Downward Spiral: Horus Station è il punto di partenza per lo studio 3rd Eye che ha creato un’esperienza per la realtà virtuale ancora un po’ grezza. Interessante la possibilità di provare a muoversi a gravità zero, peccato per il gameplay da rivedere.

In Downward Spiral: Horus Station, il giocatore si ritrova proiettato all’interno di una stazione spaziale che appare completamente abbandonata dal suo equipaggio. Il giocatore dovrà quindi muoversi in totale assenza di gravità all’interno della stazione spaziale per riuscire non solo a riattivarla, ma anche per scoprire cos’è successo al resto dell’equipaggio. Il tutto con una narrazione veramente sottotono (alcuni potrebbero definirla persino inesistente). L’esplorazione è basata sulla risoluzione di enigmi alquanto semplici: infatti si tratta spesso di trovare qualche scheda o delle batterie.

 

Nella stazione il giocatore non sarà da solo; ad accoglierlo troverà alcuni robot fluttuanti. In caso di sconfitta, si ripartirà da una delle tante camere di rigenerazione sparse in giro, mentre per procedere dovrà prima eliminare i nemici rimasti ancora in vita. Compito piuttosto semplice considerando che per i nemici non vi è respawn e che, dunque, saranno via via in inferiorità numerica.

L’esperienza di gioco si rivela senz’altro più apprezzabile attraverso l’utilizzo dei visori per la realtà aumentata. Provandolo infatti anche utilizzando mouse, tastiera e schermo del pc le sessioni di gioco in single player si sono rivelate meno coinvolgenti. Tuttavia Downward Spiral: Horus Station offre oltre all’avventura in solitaria, offre anche altre modalità di gioco come la modalità co-op e deathmatch, tutte rigorosamente in assenza di gravità… anche in questo caso però il divertimento è legato all’utilizzo dei visori.

Downward Spiral: Horus Station ci è sembrato quindi ancora parecchio grezzo, mostrando criticità un po’ su tutti i fronti, a partire dalla narrazione poco interessante. Vi consigliamo quindi di attendere che sia scontato e di giocarlo esclusivamente se dotati di un visore per la realtà aumentata.

Abbiamo provato la versione ps4 di Past Cure, titolo sviluppato a Berlino dal team Phantom-8. Il gioco descritto al momento del lancio come un “thriller horror/sci-fi” ha però mostrato fin da subito alcune problematiche. Sappiamo che per un team di sole otto persone sviluppare un titolo valido è un impresa titanica (a volte lo è persino per le case più grandi), ma in Past Cure i problemi si presentano già nel tutorial…. Per questo non vi proponiamo una vera e propria recensione, ma solamente le nostre opinioni al riguardo.

Le premesse

La storia di per sé non è una delle più originali,ma che avrebbe comunque potuto dare una marcia in più al gioco. Vi riportiamo di seguito una breve sinossi:

Dopo anni di torture, il soldato d’elite veterano Ian si ritira a vivere in un alloggio sicuro con suo fratello, soffrendo per le conseguenze degli esperimenti militari cui è stato sottoposto in passato. I suoi aguzzini fecero esperimenti con la sua mente e gli diedero capacità mentali soprannaturali (come il controllo del tempo o la telecinesi). Desideroso di trovare la verità e assetato di vendetta, Ian, aiutato da suo fratello, si mette alla ricerca dei responsabili, per scoprire cosa gli è stato fatto, e perché. Addentrandosi sempre di più dentro questo mondo criminale, Ian sarà obbligato ad usare i suoi poteri sempre di più per sopravvivere. Ma ad ogni utilizzo, la sua mente si distacca sempre più dalla realtà, rivelando inoltre la presenza di una forza oscura molto pericolosa.

Il gioco

Non ci soffermeremo per nulla sul comparto grafico, in quanto seppur non eccelso (es. animazioni un po’ legnose e texture non sempre perfette) fa il minimo per rendere il gioco “guardabile”.

