verranno anche forniti da diversi documenti sparsi per il mondo di gioco. Questo riesce ad appassionare anche grazie alla presenza di antagonisti particolarmente ben congeniati, e per i quali non provare necessariamente solo odio e disprezzo, ma piuttosto lasciarvi inaspettatamente interdetti di fronte a scelte che dovrete necessariamente compiere. Tutto ciò riesce a funzionare egregiamente coinvolgendo il giocatore al punto da renderlo un po’ restio a concedersi liberamente all’esplorazione di Londra e a dedicarsi al fulcro centrale del gameplay (una tentazione che però è comunque davvero troppo forte..).

watch dogs legion

Gameplay

Il fulcro centrale del gameplay di questo nuovo Watch Dogs Legion è indubbiamente dato dalla sua novità più grande, ovvero la possibilità di reclutare qualsiasi abitante come membro del DedSec. Si tratta di una scelta non certamente priva di punti deboli ma comunque complessivamente molto ben riuscita. Cominciamo dunque con il dirvi che: si, é possibile reclutare ogni singolo cittadino di questa Londra moderna, dagli anziani che passeggiano nei parchi fino a membri di Albion, della polizia o affiliati al clan Kelley. Il tutto è però sostanzialmente assoggettato all’opinione che questa persona ha nei confronti della resistenza; avremo infatti persone che potrebbero già avere un’opinione positiva nei nostri confronti (per i quali sarà sufficiente semplicemente tenere premuto su “recluta”), oppure altri con opinione neutrale o più o meno negativa.

Il tutto è principalmente correlato a due fattori, il primo è il grado di oppressione a cui il quartiere della città sarà sottoposto, e dunque in quartieri non ancora liberi troveremo soprattutto cittadini con un’opinione negativa. Il secondo è invece determinato dalle interconnessioni con altri abitanti, e pertanto potremmo trovarci di fronte a una persona che ha già un’opinione positiva perché uno dei nostri agenti ha, ad esempio, liberato un suo amico o parente da una situazione spiacevole, oppure al contrario una negativa qualora un suo relativo sia stato ferito o ucciso da un membro del DedSec. Potremmo inoltre incorrere in persone con un’opinione talmente tanto negativa (come nel caso di persone danneggiate direttamente da noi) da non volersi assolutamente unire alla nostra squadra a prescindere, o persino al punto da sequestrare dei nostri compagni (che dovremo poi andare a salvare).

watch dogs legion

Ovviamente la domanda spontanea è come fare a migliorare questo parere, e la risposta è tanto semplice quanto articolata. Nel caso di pareri negativi dovremo infatti, dopo aver salvato la potenziale recluta nel nostro elenco, accedere al suo “profilo profondo”, ovvero un sistema che ci permetterà di capire i suoi gusti, a cosa sta lavorando e le sue relazioni. Tra queste voci dovremo andare a cercare gli indizi che possono fare al caso nostro, come ad esempio un parente con un’opinione più positiva da reclutare, oppure una situazione “spiacevole” che potremmo risolvere, come strozzini, molestatori o altri tipi di problemi. Nel caso di pareri neutrali potremmo servirci anche in questo caso del profilo profondo, oppure eventualmente parlare con la persona avviando una missione che, anche se non sono presenti infinite tipologie, risultano essere abbastanza variegate e poco monotone.

Come anticipato all’inizio, però, questo intero sistema in Watch Dogs Legion scopre il fianco ad alcuni difetti inevitabili. Il tutto viene però sostanzialmente riassunto nell’ovvia assenza di una base di contenuti illimitata; sarebbe infatti impossibile dare a ciascun abitante di Londra una propria personalità, una voce e un volto diverso dagli altri, pertanto sono stati creati più modelli predeterminati ai quali più personaggi possono attingere. Pertanto potrà capitarvi facilmente di incorrere in due o più persone con lo stesso volto, la stessa voce o modi di fare e di parlare analoghi (potendo così incorrere anche in un dialogo tra due personaggi identiche). Questo più che un problema é un difetto inevitabile e strettamente connesso alla scelta di dare una possibilità pressoché illimitata di reclute.

watch dogs legion

La variabilità maggiore che possiamo trovare tra gli abitanti della capitale inglese è però data dai loro talenti e oggetti unici. Sono infatti presenti un grandissimo numero di caratteristiche che possono rendere più o meno appetibile una nuova recluta. Queste spaziano dal malus di movimento per gli anziani, di singhiozzare in situazioni avverse (così da farsi scoprire da nemici vicini), fino alla tendenza a giocare d’azzardo (sottraendoci o, in caso di vincita, aggiungendo criptovaluta al nostro conto) o la tendenza a morire in maniera casuale.  La maggior parte di questi fanno però riferimento ai più importanti cittadini “unici”, più rari da trovare; abbiamo ad esempio delle spie dotate di pistole silenziate, orologi da polso in grado di disattivare le armi nemiche e auto in perfetto stile 007, ma anche hacker con maggiori possibilità nell’uso delle distrazioni, statue umane che possono sfuggire facilmente agli inseguimenti e tanto altro ancora.

Tralasciando questa importante porzione del gameplay di Watch Dogs Legion troviamo altri elementi ripresi dal precedente capitolo e migliorati. Ad eccezione per equipaggiamento unico già in possesso di alcuni personaggi, l’intera dotazione della nostra squadra dipenderà sostanzialmente dai cosiddetti punti tecnologia in nostro possesso. Si tratta di punti ottenibili in tutta la mappa tramite particolari dispositivi con cui interagire e che ci permetteranno di sbloccare nuove armi e nuovi gadget da aggiungere al nostro equipaggiamento, così come altre abilità come la capacità di controllare e sabotare droni e torrette, oppure di nascondere i nemici messi KO oppure uccisi rendendoli invisibili. In aggiunta per la mappa saranno presenti un gran numero di collezionabili da raccogliere come nuove maschere, documenti di testo o audio e che aggiungono elementi a trama e lore.