A livello di gameplay invece sono dolori….dolori atroci. Se le premesse proposte e i primi secondi di tutorial, ambientato in una dimensione onirica, sembravano poter far sorvolare sulla non-originalità della trama e i difetti estetici, abbiamo dovuto scoprire con sommo rammarico che i difetti più grandi si annidavano proprio nelle fasi di gioco. Nonostande il gioco sia basato su fasi stealth, fasi di shooting o combattimenti a mani nude, senza dimenticare la possibilità/necessità di utilizzare i poteri di cui è dotato il nostro protagonista, alla lunga le sequenze noiose diventano veramente tante, decisamente troppe  Lasciando da parte la quantità di bug che ci hanno costretto a ricominciare più di una volta, fin dal tutorial le meccaniche di gioco si sono rivelate frustranti e tediose, possiamo dirvi che già solo completare il tutorial si è rivelata un impresa, non per la difficoltà ma per la noia.

In conclusione

Purtroppo Past Cure è la dimostrazione che a volte la buona volontà non basta per realizzare un titolo ben riuscito, specialmente se si vuole fare il passo più lungo della gamba con un team di otto persone e un budget veramente limitato. Non ci sentiamo di consigliarvi l’acquisto di questo titolo neppure se scontato, salvate i vostri risparmi per altro.

È stato annunciato nei giorni scorsi l’arrivo di una nuova versione per Injustice™ 2, picchiaduro acclamato dalla critica e dai gamers, seguito dell’acclamato videogioco Injustice: Gods Among Us, nel quale i giocatori possono creare e potenziare la versione definitiva dei loro personaggi DC preferiti. Con una miriade di supereroi e supercriminali tra cui scegliere, i giocatori possono personalizzare i leggendari personaggi DC con del potentissimo equipaggiamento speciale ottenuto nel gioco. Inoltre, per la prima volta, chi gioca può controllare l’aspetto del suo personaggio e il modo in cui combatte e progredisce nelle diverse modalità di gioco.

Injustice™ 2 – Legendary Edition, che sarà disponibile a partire dal 27 marzo per PlayStation®4, PlayStation®4 Pro, Xbox One, Xbox One X e PC via Steam e Microsoft Store, è il picchiaduro definitivo con i supereroi e i supercriminali DC e unisce il gioco principale ai seguenti contenuti scaricabili:

  • Tutti i personaggi giocabili scaricabili: Darkseid, Cappuccio Rosso, Starfire, Sub-Zero, Black Manta, Raiden, Hellboy, Atomo, l’Incantatrice e le Teenage Mutant Ninja Turtles.
  • Skin Premium disponibili con Injustice 2 Ultimate Edition, tra cui Power Girl, John Stewart e Lanterna Verde, Anti-Flash, Grid e Black Lightning, ciascuna con aspetto, voci e dialoghi unici.

Oltre a questi contenuti, i potenziamenti che saranno resi disponibili con Injustice™ 2 – Legendary Edition includono:

  • L’introduzione del Learn Hub, il tutorial esteso del gioco
  • Nuovo equipaggiamento per tutti i personaggi aggiunti
  • Il limite del livello dei personaggi è stato portato a 30
  • Un nuovo Slot Potenziamento diventa disponibile al livello 30.

Per ulteriori informazioni su Injustice 2 potete farvi un giretto qui.

 

Ubisoft ha annunciato che una selezione delle sedici migliori squadre al mondo della Pro League di Tom Clancy’s Rainbow Six Siege si sfideranno nell’edizione 2018 del Six Invitational. Quest’anno, il Six Invitational celebra l’anniversario dell’uscita di Rainbow Six, riunendo appassionati, giocatori professionisti, sviluppatori e streamer da ogni angolo del globo.

Il Six Invitational 2018 si svolgerà dal 13 al 18 febbraio a Montreal, dove verranno svelati  alcuni importanti contenuti in arrivo nei prossimi mesi, dando vita al maggior evento eSport mai organizzato per il gioco. L’evento includerà sedici squadre, rappresentanti tutte le quattro regioni della Pro League, che gareggeranno per un montepremi di 500.000 $, portando il totale fra tutti i tornei ufficiali dell’Anno 2 a 1.250.000 $.