Ultima, ma non per importanza, è la libertà d’azione che il titolo offre, una cosa incentivata come mai prima d’ora. In generale già nei precedenti capitoli era possibile sfruttare droni e telecamere per evitare un approccio più diretto, ma in questo nuovo capitolo le possibilità vengono ancor più ampliate. Questo innanzitutto grazie al ctOS 3.0 di Londra, con un grande quantitativo di droni offensivi e non (spiderbot inclusi), di mezzi di trasporto, piattaforme, ripari e trappole; il tutto al punto da permetterci di completare un obbiettivo senza neanche avvicinarci lontanamente. La cosa viene poi appunto ancora più espansa dalle caratteristiche dei nostri agenti: gli hacker sono ad esempio più validi nel completare il tutto dalla distanza, i sicari sono vere e proprie macchine da guerra per l’uso di armi e schivate, mentre gli anziani.. sono anziani…

Concludiamo parlandovi rapidamente dei tre punti alla base del gameplay di Watch Dogs Legion (escludendo l’hacking trattato nel precedente paragrafo). Parliamo infatti dello shooting, della guida dei veicoli e del combattimento corpo a corpo. Nel caso del primo abbiamo un sistema soddisfacente costituito da un totale di cinque tipologie di armi da fuoco (anche se tecnicamente quelle che possiamo dare in dotazione ai membri del nostro team sono solo armi stordenti, quelle letali devono già essere in possesso dell’operatore prima del reclutamento per essere utilizzate) da sfruttare negli scontri servendoci delle coperture fornite dall’ambientazione. Anche il corpo a corpo risulta divertente da applicare, con attacchi, contrattacchi e rotture di guardia. Purtroppo la guida presenta alcuni problemi già presenti nel resto della serie, primo tra tutti la fisica delle collisioni, ma che comunque sopperisce in maniera sufficiente alla sua funzione (considerata anche la possibilità di attivare la guida automatica).

watch dogs legion


Longevità

Questo nuovo Watch Dogs Legion presenta la durata complessiva più variabile della serie. Si tratta infatti di un parametro strettamente legato a quanto finiremo per perderci per le strade di Londra a reclutare nuovi membri del DedSec, raccogliere punti tecnologia per potenziare la nostra dotazione o cercare collezionabili. In linea di massima, comunque, per completare la trama principale del titolo saranno necessarie un totale di circa 12 ore di gioco; si tratta di una durata assolutamente di tutto rispetto ma che non può non essere aumentata dagli altri contenuti presenti, incluse interessanti missioni secondarie e attività uniche come la consegna di pacchi o l’affissione di manifesti e street art. Nel mese di Dicembre sarà inoltre aggiunto anche il comparto multigiocatore al titolo, un sistema che già nei precedenti capitoli riusciva a intrattenere e aumentarne considerevolmente le ore di gioco.

Comparto Tecnico 

Abbiamo avuto modo di provare Watch Dogs Legion in maniera approfondita su PlayStation 4 Pro e vederne il comportamento su PC, e possiamo dunque dire che si tratta senza dubbio di un gioco pensato soprattutto per la prossima generazione di console. Attualmente da un punto di vista visivo su PS4 il gioco si comporta in maniera ottima ma purtroppo non senza qualche piccola sbavatura. In generale abbiamo infatti un buon livello di texture e di illuminazione ambientale, ma soprattutto un ottimo dettaglio di tutti i personaggi che potremo trovare e della loro mimica facciale. Di contro però possiamo trovarci di fronte ad alcuni oggetti delle ambientazioni visibilmente meno dettagliate di altre, oppure trovare un ritardo di rendering in alcuni oggetti (anche se la cosa è davvero poco evidente). Questi difetti vengono poi risolti nella versione PC e, con tutta probabilità, in quella PlayStation 5 e Xbox Series X della quale vi parleremo al più presto.

Nonostante la ricchezza di dettagli delle varie parti della città e degli abitanti che la popolano, i compromessi raggiunti sulle console di questa generazione permettono di mantenere il framerate abbastanza stabile sui 30fps senza cali troppo evidenti. Anche il sonoro si attesta su livelli decisamente ottimi sia grazie al doppiaggio in italiano di personaggi primari e secondari, sia per le musiche proposte dalle stazioni radio della città e la colonna sonora di accompagnamento (con artisti che spaziano dai Gorillaz fino alla musica classica). Infine, nel corso della nostra intera partita, non abbiamo riscontrato grossi problemi di carattere tecnico relativo a bug o glitch tranne le solite cose che ci si potrebbe aspettare da un titolo open world, un’IA non troppo brillante, ma soprattutto crash del titolo che ogni tanto si fanno sentire.

Questo nuovo Watch Dogs Legion risulta dunque essere una novità di grande livello per la serie, e soprattutto un titolo complessivamente molto ben riuscito che potrà appassionare sia chi già ha avuto modo di avvicinarsi alla serie, sia chi vi si avvicinerà per la prima volta. Partendo da una trama molto ben riuscita, che tocca argomenti interessanti e con personaggi ben caratterizzati, fino ad arrivare all’assoluta novità nel gameplay di possibilità nel reclutare nuovi membri (elemento molto ben riuscito, anche se non perfetto), il tutto lasciando sempre grande libertà di azione in ogni circostanza. Non vediamo l’ora di provare il comparto multigiocatore in arrivo il prossimo mese, cosa che potrà aumentare considerevolmente le ore di gioco che già nel gioco di base sono di ottimo livello, oltre che la versione migliorata su PlayStation 5 e Xbox Series X.

Nezha Prime è il nuovo Warframe che va ad aggiungersi alla lista di varianti Prime del gioco; questo grazie al suo nuovo Prime Access reso disponibile a partire dal 27 Ottobre. Come di consueto, inoltre, sono state anche introdotte due nuove varianti migliorate per delle armi, ovvero la Guandao Prime e la Zakti Prime. Tutte queste tre nuove aggiunte possono essere trovate gratuitamente in gioco, ricercando le relative reliquie per poi trovare i diversi componenti, oppure acquistando i diversi pacchetti premium elencati qui di seguito. Da notare però che i gli accessori unici di questi pacchetti (con la nuova ephemera e set di armatura) possono essere ottenuti unicamente tramite alcuni di questi pack:

  • Fire Walker: include Guandao e Zakti Prime, oltre che 1050 platini.
  • Warding Halo: include le due armi, Nezha Prime (con i suoi relativi glifi) e 2650 platini.
  • Pacchetto Accessori Prime: include una nuova armatura, la Ransha Prime, la nuova ephemera Baurahn Prime, un booster di affinità da 90 giorni e, in sostituzione di quello per i crediti, un booster risorse sempre da 90 giorni.
  • Divine Spears: include tutti i contenuti del pacchetto accessori e di Warding Halo, con un totale di 3990 platini.
nezha prime

Iniziamo dunque a parlare di tutti questi nuovi contenuti cominciando dal vero protagonista: Nezha Prime. Si tratta di un Warframe non molto spesso utilizzato ma in possesso di diverse caratteristiche e abilità in grado di renderlo molto utile e soprattutto estremamente resistente. Le sue abilità sono infatti incentrate soprattutto sul controllo di grandi quantitativi di nemici e sulla sopravvivenza, non senza però mancare di una piccola caratteristica che aumenta i danni inflitti. Abbiamo infatti:

  • Passiva: durante le scivolate Nezha riceve meno attrito scivolando più veloce del 60% e andando più lontano del 35% rispetto al normale.
  • Fire Walker: crea una scia infuocata che Nezha lascia sul suo cammino, la quale infligge danno da fuoco ai nemici (causando loro anche lo status alterato, con conseguente riduzione dell’armatura e blocco sul posto) e purifica gli alleati. Se questa abilità è attiva quando si utilizza il teletrasporto della sua seconda abilità questo creerà un anello di fuoco ogni volta che sarà eseguito.
  • Blazing Chakram: Nezha lancia l’anello posto sulla sua schiena infliggendo danno ai nemici e aumentando la percentuale di danno da loro subita; l’anello può rimbalzare tra nemici e può essere caricato per aumentarne l’effetto, oppure riattivato mentre in volo per permettere a Nezha di teletrasportarsi nella sua posizione. Inoltre i nemici colpiti, alla morte, rilasciano sfere di energia.
  • Warding Halo: crea un anello protettivo infuocato che stordisce e danneggia i nemici che si avvicinano troppo e permette a Nezha di resistere a molti danni.
  • Divine Spears: evoca delle lance dal suolo che impalano i nemici nel raggio di azione bloccandoli a mezz’aria; riattivando l’abilità questi verranno scagliati con forza contro il suolo.
nezha prime

A livello di statistiche la nuova variante Prime presenta un’armatura migliorata rispetto alla versione di base (250 vs. 190), una velocità di scatto leggermente aumentata (1.2 vs. 1.15) e una polarità Naramon aggiuntiva. Grazie a tutte queste abilità Nezha Prime è in grado di sopravvivere facilmente anche ai nemici di livello più alto, soprattutto considerando che il quantitativo di danni che lo scudo creato da Warding Halo è in grado di subire è strettamente correlato al danno che questo Warframe subisce dopo aver attivato l’abilità (in un breve periodo di immunità ai danni). Anche tutte le sue altre abilità sono importanti per rendere inoffensivi grandi gruppi di nemici, oltre che renderli più vulnerabili ai nostri colpi. Pertanto la build più bilanciata che possiamo consigliarvi è una che non vada a penalizzare nessun parametro, focalizzandosi al contempo sulla potenza.

La potenza abilità è infatti importante per aumentare non soltanto il moltiplicatore di danno fornito da Blazing Chakram, ma anche per aumentare la quantità di scudo creata da Warding Halo. Potete trovare una build consigliata qui di seguito, e ,volendo eventualmente sfruttare una portata maggiore per invalidare i nemici rinunciando ad un po’ di potenza, potreste sostituire Augur Secrets con Augur Reach. In questo modo potreste ottenere un Warframe estremamente valido utilizzando una sola forma, ma volendo utilizzarne altre si può anche compensare la perdita di potenza data dalla rimozione di Augur Secrets inserendo il mod aura Power Drift (così da raggiungere comunque una potenza di 215%).

nezha prime

Passiamo ora invece a parlare delle ultime due aggiunte alle varianti Prime delle armi: la Zakti e Guandao Prime. Nel caso di quest’ultima parliamo di una “vecchia gloria” del gioco, un’arma che soprattutto prima del rework sul corpo a corpo era sfruttata tantissimo per via della sua portata e danno legate alle alte possibilità di causare danni critici. Purtroppo però risultava essere carente nella probabilità effetto con un totale di base del 4%; ma questo difetto viene superato ampiamente dalla sua nuova variante. La Guandao Prime presenta infatti una probabilità effetto del 20% oltre che danno aumentato (202.0 vs. 240.0), una probabilità di critico e danno critico lievemente ridotte (rispettivamente 28% vs. 32% e 2.2x vs. 2.4x), una velocità di attacco maggiore (0.83 vs. 1) e una polarità Madurai aggiuntiva.

Nel caso della Zakti Prime abbiamo invece un’arma estremamente valida per infliggere enormi quantitativi di status in poco tempo. Questo soprattutto a causa della caratteristica principale di questa pistola a dardi, ovvero il fatto che ogni colpo sparato esplode dopo pochi secondi creando una nube di gas (status di base). La nuova variante presenta già di base una probabilità di effetto molto superiore rispetto alla sua variante di base raggiungendo un consistente 42% (contro il 20%) oltre che probabilità di critico e danno critico lievemente aumentate (rispettivamente 2% vs. 8% e 1.5x vs. 1.8x), caricatore migliorato ma velocità di ricarica lievemente ridotta (da 3 a 8 colpi e 0.8 secondi vs. 1 secondo) e infine una polarità Madurai aggiuntiva.

Queste due aggiunte del Prime Access di Nezha sono entrambe due scelte molto valide nel vostro arsenale, con un’asta molto bilanciata in termini di critico ed effetto e una pistola molto divertente da utilizzare, oltre che molto efficace nel fare danni importanti (a livelli non troppo alti) e soprattutto applicare molti tipi di effetto contemporaneamente. Per queste ragioni vi consigliamo di sfruttare una build bilanciata nel caso della Guandao (con la possibilità di sostituire Drifting Contact con Weeping Wounds nel caso utilizziate Naramon per ridurre il decadimento della combo o siate in possesso di una riven che vi permetta di risparmiare uno slot), mentre nel caso della Zakti la scelta sta sostanzialmente a voi. Considerato il critico leggermente aumentato potreste infatti sfruttare le due mod per il critico (come nel nostro caso), oppure eventualmente focalizzarsi totalmente sul danno inserendo Magnum Force ed eventualmente Pathogen Rounds per aumentare il danno da virale.

Concludiamo infine con il ricordarvi che Nezha Prime, Guandao Prime e Zakti Prime possono essere trovate direttamente in gioco senza acquistare alcun pacchetto. Sono infatti state aggiunte in Warframe delle nuove reliquie che vi permetteranno di ottenere i diversi schemi e componenti per questi oggetti, così da poterli poi costruire direttamente voi tramite la fucina. Qui di seguito potete trovare l’elenco completo di tutte queste reliquie e il relativo oggetto che potranno farvi ottenere:

Nezha Prime

  • Schema: Reliquia Meso C6 (non comune).
  • Sistemi: Reliquia Neo D2 (comune).
  • Neurottiche: Reliquia Lith N6 (raro).
  • Chassis: Reliquia Neo N13 (raro).

Guandao Prime

  • Schema: Reliquia Lith P5 (non comune).
  • Manico: Reliquia Meso G2 (raro).
  • Lama: Reliquia Neo Z6 (comune).

Zakti Prime

  • Schema: Reliquia Axi Z1 (raro).
  • Canna: Reliquia Neo E2 (non comune).
  • Castello: Reliquia Lith T4 (comune).