Fra le squadre partecipanti figurano alcuni nomi nuovi ma piuttosto conosciuti tra gli appassionati di eSport.  La prima squadra di “nuovi arrivati” è Team Liquid, che ha ingaggiato il MOPA Team brasiliano, composto da esperti giocatori della Pro League. Sempre in Brasile, FaZe Clan ha acquisito il gruppo in precedenza noto come Team FONTT, famoso per il proprio stile di gioco veloce e divertente. Ultimo ma non certo meno importante è il team Counter Logic Gaming, che ha acquisito il gruppo nord americano degli Elevate, vincitore del Six Invitational 2017 su Xbox One. Nel corso dello scorso anno, il team è riuscito a passare con successo da Xbox One a PC.

Il Six Invitational 2018 si terrà al TOHU Montreal dal 13 al 18 febbraio e ha già ottenuto il tutto esaurito da settimane, con fan che arriveranno da tutto il mondo per riunirsi a Montreal. Il programma della manifestazione sarà così suddiviso:

– 13-15 febbraio: Fase a gironi

– 16 febbraio: Quarti di finale

– 17 febbraio: Semifinali

– 18 febbraio: Finalissima

Oltre all’intensa competizione principale, il Six Invitational ospiterà anche due sfide aggiuntive e originali, con un Showmatch che si terrà sabato 17 febbraio, e un Match All-Star prima della finalissima di domenica 18febbraio.

Il Six Invitational 2018 sarà anche l’occasione perfetta per altri annunci sia sugli aggiornamenti dell’Anno 3 di Tom Clancy’s Rainbow Six Siege, tra cui l’evento Outbreak e Operazione Chimera, sia sulla scena eSport generale di Tom Clancy’s Rainbow Six, grazie a conferenze dedicate.

Ubisoft ha annunciato che la Stagione cinque di For Honor ® , Age of Wolves, sarà disponibile dal 15 febbraio, contemporaneamente su PlayStation®4, Xbox One e Windows PC. In concomitanza con il primo anniversario di For Honor, Age of Wolves migliorerà le basi dell’esperienza di gioco concentrandosi soprattutto sul bilanciamento degli eroi, il matchmaking e la connettività.

Disponibile come aggiornamento gratuito, Age of Wolves apporterà importanti aggiornamenti agli eroi, modifiche al sistema di combattimento, nuove opzioni di personalizzazione e molto altro. Inoltre, nel corso della stagione, saranno disponibili anche i server dedicati e nuove modalità di allenamento.

Implementazione dei server dedicati
Dopo un open test a dicembre, che ha consentito al team di sviluppo di raccogliere molti dati e commenti da parte dei giocatori, l’infrastruttura dei server dedicati sarà implementata in For Honor durante la Stagione cinque. Tale implementazione eliminerà i problemi relativi a risincronizzazione, migrazione della sessione e requisiti di NAT, che i giocatori attualmente riscontrano, offrendo una connettività stabile su tutte le piattaforme. Una tempistica più precisa sull’implementazione sarà comunicata più avanti.

Importanti aggiornamenti degli eroi
Cinque eroi, Kensei, Conquistatore, Highlander, Berserker e Nobushi, riceveranno importanti aggiornamenti di gioco per bilanciare i personaggi. Il Kensei e il Conquistatore riceveranno entrambi nuovi set di mosse,animazioni e molto altro, mentre l’Highlander, il Berserker e la Nobushi riceveranno anche alcuni significativi aggiornamenti nel bilanciamento. Dopo la Stagione cinque, saranno aggiornati altri eroi, poiché il bilanciamento dell’esperienza di gioco è una delle principali priorità del team di sviluppo.