Lo sviluppatore canadese Digital Extremes ha annunciato che il nuovo Nezha Prime è ora disponibile per Warframe su tutte le piattaforme. Come di consueto è possibile ottenere questa nuova variante prime, incluse le sue nuove armi esclusive, il Guandao Prime e la Zakti Prime, tramite le reliquie o pacchetti di Prime Access disponibili nei diversi store. Il Prime Access questa volta include per la prima volta, inoltre, un booster risorse di ben 90 giorni (che va a sostituire quello dei crediti), così da raddoppiare la quantità di risorse raccolte!

Nezha prime

Il pacchetto accessori di Nezha Prime include, oltre ad un nuovo set di armatura chiamato Ransha Prime, anche una nuova ephemera (la Baurahn Prime) che si sposa alla perfezione con lo stile di questo personaggio. In aggiunta al nuovo Warframe Prime e le sue armi Prime, l’aggiornamento di Nezha include anche la quinta, e ultima, stagione della Nightwave dedicata al Vetraio. In questo ultimo episodio potremo affrontare questo nuovo nemico una volta per tutte e recuperare la sua arma unica per riutilizzarla a nostro piacimento.

Continuate a seguirci per avere al più presto una guida completa a tutto il nuovo Prime Access per utilizzare al meglio i nuovi contenuti!

La serie dedicata a Crash Bandicoot si espande con il capitolo numero 4 intitolato It’s About Time. Si tratta effettivamente del quarto capitolo della serie, rappresentando il seguito di Crash Bandicoot 3: Warped, ma risulta comunque essere l’ottavo titolo legato alla serie di questo celebre marsupiale. Lo sviluppo per questo nuovo gioco è stato affidato da Activision a Toys For Bob (recentemente fautori dei remake legati alle trilogie di Crash e Spyro), con il contributo di Beenox (studio che ha lavorato a Crash Team Racing Nitro-Fueled, oltre che a porting di alcuni titoli legati al franchise di Call of Duty su PC). Il gioco sarà riuscito ad ottenere una propria identità senza risultare essere un’altra semplice riproposizione di questa serie platform priva di novità? Scopriamolo insieme in questa recensione.

crash 4

Trama 

Dopo aver selezionato la modalità di gioco preferita, ovvero Classica (con le vite accumulabili con i frutti Wumpa e che, una volta terminate, ci costringeranno a ripetere il livello dall’inizio) o Moderna (senza limiti legati alle vite, ma con un semplice contatore che riporta il numero totali di morti nel livello), la nostra avventura avrà inizio. Dalla conclusione del terzo capitolo della serie il Dr. Neo Corex, N. Tropy e Uka Uka erano rimasti intrappolati in una sorta di “prigione temporale”, ma ora l’ultimo è finalmente riuscito a creare un varco e liberare i primi due. L’apertura di questo varco ha però generato una grande instabilità tra le varie dimensioni, permettendo l’apertura di spaccature nello spazio e nel tempo, oltre a risvegliare alcuni antichi esseri.

Questo altro non è che che un semplice incipit per far sì che i nostri Crash e Coco Bandicoot, accompagnati da Aku Aku, possano ripartire per questa nuova avventura e cercare di riportare l’ordine nell’universo. Nonostante si tratti di una trama effettivamente semplice e priva di grosse pretese (il cui scopo è semplicemente quello di dare un obiettivo ai protagonisti e fornire un accompagnamento al tutto), non mancheranno alcune piccole sorprese che danno un piccolo valore aggiuntivo. La vera parte che dà valore e risalto ai titoli di questo tipo è invece il gameplay, con tutti i suoi elementi, collezionabili da raccogliere e soprattutto la difficoltà che ha da sempre contraddistinto questa serie (tutte cose, in special modo l’ultima, che non mancano anche in questo capitolo).

Crash 4

Gameplay 

Ormai conosciamo tutti il gameplay che ha reso celebre la serie del bandicoot più famoso del mondo videoludico, ma avere una base solida non è sempre sufficiente: servono anche innovazioni e miglioramenti. Crash Bandicoot 4: It’s About Time riesce perfettamente a riproporci lo stile classico di questo genere di giochi migliorandolo e introducendo diverse novità. Ma partiamo dalle basi: ci troviamo di fronte al più classico dei giochi platform in tre dimensioni (con alcune fasi a scorrimento orizzontale) arricchito da alcune bossfight e le cui possibilità sono ampliate dalle abilità di base di Crash. Il nostro protagonista avrà infatti sin da subito tutte le capacità apprese nel corso dei precedenti capitoli (come ad esempio la panciata per distruggere le casse rinforzate), ma anche la possibilità di sfruttare alcuni “trucchetti” per raggiungere alcuni punti fuori portata (come il salto durante l’accovacciamento o l’utilizzo della scivolata per accorciare alcune distanze di salto). 

A questo va poi ad aggiungersi la novità principale di questo titolo mostrata nel corso dei diversi trailer, ovvero l’utilizzo delle maschere quantiche. Si tratta di un totale di quattro nuove maschere che, a differenza della semplice difesa fornita dall’affezionato Aku Aku, avranno una funzione più cruciale nel gameplay. Ogni nuova maschera trovata verrà in nostro soccorso in specifici punti, permettendoci di superare sezioni altrimenti impossibili, così da avanzare nei diversi livelli. Ad esempio la prima di queste (mostrata già nei primi trailer) sarà Lani Loli e, una volta raccolta, ci permetterà di rendere tangibili oggetti di dimensioni parallele a discapito di altri. Nel caso vogliate scoprire da voi il resto dei loro poteri concludiamo semplicemente dicendovi che si tratta di aggiunte estremamente interessanti e valide che arricchiscono il gioco più di quanto ci saremmo aspettati!

crash 4

Le novità però non finiscono qui, con questo nuovo Crash Bandicoot 4 potremo infatti vestire i panni di nuovi personaggi (anche se tecnicamente parliamo di personaggi vecchi quanto la serie stessa). Questo non è semplicemente un fattore estetico, come per l’eventuale scelta di utilizzare Coco piuttosto che Crash, ma si tratta di livelli creati su misura per questi personaggi e che ne rispecchiano le rispettive capacità di movimento. Parliamo infatti di Tawna Bandicoot, Dingodile e del nostro acerrimo nemico: il dottor Neo Cortex. Tutti questi avranno delle caratteristiche e abilità uniche, dal rampino di Tawna utilizzabile per raggiungere luoghi lontani o colpire dalla distanza fino alla pistola di Cortex capace di trasformare i nemici in piattaforme di due tipi per proseguire (cosa che si sposa con la sua assente capacità di eseguire dei doppi salti).