Nuove modalità di allenamento
Dopo il lancio della Stagione cinque, For Honor introdurrà tre nuove modalità di allenamento, progettate per cambiare il modo in cui i giocatori potranno affinare le proprie abilità. I nuovi giocatori potranno così apprendere le basi del gioco oltre alle tecniche avanzate nelle modalità Prove del Novizio e Prove del Guerriero. Infine, la modalità Arena consentirà ai giocatori più esperti di allenarsi contro determinate combinazioni di eroi e mosse, preparandosi così per qualsiasi potenziale combattimento.

“Dopo il lancio del gioco a febbraio 2017, il nostro team si è concentrato nel sviluppare l’esperienza iniziale aggiungendo nuovi eroi, modalità e costanti aggiornamenti di gioco”, ha dichiarato Damien Kieken, Responsabile del gioco.“Per l’inizio del 2018, vogliamo concentrarci sull’esperienza principale e rispondere alle richieste dei giocatori, dando la priorità alla stabilità del gioco online e al bilanciamento degli eroi”.

La Stagione cinque includerà anche vari aggiornamenti alla qualità dell’esperienza, tra cui un nuovo oggetto che incrementerà gli XP al posto del ripristino, il cambiamento della modalità classificata 4v4 da Dominio a Tributo, un nuovo limite al livello della reputazione, nuovi sviluppi per l’equipaggiamento e molto altro. Age of Wolves sarà la prima stagione di un intero anno di nuovi contenuti per For Honor nel 2018.

Bigben NeocoreGames svelano il video della campagna single player di Warhammer 40,000: Inquisitor – Martyr, titolo che uscirà per Xbox One, PlayStation 4 e PC.

Una gigantesca fortezza-monastero abbandonata alla deriva nel settore dei Caligari … Quali segreti oscuri scopriranno gli Inquisitori, esplorando questa nave monumentale?  È possibile scoprilo in quest’ultimo trailer.

Warhammer 40,000: Inquisitor – Martyr è un RPG d’azione ambientato nell’universo di Warhammer 40.000. Il giocatore è un Inquisitore nel settore dei Caligari, una regione infestata da eretici, mutanti, Xenos traditori e demoni degli Dei del Caos. Il gioco è giocabile in modalità single player e in modalità cooperativa online fino a 4 giocatori, e consente al giocatore di svilupparsi in un mondo persistente attraverso un gran numero di missioni con vari obiettivi. Dopo aver selezionato una delle tre classi di inquisitore, si verrà gettati nell’azione all’interno di ambienti distruttibili che forniranno copertura in modo da sopravvivere al combattimento che sia esso tattico o brutale.

Bigben Interactive
Bigben Interactive è uno tra i più importanti sviluppatori indipendenti, produttore e distributore di periferiche per tutte le principali console, Publisher di videogame e uno dei maggiori player nel comparto degli accessori per la telefonia mobile e nei prodotti audio. Apprezzato per la creatività e l’innovazione, il Gruppo ha l’obiettivo di diventare uno dei principali leader europei in ciascuno dei suoi principali segmenti di mercato.

Games Workshop
Games Workshop® Group PLC (LSE:GAW.L), based in Nottingham, UK, produces the best fantasy miniatures in the world. Games Workshop designs, manufactures, retails, and distributes its range of Warhammer®: Age of Sigmar® and Warhammer® 40,000® games, miniature soldiers, novels and model kits through more than 460 of its own stores (branded Games Workshop® or Warhammer®), the www.games-workshop.com web store and independent retail channels in more than 50 countries worldwide.

Neocore Games
Neocore Games is an independent video game development company founded in 2005. Our headquarters are located in Central Europe. Our passionate group consists of professionals from diverse backgrounds including game development, graphic arts, programming and acting. Their unique mix of skills and experiences bring a fresh perspective and innovation to the game development industry.

Bigben e Kylotonn hanno da poco rilasciato un nuovo video di TT Isle of Man, il gioco di corse motociclistiche sul Tourist Trophy che uscirà a marzo 2018 per Playstation 4, Xbox One e PC. Il video “The Rush”, trasmette una pura scarica di adrenalina, proprio come il Tourist Trophy, la gara più impegnativa e sensazionale che ci sia mai stata.

Il Tourist Trophy dell’Isola di Man è senza dubbio una delle corse motociclistiche più impegnative del pianeta. Le strade dell’isola dove si svolge la competizione sono sinuose, strette, ondulate e attraversano persino i piccoli villaggi sparsi per il percorso. Per evitare incidenti, tutte le strade a scorrimento di traffico vengono chiuse durante il periodo di gara.

TT Isle of Man, Bigben e Kylotonn vogliono offrire un’esperienza di gioco altamente immersiva, e per dimostrarlo hanno rilasciato il video “The Rush”. Basta guardarlo per frasi immediatamente un’idea della sensazione di velocità offerta dal gioco. Vibra al ritmo della strada, trema ad ogni svolta: la scarica di adrenalina è garantita! Per raggiungere un tale grado di immersione e sensazioni, il gioco utilizza le migliori tecnologie con una riproduzione su vasta scala della pista e un’attenzione meticolosa al minimo dettaglio, come il rumore dell’aria che scorre a causa della velocità.

Nello sviluppo del gioco, Kylotonn ha scelto di lavorare insieme ad alcuni dei migliori piloti di questa mitica gara per rendere il gioco il più vicino possibile alla realtà. Uno di loro, John McGuinness, che ha preso parte al TT Isle of Man 73 volte e ha collezionato 23 vittorie, ha dichiarato: “Il gameplay è sbalorditivo! Questo titolo è senza dubbio una delle più impressionanti simulazioni motociclistiche che ho mai giocato.”

Se volete dare uno sguardo al video “The Rush” potete farlo qui.

Non ci resta dunque che aspettare il mese di marzo per sapere se il gioco riuscirà a regalare le stesse emozioni del suo fantastico trailer.

Jam City, casa di produzione di giochi per mobile, in collaborazione con Warner Bros., ha diffuso nuovi dettagli su Harry Potter: Hogwarts Mystery, tra cui il primo trailer promozionale del gioco.

Harry Potter: Hogwarts Mystery è il primo gioco in cui i giocatori potranno creare il proprio personaggio e vivere l’esperienza di essere uno studente di Hogwarts. Sarà infatti possibile creare un avatar personalizzato dello studente, frequentare le lezioni, apprendere le abilità della magia, creare amicizie o rivalità con altri studenti, e prendere decisioni chiave che influenzeranno lo svolgimento della storia del loro personaggio. Il gioco sarà lanciato da Portkey Games della Warner Bros. Interactive Entertainment, un’etichetta dedicata alla creazione di esperienze di gioco ispirate dalla magia e dalle avventure del magico mondo creato da J.K. Rowling.

Prima del lancio, previsto per questa primavera, il titolo verrà presentato agli appassionati nel prossimo evento A Celebration of Harry Potter che si svolgerà presso gli Universal Studios in Orlando, Florida, dal 26 al 28 gennaio. In questa occasione, i partecipanti potranno finalmente dare un’occhiata al gioco in due panel ospitati dal team di Jam City.

Harry Potter: Hogwarts Mystery è un gioco di ruolo su magia, amicizia, e sulla vita da studente nella Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts,” ha dichiarato Chris DeWolfe, co-fondatore e Amministratore Delegato di Jam City. “Siamo impazienti di permettere agli appassionati di dare un primo sguardo al gioco in occasione dell’evento A Celebration of Harry Potter, e questa primavera, i giocatori potranno esplorare completamente Hogwarts nel percorso che li porterà a diventare maghi.”