Tutti questi personaggi secondari avranno una loro linea narrativa da seguire e che andrà, spesso e volentieri, a intrecciarsi positivamente con le avventure del Bandicoot. In ogni caso, però, tutti avranno il nostro (inteso come videogiocatore) “scopo comune”, ovvero quello di distruggere tutte le casse e raccogliere il maggior numero possibile di frutti Wumpa presenti nei vari livelli; questo allo scopo di ottenere tutte le gemme di tutti i livelli. Per ogni livello avremo infatti un totale massimo di sei gemme: tre legate alla raccolta di frutti, una per la distruzione di tutte le casse, una che ci richiederà di completare il livello con meno di tre morti e la gemma nascosta; queste diventano dodici se consideriamo la variante “N. Vertita” di ogni livello, ovvero una versione speculare e spesso arricchita con elementi estetici o “modificatori” unici che sbloccheremo da circa metà gioco.

Crash 4

Le gemme come mai prima d’ora avranno un’interessante utilità intrinseca, oltre al semplice scopo di raggiungere il 100%, permettendoci di ottenere un grande quantitativo di skin sia per Crash che per Coco. Ogni livello avrà una propria skin da offrire, e per ottenerla dovremo totalizzare 6 gemme ottenute in quel dato livello sommando quelle recuperare tra variante normale e N. Vertita. Saranno poi presenti due classici della serie: le quattro gemme colorate nascoste in quattro specifici livelli (utili ad accedere a delle sezioni bonus in altri livelli ancora), e le sfide a tempo con le Reliquie a fare da trofeo e collezionabile. L’ultima tipologia di collezionabili presenti in Crash Bandicoot 4 è rappresentata dalle cassette flashback, ovvero 21 cassette presenti in altrettanti livelli che permettono l’accesso alle missioni sperimentali (ricche di casse da distruggere) svolte in origine da Neo Cortex sui nostri protagonisti principali; per ottenerle dovremo raggiungerle nella relativa missione senza morire.

Gli sviluppatori hanno poi introdotto in Crash Bandicoot 4 due modalità per permettervi di giocare con i vostri amici in locale. La prima, accessibile dal menu principale, è chiamata “Battaglia dei Bandicoot” e rappresenta una modalità competitiva tra un massimo di quattro giocatori. Potremo decidere l’obiettivo della competizione (se raccogliere il maggior numero di casse o raggiungere i vari checkpoint nel minor tempo possibile) e scegliere tra 24 dei livelli del gioco principale, oltre che eventualmente prolungare la gara per più round. L’altra modalità, accessibile dal menu di pausa, è chiamata “Passa e Gioca” e altro non è che la trasposizione di una pratica effettuata per giocare con altri amici a giochi di questo tipo. Potremo infatti affrontare la campagna con un massimo di altri quattro nostri amici passandoci il controller a ogni morte o ogni checkpoint raggiunto, ottenendo alla fine del livello il punteggio di ogni giocatore.

Longevità

Sarebbe pressoché impossibile stabilire una durata generale per un gioco di questo tipo, poiché dipende da quanto il gioco riuscirà a metterci in difficoltà, da quanto vorremo completarlo in ogni suo aspetto e così via. Non sarebbe infatti impossibile completare Crash Bandicoot 4: It’s About Time in poco meno di quattro ore lasciandoci alle spalle tutti i collezionabili, casse e livelli secondari; ma questo non sarebbe effettivamente il modo corretto di godersi il titolo. Questo gioco è stato infatti pensato e costruito per chi vuole completare il tutto al 100% senza tralasciare alcun particolare, sviscerando tutti i livelli di base e varianti N. Vertite, completando tutti i livelli flashback e le sfide presenti. Il tutto aggiungendo in maniera consistente anche la possibilità di sfruttare al meglio il gioco con altri amici, così da migliorarne ancora la durata complessiva. In parole povere solo una cosa è certa: si tratta del gioco di Crash più ricco e variegato mai creato!

Comparto Tecnico

Anche in questo caso gli sviluppatori hanno svolto un lavoro decisamente encomiabile, con una fluidità e livello di dettaglio grafico neanche lontanamente raggiunto dal remake dei primi capitoli. Crash Bandicoot 4 riesce infatti a raggiungere tranquillamente i 60 fps su PlayStation 4 Pro e a mantenerli in ogni situazione senza cali evidenti, questo senza scendere a forti compromessi in termini estetici. Graficamente il titolo appare decisamente di ottimo livello sotto ogni aspetto, dagli ottimi effetti particellari e di illuminazione fino alle texture di ambientazioni e personaggi, cosa che regala una magnifica resa generale (soprattutto considerando la fluidità). Altra cosa che merita una piccola nota a parte è proprio l’estetica e la fantasia messa in ogni dettaglio del gioco: viaggiare nel tempo e nello spazio ha permesso agli sviluppatori di dare forma ad un grandissimo numero di ambientazioni e di nemici (tutto molto ben differenziato).

Anche il doppiaggio è stato svolto magistralmente riproponendo molti dei doppiatori che hanno partecipato alla creazione di Crash Bandicoot: N. Sane Trilogy. Tutte le voci, dai personaggi che già conosciamo fino a tutte le nuove introduzioni, risultano essere perfette e fatte su misura per ogni personaggio. La stessa cosa accade per quanto riguarda le musiche di accompagnamento nei diversi livelli, tutte molto ricche e ben diversificate, ma soprattutto il cui stile rispecchia perfettamente quello dell’ambientazione che ci circonderà. In conclusione nel corso della nostra avventura non abbiamo riscontrato alcun tipo di bug o glitch, se non in una parte di un particolare livello bonus dove, per qualche strana ragione, risultava impossibile effettuare il doppio salto (ma comunque non è stato qualcosa che ha precluso l’avanzamento o la raccolta di tutte le casse).

Il nuovo Crash Bandicoot 4: It’s About Time riesce dunque a superare tutte le aspettative e ad affermarsi come un nuovo capitolo della serie dalla forte identità, introducendo una grande quantità di nuove meccaniche di gameplay perfettamente riuscite da esplorare in ogni minimo particolare attraverso i numerosissimi livelli presenti, tutti resi al meglio da una grafica ed estetica stupende. Il titolo può riuscire ad appassionare tutti (soprattutto i fan della serie) ma, a discapito dell’aspetto, potrebbe risultare complesso per i più piccoli. Questo titolo farà inoltre la felicità dei più incalliti cacciatori di collezionabili e di segreti; anche se sarebbe più corretto dire che sarà la rovina per questo tipo di giocatori dato che sarà tutto fuorché semplice riuscire ad ottenere tutto senza trovarsi a ripetere uno stesso punto all’inverosimile!


La serie di Mafia ha segnato un’epoca; quest’oggi siamo felici di tornare a parlarvene per l’uscita di Mafia Definitive Edition, remake del primo capitolo. Nel corso degli anni, e di generazioni di console, abbiamo infatti avuto modo di conoscere più di recente Lincoln Clay (con Mafia 3 ambientato verso la fine degli anni 60’), preceduto dall’italianissimo Vito Scaletta (grazie a Mafia 2, dalla fine della seconda guerra mondiale attraverso gli anni 50’) e prima ancora dal sempre più italiano Thomas Angelo, Tommy per gli amici (grazie, per l’appunto, al primo Mafia).

La versione originale di questo primo capitolo è stato pubblicato per PC nel 2002, per poi arrivare su PlayStation 2 e Xbox due anni dopo. Questa nuova Mafia Definitive Edition, invece è arrivata sul mercato il 25 Settembre, ed è attualmente disponibile per PlayStation 4, Xbox One e PC. Lo sviluppo di questo remake è stato affidato ad Hangar 13 (team che ha anche lavorato alla creazione del terzo capitolo), mentre la pubblicazione spetta, come per tutto il resto della serie, al publisher 2K Games.

Mafia definitive edition

Trama 

Un po’ tutti i videogiocatori di vecchia data dovrebbero conoscere le vicende che vedono protagonista Tommy Angelo, quindi per qualcuno potrebbe essere superfluo il trattare della trama di questo titolo; non dimentichiamoci però che questa versione mira anche ad un pubblico di nuovi fan. A tale scopo Mafia Definitive Edition ha avuto la possibilità di ripresentarci le vicende originali, ma sotto una nuova e migliorata veste grafica (della quale parleremo meglio nel Comparto Tecnico).

Il nostro protagonista altri non è che un mafioso pentito, che si ritrova in un cafè nel 1938 a richiedere protezione al detective Norman per lui ed il resto della sua famiglia in cambio di informazioni. Tommy è infatti entrato a far parte di una famiglia mafiosa, quella di Don Salieri, 8 anni prima, a causa di uno sfortunato (o fortunato a seconda dei punti di vista) gioco del destino. Da buon immigrato italiano in cerca di fortuna in quel periodo storico, il nostro protagonista ha iniziato dalle “basi”, con un lavoro da tassista; inaspettatamente è proprio questo che l’ha portato a finire in un giro d’affari illegale.

L’intera vicenda ci sarà narrata proprio grazie la conversazione tra Tommy e il detective, attraverso una serie di focus sui momenti più rilevanti delle attività della famiglia di Don Salieri. Si tratta di una storia di odio e amore, tradimenti e perdite, ma anche tanto divertimento grazie ai diversi personaggi secondari che avremo modo di incontrare.. insomma, senza girarci troppo intorno parliamo di una delle trame migliori del suo periodo, ma estremamente avvincente e godibile tutt’oggi. La qualità della trama è avvalorata ancor più dallo stile narrativo adottato, decisamente molto azzeccato.

Mafia definitive edition

Gameplay

Il gameplay di Mafia Definitive Edition è sostanzialmente sovrapponibile a quello della versione originale del primo capitolo. Tutte le missioni che ci ritroveremo ad affrontare presenteranno una struttura diversa. Avremo infatti missioni molto ricche di sparatorie, nelle quali dovremo farci strada attraverso gruppi di nemici più o meno numerosi, altre nelle quali ci ritroveremo a guidare per la maggior parte del tempo (cosa in genere abbastanza presente) e infine alcune nelle quali ci verrà richiesto di mantenere un basso profilo e non farci notare. Si tratta dunque di un gameplay piuttosto semplice (considerando quello a cui siamo abituati oggi, nel 2020), ma nonostante ciò abbastanza variegato da cercare di ridurre la noia e la ripetitività il più possibile. 

Le due parti preponderanti nel gameplay sono dunque lo shooting e la guida dei veicoli. Per quanto riguarda il primo abbiamo un sistema abbastanza soddisfacente in termini di feedback, che va ad aggiungere, rispetto all’originale, un sistema di coperture pressoché identico a quello visto in Mafia 3. Sarà così possibile utilizzare diverse tipologie di armi da fuoco e da lancio, dalle pistole alla lupara, incluso un classico del periodo: il Thompson. Tutte queste armi regalano soddisfazioni non soltanto nel loro semplice utilizzo, ma anche nella risposta ai colpi dei nostri avversari.

Mafia definitive edition

L’utilizzo delle coperture, assieme all’uso dell’arma giusta al momento giusto, ci permetteranno di sopravvivere ai diversi scontri, considerando anche che la nostra salute non si ricaricherà in automatico, ma soltanto utilizzando kit di primo soccorso a parete. Sarà anche possibile utilizzare il corpo a corpo anche se, in questo caso, si tratta di un tipo di combattimento non certo privo di difetti e migliorabile. Questo è dovuto principalmente al fatto che se il nostro avversario vorrà sferrare un colpo dovremo necessariamente contrattaccare per poterlo colpire: anche se proveremo a sferrare un colpo a pochi centimetri dal nostro avversario durante un suo attacco, questo non avrà alcun effetto.

Anche il sistema di guida di Mafia Definitive Edition presenta alcuni alti e bassi. Si tratta infatti di una parte del gameplay abbastanza profonda e realistica, a volte anche troppo realistica. Avremo innanzitutto la possibilità di selezionare un sistema di guida realistico piuttosto che di tipo simulato e, in aggiunta, sarà anche possibile scegliere se utilizzare il cambio automatico o quello manuale dei veicoli. L’elemento più ricco in assoluto è poi dato dalla quantità di veicoli diversi disponibili, tutti ben differenziati ed utilizzabili liberamente in Free Roaming (fatti un giro) o nella modalità Autopedia, ma anche in determinate missioni. Dall’altra parte abbiamo il realismo dell’attrito sull’asfalto, specialmente in caso di pioggia, cosa che dovrete imparare a gestire per evitare il “ragequit”.

Mafia definitive edition

Longevità 

Mafia Definitive Edition presenta una durata della campagna principale non particolarmente elevata, ma perfettamente commisurata al tipo di gioco. Saranno infatti necessarie all’incirca 7-8 ore per completare tutte le missioni principali del titolo, ma questo non è tutto. È infatti presente la modalità “fatti un giro”, la quale ci permetterà di esplorare liberamente le strade di Lost Heaven (città abbastanza grande e variegata, con diversi quartieri e zone di campagna) per scoprirne alcuni segreti, raccogliere tutti i collezionabili e completare alcune missioni particolari. Il tutto per riuscire a sbloccare tutti i veicoli utilizzabili e tutti gli abiti per il nostro protagonista.

Mafia definitive edition

Comparto Tecnico

È proprio qui che risiedono tutte le novità di questa nuova Mafia Definitive Edition, coinvolgendo migliorie sotto ogni punto di vista. Partiamo innanzitutto dalla grafica di questo nuovo remake: il titolo è stato ricostruito in maniera eccellente condividendo il motore grafico, e altri piccoli dettagli con il recente Mafia 3. Abbiamo infatti texture, effetti, modelli e animazioni nuove, in grado di dare risalto ad ogni aspetto della città di Lost Heaven, ma anche a tutti i personaggi. La parte meglio riuscita è senza dubbio l’illuminazione e i vari effetti di luce e riflessi introdotti, decisamente sorprendenti e capaci di rendere il tutto estremamente realistico.