Il gioco sarà ambientato nel periodo che intercorre tra la nascita di Harry Potter e la sua iscrizione a Hogwarts, quando Ninfadora Tonks e Bill Weasley erano studenti. Il sistema di personalizzazione degli avatar consentirà di aggiornare costantemente il proprio avatar in modo da poter acquisire nuove capacità e abilità da mago, e sarà anche possibile scegliere il proprio animale preferito. Si entrerà a far parte di una delle quattro Case prima di poter avanzare negli anni a Hogwarts, partecipando alle lezioni di magia e ad attività quali Pozioni e Trasfigurazioni. Il miglioramento delle proprie capacità sarà utile per risolvere misteri e per poter affrontare le avventure proposte. Quando i giocatori miglioreranno le proprie capacità, sbloccheranno nuove località, nuovi incantesimi e altri poteri magici.

Harry Potter: Hogwarts Mystery presenterà sia trame di ampio respiro che storie più brevi. Il gioco presenterà un nuovo sistema di incontri in cui le decisioni dei giocatori, sia nelle azioni che nella narrazione, si rifletteranno anche nelle loro ricerche e nei modi in cui gli altri personaggi li vedranno ed interagiranno con loro. Queste possibilità di scelta consentiranno agli appassionati di Harry Potter di creare il personaggio di partenza del mago o della maga che desiderano diventare.

Harry Potter: Hogwarts Mystery è concesso in licenza da Warner Bros. Interactive Entertainment, sviluppato da Jam City e questa primavera sarà distribuito per i dispositivi mobili da Portkey Games, la nuova etichetta delle esperienze di gioco ispirate alla magia e alle avventure del mondo magico di J.K. Rowling. Il titolo sarà disponibile nell’App Store, in Google Play, e nell’Appstore di Amazon. Per avere maggiori informazioni su Harry Potter: Hogwarts Mystery, e per connettersi con altri appassionati di Harry Potter in attesa del vostro gufo visitate www.facebook.com/HPHogwartsMystery/www.twitter.com/HogwartsMystery, inoltre, per ulteriori informazioni visitate www.HarryPotterHogwartsMystery.com/.

Il trailer di lancio è invece disponibile qui.

Milestone si è finalmente decisa a rivelare tutti i dettagli di una delle feature più attese di Monster Energy Supercross – The Official Videogame: il track editor. Progettato per dare la possibilità a tutti i fan di vivere l’esperienza del Supercross come mai prima d’ora, il track editor permetterà di creare la propria pista, customizzarla e condividerla online, aprendo le porte a infinite possibilità di gioco.

Il track editor è decisamente facile da utilizzare, per realizzare il proprio tracciato servono poche semplici mosse:

SCEGLIERE LO STADIO:

La scelta dello stadio è il primo passo verso la creazione della pista: si potrà scegliere tra stadi di football o baseball, di diverse dimensioni, sia coperti che all’aperto. Una volta scelto lo stadio, si potrà procedure alla realizzazione della track vera e propria.

DIVENTARE IL TRACK DESIGNER:  

Il track editor è basato su un sistema modulare, grazie al quale i giocatori potranno scegliere tra più di 80 moduli che combinati insieme andranno a generare il circuito. Prima di tutto, bisognerà posizionare la starting grid, scegliendo tra i vari tipi disponibili. Dopo di che, il videogiocatore potrà sbizzarrirsi con i molti moduli disponibili: curve con diverse angolazioni, salti di molte tipologie come i whoopsalti singoli o tripli e rettilinei, fino ad arrivare alla finish line in chiusura.

Passo dopo passo, la pista prenderà vita e una volta conclusa potrà essere caricata online e resa disponibile per altri utenti. Il track editor permetterà di generare centinaia di track diverse per correre da soli o online, così come scaricare le piste di altri utenti dalla community.

INTERAGIRE CON GLI ALTRI GIOCATORI:

La forza del track editor sta anche nel fatto che questa feature permette ai fan di interagire sia con gli elementi del gioco che con gli altri utenti. Una volta caricati sul server, l’utente potrà infatti mettere “mi piace” ai circuiti di altri giocatori, aumentando il prestigio del track designer. Il prestigio rappresenta un valore aggiunto al gioco, dal momento che consente di procedere nei campionati e sbloccare articoli esclusivi come livree di bronzo, argento o oro, sponsor, butt patches, icone profilo e molto altro. Il track editor funziona con le modalitàSingle EventTime Attack Custom Championship e con gli online modes.