Ciononostante il titolo condivide, purtroppo, alcuni difetti con il capitolo dedicato a Lincoln Clay. Nel caso della recensione del terzo capitolo della serie abbiamo infatti già avuto modo di parlarvi di un problema abbastanza evidente, il popup della vegetazione e il rendering degli elementi lontani. Quest’ultimo è stato abbastanza ridotto, risultando riscontrabile soltanto in alcune occasioni e guidando veicoli particolarmente veloci, mentre il popup potremmo dire che è stato “mascherato”. Lost Haven è infatti una città molto distante dall’ambiente di New Bordeaux, essendo principalmente presenti strade di città e pochissime zone di campagna il popup può essere riscontrato (in maniera anche troppo evidente) solo in queste ultime.

Mafia

In aggiunta vogliamo dire che il framerate nella maggior parte dei casi riesce a mantenersi molto stabile e fluido su PlayStation 4 Pro, purtroppo però anche qui abbiamo qualche piccolo problema. In genere i cali sono abbastanza rari e limitati ad alcune particolari circostanze, ma in altri casi sono estesi alla quasi totalità della missione (una in particolare, in una zona ricca di vegetazione e con pioggia, ha avuto cali fin troppo frequenti). Da un punto di vista dei bug e glitch fortunatamente non abbiamo nulla da segnalare, se non alcune animazioni di morte pre impostate che possono risultare fuori contesto (l’animazione di caduta da una balconata a volte finisce per applicarsi anche sulle staccionate).

Concludiamo con il sonoro di Mafia Definitive Edition, anch’esso rimesso a nuovo con doppiaggi decisamente di grande livello (oltre al cast rinnovato per dare vita ai personaggi tramite motion capture). Parliamo di un titolo che merita di essere giocato in lingua italiana, proprio per un doppiaggio molto ben riuscito e per le voci che rendono perfettamente giustizia ai diversi personaggi. In maniera analoga anche le musiche risultano essere ottime e sempre adatte alle situazioni, ma soprattutto allo stile anni 30’ dato al titolo.

Dunque, questo nuovo Mafia Definitive Edition riesce perfettamente a ricreare un’esperienza ormai vecchia di 18 anni riportandola, dopo averla rinnovata sotto ogni aspetto, ai giorni nostri. Dalla trama avvincente ed interessante fino allo stupendo lavoro dietro a tutto il comparto tecnico (nonostante alcune piccole sbavature che peggiorano leggermente quest’ultimo aspetto, ma fortunatamente non in maniera irreparabile). Anche il semplice gameplay, migliorato sotto alcuni aspetti, può riuscire a convincere e accompagnare l’intera esperienza di gioco (e magari anche oltre nel Free Roaming) annoiando con difficoltà.

Oggi torniamo a parlare di The Elder Scrolls Online per l’uscita del nuovo DLC Stonethorn, il quale riprende gli eventi della nuova espansione rilasciata precedentemente quest’anno: Greymoor (della quale vi abbiamo parlato nella nostra recensione). Questo nuovo contenuto è infatti parte integrante dell’esperienza annuale chiamata “Il cuore oscuro di Skyrim” con Harrowstorm e Greymoor, e si concluderà entro la fine di quest’anno con un’ulteriore espansione. Come di consueto questo DLC va ad aggiungere all’esperienza di ESO un totale di due dungeon esplorabili e ricchi di pericoli, nuove quest dedicate, nuovi set e nuove meccaniche di gioco. Partiamo dunque innanzitutto dal parlare del “primo” di questi: Stone Garden.

Stone Garden

Questo primo dungeon ci porterà nelle profondità delle caverne di Blackreach, lungo labirintici percorsi in pietra ed antiche rovine Dwemer, dove incontreremo Gwendis (una conoscenza per i membri del Daggerfall Covenant) la quale ci chiederà di sventare i piani di un alchimista che ha fatto sua l’intera area per svolgere alcuni esperimenti. Dovremo così combattere contro orde di lupi mannari e “seguaci” dell’alchimista per giungere al termine di questa zona, particolarmente ispirata da un punto di vista estetico (ma anche degli scontri, come vedremo in seguito) proprio grazie al connubio tra le oscure profondità di Blackreach e le antiche rovine ivi presenti. L’intera area sarà inoltre colma di stanze opzionali e ricche di libri ed oggetti legati alla lore, non del tutto necessarie per completare il dungeon, o almeno questo risulta valido per la modalità normale.

Stonethorn

Diciamo questo perchè alcune di queste stanze ci conferiranno alcuni bonus (in generale per nulla di poco conto, parliamo ad esempio di un aumento di 3500 HP con riduzione del danno del 6%, o danno delle armi ed incantesimi aumentati di 375 punti) che possono essere considerati opzionali in modalità normale, ma a dir poco essenziali nella modalità veterano. Questo specialmente in virtù del fatto che ciascun bonus avrà anche un particolare effetto secondario da sfruttare soprattutto nel corso della bossfight finale (e per la quale preferiamo lasciarvi il piacere della scoperta); vogliamo infatti sottolineare innanzitutto che questo dungeon presenta un totale di tre combattimenti contro boss, e questi sono stati molto ben differenziati tra di loro e resi decisamente unici. Oltre a quella decisamente più spettacolare legata all’ultimo nemico (caratterizzato anche da un gran numero di fasi), infatti, ogni boss dovrà essere affrontato in modo cosciente e strategico, oltre che, soprattutto nel caso della modalità veterano, con un team ben coordinato.

Il tutto riesce a rendere questo Stone Garden divertente e stimolante da giocare, soprattutto qualora vi doveste ritrovare a ripetere questa missione più volte nel tentativo di recuperarne i set. Questo dungeon di Stonethorn contiene infatti, come sempre, un totale di tre set normali ed un Monster Set. I set dedicati alle build di stamina e salute sono maggiormente incentrati sull’ottenimento di punti ultimate aggiuntivi, mentre il set magicka ed il Monster set sono focalizzati sull’aumentare i danni; abbiamo infatti:

Set Elemental Catalyst (Magicka, leggero)

  • 2 Oggetti: aggiunge 1096 Magicka.
  • 3 Oggetti: aggiunge 833 Spell Critical.
  • 4 Oggetti: aggiunge 1096 Magicka.
  • 5 Oggetti: ogni volta che infliggi danno elettrico, di ghiaccio o di fuoco applichi una carica di debolezza elementare dello stesso tipo al nemico per tre secondi. Ogni carica aumenta il loro danno critico subito del 3%. Un nemico può avere una sola carica per elemento attiva.