Purtroppo il track editor non sarà disponibile su Nintendo Switch.

Monster Energy Supercross – The Official Videogame sarà disponibile a partire dal 13 Febbraio, 2018 su PlayStation®4Xbox OneWindows PC®/STEAM, e Nintendo Switch™.

Per chi volesse provare un’anteprima del track editor, è disponibile sulla pagina Facebook del gioco un mini game della feature. #MySupercrossTrack App offrirà, infatti, una versione limitata del track editor, aspettando Febbraio per la versione completa.

Mad Catz Global Limited, noto marchio, nonché leader dell’innovazione hardware da gaming per quasi tre decenni, ha da poco annunciato un ritorno a sorpresa sulla scena internazionale. Meno di un anno dopo la sua (ormai apparente) scomparsa dal mercato videoludico globale, Mad Catz è tornata: sotto una nuova gestione, con nuove idee, ma soprattutto con un’intera gamma di nuovi prodotti pensati per i gamer.

In passato Mad Catz si era fatta conoscere per la gamma di mouse da gioco RAT ™, i controller arcade FightSticks, headset e molto altro ancora, mentre la nuova Mad Catz si impegna per il futuro a produrre prodotti di gioco innovativi, pensati e progettati internamente per distinguersi dalla concorrenza e offrire prestazioni notevoli  ad ogni tipo di giocatore, da quelli più skillati ai meno. Al CES 2018, Mad Catz presenterà in anteprima alcuni prodotti della nuova gamma, come ad esempio una linea di nuovissimi hardware per giochi  PC tra cui il nuovo R.A.T. mouse, le tastiere S.T.R.I.K.E. ™, le cuffie da gioco F.R.E.Q. ™ e le superfici da gioco G.L.I.D.E. ™..

RAT AIR+PAD

I prodotti chiave della nuova gamma includono R.A.T.AIR ™, una nuova versione del mouse da gioco, completamente regolabile e dotato di un sistema di alimentazione wireless all’avanguardia. R.A.T.AIR non richiede alcuna batteria per funzionare, ma sarà invece ricaricabile tramite la superficie di gioco, ad attivazione wireless, fornita insieme al mouse. Per i giocatori che preferiscono utilizzare la propria superficie di gioco, R.A.T.AIR include anche un cavo USB in dotazione, che converte istantaneamente R.A.T. in un mouse cablato.

STRIKE 4

La tastiera da gioco S.T.R.I.K.E.4 è dotata di cornice in alluminio e illuminazione RGB, mentre l’headset da gioco F.R.E.Q.4, utilizza driver al neodimio da 40 mm  e un telaio placcato in metallo. Ulteriori dettagli sui nuovi prodotti nella gamma dovrebbero essere annunciati a breve.

FREQ 4

“Non potremmo essere più entusiasti di iniziare il 2018 annunciando il ritorno di Mad Catz nell’arena videoludica globale. Mad Catz è stata una presenza fissa nel mondo gaming per quasi tre decenni e crediamo fermamente che i prossimi giorni possano essere i migliori “, ha dichiarato Selena Chang, direttrice delle vendite e delle operazioni di Mad Catz Global Limited. “Ascoltando i giocatori di tutto il mondo, abbiamo in programma di forgiare ancora una volta un percorso di innovazione nella comunità dell’hardware di gioco e stiamo già lavorando alla distribuzione di prodotti che riteniamo possano migliorare le capacità dei giocatori e rendere giustizia al nome di Mad Catz. Non vediamo l’ora di svelare qualcosa di più al CES 2018 e nei mesi a venire. ”

Mad Catz Global Limited mostrerà nuovi prodotti nella gamma solo su invito al CES 2018, che si terrà a Las Vegas, in Nevada, dal 9 al 12 gennaio 2018.

Ulteriori informazioni disponibili qui.