Set Kraglen’s Howl (Stamina, medio)

  • 2 Oggetti: aggiunge 833 Weapon Critical.
  • 3 Oggetti: aggiunge 129 Stamina Recovery.
  • 4 Oggetti: aggiunge 129 Weapon Damage.
  • 5 Oggetti: dopo che un nemico che hai danneggiato di recente muore, emetti un ululato che conferisce a tre alleati entro 15 metri la sinergia Heed the Call. Attivare tale sinergia conferisce a te e a chi la attiva 12 ultimate. Questo effetto può verificarsi una volta ogni 20 secondi.

Set Arkasis’s Genius (Salute, pesante)

  • 2 Oggetti: aggiunge 1206 Salute.
  • 3 Oggetti: aggiunge 1487 Armatura.
  • 4 Oggetti: aggiunge 1206 Salute.
  • 5 Oggetti: ogni volta che bevi una pozione, tu e 3 membri del tuo gruppo guadagnate 44 ultimate. Questo effetto può verificarsi una volta ogni 30 secondi.

Set Stone Husk (Monster set)

  • 1 Oggetto: Aggiunge 833 Weapon Critical.
  • 2 Oggetti: i tuoi attacchi pesanti ti legano ad un nemico entro 10 metri per 5 secondi. I nemici che toccano il collegamento subiscono 1906 danni fisici ogni secondo e tu ottieni una carica di Husk Drain, fino a 15 cariche. Il collegamento si rompe se il nemico si allontana più di 12 metri. Questo effetto può verificarsi una volta ogni 10 secondi. Quando il collegamento finisce consumi tutte le cariche accumulate ottenendo 30 Weapon Damage per carica per 5 secondi.
stonethorn

Castle Thorn

Il secondo dungeon incluso in Stonethorn è Castle Thorn, si tratta di un vero e proprio castello il cui stile gotico si adatta alla perfezione a quanto visto sin’ora con Greymoor, tra un’ampio cimitero nebbioso e le tetre sale dell’edificio, cattedrale inclusa (il tutto a nostro avviso complessivamente più unico e meglio riuscito rispetto a Stone Garden)! Anche in questo caso sarà Gwendis ad affidarci un compito: fermare la sovrana del castello ed il suo tentativo di mettere insieme una nuova armata di vampiri. Di conseguenza, in questo caso, i nostri nemici saranno rappresentati principalmente da vampiri, i cosiddetti bloodfiend, “mastini infernali”, gargoyles ed altre creature più uniche. Il tutto con un totale di ben 5 bossfight da affrontare e, di conseguenza, una lunghezza e complessità totale maggiore di questo dungeon rispetto al primo.

stonethorn

Anche in questo caso avremo dei combattimenti caratterizzati da meccaniche uniche, specialmente nel caso del terzo boss (e dell’area che lo precede) e dell’ultimo, questo di gran lunga il più ispirato ed interessante da un punto di vista “scenografico”, nonostante non ci siano grosse variazioni in termini di meccaniche tra una fase e l’altra. Da un punto di vista della difficoltà i boss a cui prestare maggiore attenzione (soprattutto nel caso in cui vi ritroviate ad affrontare Castle Thorn a veterano) sono gli ultimi due; questo a causa di attacchi particolarmente potenti in loro possesso, ed in grado di danneggiare considerevolmente anche un tank ben costruito. Inoltre, come prima, anche in questo caso potremo ottenere una serie di nuovi set; questi però (eccezion fatta per quello leggero) risultano essere molto più interessanti da accorpare alle varie build:

Set Talfyg’s Treachery (Magicka, leggero)

  • 2 Oggetti: aggiunge 833 Spell Critical.
  • 3 Oggetti: aggiunge 1096 Magicka.
  • 4 Oggetti: aggiunge 129 Spell Damage.
  • 5 Oggetti: aumenta lo Spell Damage di 372. Aumenta il danno ricevuto dal fuoco ed abilità della Fighters Guild del 10%.

Set Unleashed Terror (Stamina, medio)

  • 2 Oggetti: aggiunge 129 Weapon Damage.
  • 3 Oggetti: aggiunge 1096 Stamina.
  • 4 Oggetti: aggiunge 1096 Stamina.
  • 5 Oggetti: quando infliggi un danno diretto con un abilità del tipo Charge, Leap, Teleport, o Pull, tagli il tuo nemico causando sanguinamento per 10 secondi ed infliggendo 19728 danni fisici nel corso della durata. Questa abilità può verificarsi una volta ogni 10 secondi per bersaglio.

Set Crimson Twilight (Salute, pesante)

  • 2 Oggetti: aggiunge 1206 Salute.
  • 3 Oggetti: aggiunge 4% cure ricevute.
  • 4 Oggetti: aggiunge 1206 Salute.
  • 5 Oggetti: dopo aver subito un danno ti circondi in 8 metri di nebbia di sangue. Dopo 2 secondi la nebbia viene violentemente convogliata nel tuo corpo infliggendo 8220 danni da sanguinamento ai nemici vicini e curandoti del 100% del danno inflitto. Questo effetto può verificarsi una volta ogni 8 secondi.

Set Lady Thorn (Monster set)

  • 1 Oggetto: aggiunge 1206 Salute.
  • 2 Oggetti: usare un’abilità che consuma salute evoca una sfera di sangue per 10 secondi. Questo effetto può verificarsi una volta ogni 10 secondi. Tu o un alleato nei pressi della sfera potete attivare la sinergia  Sanguine Burst, infliggendo 5000 Disease Damage ai nemici vicini ed applicando loro Major Maim per 5 secondi, riducendo il loro danno inflitto del 30%. I nemici possono subire Major Maim da Sanguine Burst solo una volta ogni 30 secondi.

Complessivamente Stonethorn rappresenta dunque un DLC di tutto rispetto, sulla stessa linea e qualità di quanto aggiunto fin’ora. Tra novità in termini di meccaniche nei nemici e boss da affrontare ai nuovi scenari ed ambienti da esplorare, il tutto portando avanti la trama e la lore iniziata con Harrowstorm ed espansa ed esplorata con Greymoor. Questo rendendo sempre divertente e stimolante ciascuno dei due dungeon, in ogni loro parte. Anche i nuovi set, tra alti e bassi, riescono ad insinuarsi ed adattarsi a diverse tipologie di build (nonostante principalmente quelle incentrate su DPS e Tank). Di conseguenza si tratta di un’aggiunta a The Elder Scrolls Online da non farvi sfuggire per proseguire nel “Cuore oscuro di Skyrim” e per ottenere nuove ore di gioco aggiuntive, e possibilità nei dungeon da affrontare.